LIBERA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI “S. PIO V” - ROMA                      FACOLTÀ DI INTERPRETARIATO E TRADUZIONE              ...
TERMINI TECNICI E DEFINIZIONIROMANIZZAZIONE: è la rappresentazione, con caratteri latini, dei suoni di unalingua il cui si...
UN ESEMPIO DI TRASCRIZIONE O TRASLITTERAZIONE   Dunque, se fosse possibile utilizzare sempre una trascrizione scientifica ...
PROBLEMI E DIFFICOLTÀEcco un elenco dei principali problemi:1. Traslitterazione dei nomi di famiglia di persone arabe,   s...
SISTEMI DI TRASCRIZIONE E METODI DI TRASLITTERAZIONE   In poche parole, si tratta di sistemiche tentano di rappresentare l...
Nel corso degliCONSEGUENZE ED "EFFETTI COLLATERALI"                     ultimi decenni, le tecnologie di comunicazione occ...
ESEMPIO DI CONVERSAZIONE IN CHAT UTILIZZANDO L’ARABISH E                                L’INGLESE Mittente    Destinatario...
PERCHÈ "ROMANIZZARE" ?1. Motivazioni economiche: le esigenze della   globalizzazione, il progresso, la diffusione delle   ...
UN PROBLEMA, DIVERSE SOLUZIONI    Dunque, tutti i problemi con la lingua araba derivano dalla mancanza di un unicosistema ...
Upcoming SlideShare
Loading in...5
×

La romanizzazione dell'alfabeto arabo

1,451

Published on

The Romanization of the Arabic Alphabet

Published in: Education
0 Comments
1 Like
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

No Downloads
Views
Total Views
1,451
On Slideshare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
1
Actions
Shares
0
Downloads
0
Comments
0
Likes
1
Embeds 0
No embeds

