Dall Obiezione Di Coscienza Al Servizio Civile
Upcoming SlideShare
Loading in...5
×
 

Dall Obiezione Di Coscienza Al Servizio Civile

on

  • 1,576 views

 

Statistics

Views

Total Views
1,576
Views on SlideShare
1,568
Embed Views
8

Actions

Likes
0
Downloads
12
Comments
0

1 Embed 8

http://sasol.alianteweb.com 8

Accessibility

Categories

Upload Details

Uploaded via as Adobe PDF

Usage Rights

© All Rights Reserved

Report content

Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
  • Full Name Full Name Comment goes here.
    Are you sure you want to
    Your message goes here
    Processing…
Post Comment
Edit your comment

Dall Obiezione Di Coscienza Al Servizio Civile Dall Obiezione Di Coscienza Al Servizio Civile Presentation Transcript

  • Dall’ obiezione di coscienza al servizio civile nazionale Dal 1948... La Costituzione, entrata in vigore il 1 gennaio 1948, prevede, all’articolo 52, che «La difesa della Patria è sacro dovere del cittadino. Il servizio militare è obbligatorio nei limiti e modi stabiliti dalla legge». Non c’è alcun riferimento alla possibilità di obiettare (cosa che invece è prevista dalle carte costituzionali di alcuni Paesi europei) nonostante il fatto che, durante i lavori della Costituente, allorquando si discute dell’impianto da dare alle Forze Armate, due deputati presentino un emendamento, poi bocciato, volto a introdurre il diritto all’obiezione di coscienza. I primi due casi di obiezione di coscienza che si verificano in Italia nel dopoguerra sono quelli di Rodrigo Castiello ed Enrico Ceroni, il primo pentecostale, il secondo testimone di Geova. Ma è il caso di Pietro Pinna, proclamatosi nonviolento, a suscitare il primo dibattito nel Paese, nel 1949,