L'uso delle nt per la didattica 4

974 views
935 views

Published on

Utilizzo delle nuove tecnologie per la didattica dell'italiano come lingua straniera.

Published in: Education
0 Comments
0 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

No Downloads
Views
Total views
974
On SlideShare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
0
Actions
Shares
0
Downloads
18
Comments
0
Likes
0
Embeds 0
No embeds

No notes for slide

L'uso delle nt per la didattica 4

  1. 1. WebQuest<br />L’uso delle NT per la didattica<br />
  2. 2. Ambiente costruttivista di apprendimento basato sull’uso estensivo di Internet e di altre risorse off-line in grado di mettere gli allievi nelle migliori condizioni per apprendere conoscenze e acquisire competenze con strategie di lavoro cooperativo o di problemsolving<br /> Gli ideatori di questo tipo di attività sono stati BernieDodge e Tom March dell’Università di San Diego.<br />Cos’è il WebQuest<br />
  3. 3. Rifiuta la trasmissione del sapere codificato<br />Promuove la pratica e l’interiorizzazione di una metodologia d’apprendimento che renda progressivamente il soggetto autonomo nei propri processi conoscitivi<br />Costruttivismo<br />
  4. 4. È il prodotto di:<br />Costruzione attiva del soggetto<br />Situazione concreta in cui avviene l’apprendimento<br />Attività di problemsolving<br />Molteplicità di strumenti e risorse informative<br />Collaborazione sociale e comunicazione interpersonale nel comune perseguimento di obiettivi di apprendimento<br />Conoscenza<br />
  5. 5. 1 L’introduzione: orienta e cattura l’interesse degli studenti.<br />2 Il compito: descrizione del prodotto finale che l’allievo deve eseguire.<br />3 Il processo: spiegazione delle strategie necessarie per svolgere il compito.<br />4 Le risorse: siti Web o libri da utilizzare.<br />5 La valutazione: come misurare i risultati dell’attività.<br />6 La conclusione: sintesi dell’attività che stimola gli studenti a riflettere sul processo nonché i risultati ottenuti. <br />La struttura<br />
  6. 6. L’argomento: scegliere un obiettivo del programma didattico o qualcosa di cui si è esperti o interessati, che ha una presenza in rete, con diverse prospettive che possono essere sfruttate nell’analisi.<br />Il compito: the Task, secondo Dodge, è l’elemento più importante della WebQuest al quale va dedicata particolare attenzione. <br />Progettazione<br />
  7. 7. La definizione dei compiti e dei ruoli nell’ambienteWebQuestè uno dei punti nodali nella loro realizzazione.<br />Dodge ha classificato i compiti, anche se non in maniera rigorosa e definitiva, in dodici categorie in una tassonomia che ha chiamato taskonomy<br />Taskonomy<br />
  8. 8.
  9. 9.
  10. 10.
  11. 11.
  12. 12.
  13. 13.
  14. 14.
  15. 15.
  16. 16.
  17. 17.
  18. 18.
  19. 19.
  20. 20.
  21. 21. Il processo: descrizione dei ruoli e l’ordine dei passi con diagramma, tabella, glossario che guida gli studenti a ricevere le informazioni, trasformarle e produrre il progetto finale.<br />Le risorse: identificare i siti Web (con parole chiave in motori di ricerca) per creare un elenco dei siti (o altro materiale) adatti all’età e all’ interesse degli studenti. <br />La valutazione: chiara descrizione degli obiettivi sia qualitativi che quantitativi; criteri per assegnare i punti creando almeno 3 livelli di profitto<br />Gli altri elementi<br />
  22. 22. Viene dedicato più tempo per l’uso e per la trasformazione delle informazione che per la ricerca<br />Permette agli studenti di evitare il sovraccarico cognitivo<br />Gli studenti hanno un ruolo attivo; l’insegnante li guida<br />Gli studenti creano risposte non predefinite<br />Assimilazione dei fatti al fine di scoprire una conclusione significativa<br />Sollecitazione di un linguaggio di comunicazione da uno a uno, da uno al gruppo, per risolvere problemi, criticare e concordare<br />Un progetto creativo e flessibile, che rispecchia una procedura autentica, con una composizione chiara e risorse pertinenti<br />I punti focali<br />
  23. 23. Importante stimolare lo studente con un’attività interessante ma attraverso il livello di lingua adeguato <br />Altri possibili obiettivi linguistici: discutere, raccontare, paragonare, illustrare, mostrare, completare, classificare, indagare, identificare, separare, scomporre,creare, inventare, pianificare, formulare, immaginare, scegliere, verificare, giudicare <br />Le WQ nell’insegnamento delle lingue <br />
  24. 24. Struttura per creare le WebQuest<br />http://www.aclresources.net/cgi-bin/quests/umm.cgi?page=signup<br />http://webquest.sdsu.edu/adapting/index.html<br />http://webquest.sdsu.edu/designpatterns/all.htm<br />In italiano<br />http://www.webquest.it/index.php3<br />In inglese<br />http://www.webquest.org/<br />http://webquest.sdsu.edu/<br />http://webquest.sdsu.edu/designsteps/index.html<br />www.education-world.com<br />Benjamin S Bloom, Taxonomy of Educational Objectives 1956<br />Risorse<br />
  25. 25. WebQuest in inglese<br />http://www.thematzats.com/radio/radio.htm<br />http://oncampus.richmond.edu/academics/education/projects/<br />http://www.lubbockisd.org/webquests/MeetImmigrants/index.htm<br />Risorse <br />

×