No notes for slide

La romanizzazione dell'alfabeto arabo

  1. 1. LIBERA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI “S. PIO V” - ROMA FACOLTÀ DI INTERPRETARIATO E TRADUZIONE CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN TRADUZIONE TESI DI LAUREA in Traduzione tecnico-scientifica LA ROMANIZZAZIONE DELL’ALFABETO ARABO: PROBLEMI DI TRASCRIZIONE E DI TRASLITTERAZIONECandidato RelatoreAlessandro Falvo Prof. Magdy Anbar Anno Accademico 20007/08 Sessione invernale
  2. 2. TERMINI TECNICI E DEFINIZIONIROMANIZZAZIONE: è la rappresentazione, con caratteri latini, dei suoni di unalingua il cui sistema di scrittura non usa l’alfabeto latino. In pratica, è il tentativo ditraslitterare o di trascrivere una scrittura non latina (come il cirillico o l’arabo) in unascrittura latina (come il francese o litaliano).TRASCRIZIONE: è la rappresentazione TRASLITTERAZIONE: è unoperazione(in modo più o meno approssimativo) che consiste nel trascrivere i grafemidella pronuncia di una lingua e dipende (cioè i segni elementari che costituisconospesso dagli usi locali della lingua di il linguaggio scritto, ovvero le singolecolui che trascrive. Per esempio, il lettere) di un alfabeto nei grafemi di unsuono [ʃ] (o [š]; come in sciame) altro alfabeto, in modo tale che ad unapotrebbe essere trascritto in italiano sequenza di grafemi della lingua ditramite il digramma sc o il trigramma partenza corrisponda sempre uno stessasci, mentre un anglofono sceglierà sequenza di grafemi del sistema dish, un tedesco sch, un francofono ch e scrittura di arrivo, e questo
  3. 3. UN ESEMPIO DI TRASCRIZIONE O TRASLITTERAZIONE Dunque, se fosse possibile utilizzare sempre una trascrizione scientifica (e si notisempre la differenza fra traslitterazione e trascrizione) non avremmo difficoltà. Così latrascrizione di un breve testo quale: (Agli uomini non è dato conoscere il giorno della propria morte)potrebbe essere: laysa al-insānu abadiyyan, wa-lakinnahu lā ya’rifu yawma mawtihima la sua traslitterazione, utilizzando i segni corrispondenti delle effettive consonantiarabe usate per scrivere il testo che, in arabo, non nota le vocali brevi è la seguente: lys ‘l’ns’n ‘bdy’ wlknh l’ y’rf ywm mwth .Si può chiaramente notare, dopo quanto appena detto, che esiste una duplicemodalità per trascrivere certi tratti fonetico-morfologici dell’arabo. Per la resa in caratteri latini delle lettere dell’alfabeto arabo non esistono principiuniversalmente accettati. Negli stessi Paesi arabi, la romanizzazione segue spessocriteri improntati alla fonetica francese o inglese, a seconda dell’impostazioneculturale (derivata dalle diverse colonizzazioni) di volta in volta prevalente.
  4. 4. PROBLEMI E DIFFICOLTÀEcco un elenco dei principali problemi:1. Traslitterazione dei nomi di famiglia di persone arabe, soprattutto nei documenti di identità ufficiali (es. un passaporto durante un viaggio in Europa);2. Catalogazione di libri o riviste in lingua araba nelle biblioteche occidentali;3. Trascrizione dei luoghi e dei nomi geografici sulle mappe;4. Archiviazione di documentazione o atti ufficiali in più lingue (es. aziende multinazionali o istituzioni internazionali). Sopra: copia di un passaporto italiano con obbligo di traduzione in arabo per coloro che si recano in Libia. A sinistra: catalogazione problematica di un
  5. 5. SISTEMI DI TRASCRIZIONE E METODI DI TRASLITTERAZIONE In poche parole, si tratta di sistemiche tentano di rappresentare le letterearabe con i caratteri latini deglialfabeti occidentali più importanti(inglese, francese, tedesco). Fino adoggi, ogni tentativo ha avuto unsuccesso parziale, poiché a livellointernazionale non si riesce ad adottareun unico sistema di riferimento. Tra quelli rappresentati nella tabellaqui a fianco, lARABISH non è unmetodo scientifico ma un sistema nonben definito che si è diffuso tra i giovaniarabofoni. È facile immaginare la confusione edi problemi creati dai diversi sistemi
  6. 6. Nel corso degliCONSEGUENZE ED "EFFETTI COLLATERALI" ultimi decenni, le tecnologie di comunicazione occidentali si sonodiffuse sempre più nel mondo arabo. I personal computer, il World Wide Web, le e-mail, le chat, i blog, i social network (come Facebook, Myspace, ecc.) e latelefonia mobile in generale sono tecnologie che originariamente consentivano dicomunicare usando soltanto l’alfabeto latino, e alcuni di essi, ancora oggi, non hannoneanche l’alfabeto arabo tra le funzioni opzionali.È vero che il progresso tecnologico migliora i canali ed i mezzi di comunicazione manel caso dei "telefonini", per esempio, cosa succede quando si hanno a disposizionesolo i 160 caratteri di un SMS? La risposta è semplice ed evidente a tutti: numerosi sono, infatti, i casi di scritturaconsonantica, di abbreviazioni, di logografia, di compitazione simbolica, ecc. Inparticolare, però, possiamo notare un altro fenomeno: per riprodurre alcune parole (oparte di esse) gli scriventi scelgono, a dispetto di qualunque regola grammaticale oortografica, una grafia più breve rispetto a quella corretta. Anche per larabo è lostesso: non siamo di fronte a semplici abbreviazioni, che consistono nell’eliminarealcune lettere di una parola, l’idea è piuttosto quella di una “scrittura a orecchio”: siottimizza il materiale linguistico necessario per riprodurre una determinata
  7. 7. ESEMPIO DI CONVERSAZIONE IN CHAT UTILIZZANDO L’ARABISH E L’INGLESE Mittente Destinatario Conversazione TraduzioneRodaina Alessandro eh a5bar fy roma ? che novità (ci sono) a Roma?Alessandro Rodaina shams! (c’è il) sole!Rodaina Alessandro really ? davvero?Alessandro Rodaina wa lamma fy shams kull tamam! e quando c’è il sole va tutto bene!Rodaina Alessandro :-D nice :-D beneAlessandro Rodaina el youm mumkin 15-16 degree oggi (ci sono) circa 15-16 gradiRodaina Alessandro keda great or not ?? e va bene o no?Alessandro Rodaina keda qways... 3ashan el 3ady huwa less va bene… perché normalmente è minore ya3ny dilwati qways cioè ora (è) buonoRodaina Alessandro gamil bello tab tamam ok chiaro here in alex cold qui ad Alexandria (è) freddoAlessandro Rodaina ah ah ah ! ah ah ah ! there is no cold there... non fa freddo lì… it’s impossible è impossibileRodaina Alessandro :D no 4 us keda cold awyy :-D no per noi fa molto freddo
  8. 8. PERCHÈ "ROMANIZZARE" ?1. Motivazioni economiche: le esigenze della globalizzazione, il progresso, la diffusione delle nuove tecnologie, la presenza delle multinazionali nei paesi in via di sviluppo.2. Motivazioni socio-linguistiche:a) la società globale tende ad unomologazione dei comportamenti umani;b) lalfabeto che tutto il mondo utilizza per navigare su internet è "romano";c) attualmente larabo è la 5ª lingua più parlata al mondo: circa 480 milioni di persone, tra madrelingua e seconda lingua;d) linglese (e il suo alfabeto), parlato da oltre un quinto della popolazione mondiale, è un elemento essenziale della nuova cultura globale. …perché il mondo irrompe nelle nostre case!
  9. 9. UN PROBLEMA, DIVERSE SOLUZIONI Dunque, tutti i problemi con la lingua araba derivano dalla mancanza di un unicosistema di romanizzazione universalmente riconosciuto. L’estrema utilità di renderecompatibili i diversi alfabeti è evidente: in conseguenza della crescente integrazionemondiale tra popoli di etnia diversa, tale esigenza diventerà sempre più pressante neiprossimi anni. Un modo di affrontare Una soluzione possibile Come ultima possibilità,la questione è quello di sarebbe quella di scegliere si può sempre scegleire dicreare e adottare un e adottare uno dei tanti non fare nulla e lasciaresistema di codifiche sistemi di che il tempo cambi leunico compatibile su romanizzazione, anche cose, come avvienetutti i computer (tipo temporaneamente, per praticamente da secoli.ASCII o UNICODE), per permettere a tutti di partire Perché, se è vero che ilcomunicare anche a da un punto di riferimento. progresso e la tecnologialivello regionale con la Ma mettere d’accordo migliorano alcuni aspettilingua locale. Come troppe “teste” ad accettare della nostra vita, è anchehanno fatto le grandi un’unica soluzione non è vero che ne peggioranomultinazionali che mai facile e richiederebbe degli altri, soprattutto le

×