Gli adolescenti e la pratica sportiva

2,284 views
1,922 views

Published on

0 Comments
2 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

No Downloads
Views
Total views
2,284
On SlideShare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
1
Actions
Shares
0
Downloads
58
Comments
0
Likes
2
Embeds 0
No embeds

No notes for slide

Gli adolescenti e la pratica sportiva

  1. 1. Gli adolescenti di fronte alle possibilità e alle sfide della pratica sportiva. Basi conoscitive per un intervento educativo efficace Dott. Ssa Alessandra Parroni Psicologa, Psicoterapeuta, Psicologa dello Sport
  2. 2. Psicologia dello Sport• Problematiche dello sport giovanile• Aspetti etici dello sport• Studio delle abilità mentali richieste da ciascuno sport• Studio dell’attivazione (arousal) e del focus attentivo richiesto da ciascuno sport• Mental Training
  3. 3. Lo sport è un importante strumento educativo• Fa sperimentare emozioni intense e positive• Favorisce i bisogni di socializzazione, appartenenza e autorealizzazione• Incrementa lo sviluppo e l’acquisizione di abilità cognitive (soluzione di problemi, creatività, flessibilità psicologica) e competenze motorie• Previene marginalità e dipendenze• Facilita l’integrazione (società multietnica)• Previene e/o compensa i disagi provocati dai nuovi stili di vita (obesità, scoliosi, cattiva alimentazione e fast-food)• Aumenta la fiducia in se stessi e la confidenza/accettazione del proprio corpo• Insegna il rispetto di un sistema di regole, l’assunzione di responsabilità e il rispetto dell’avversario• Rende “filosofi”: si vince e si perde (accettare la sconfitta)
  4. 4. Lo sport sviluppa l’Intelligenza Agonistica:• Motivazione• Concentrazione• Flessibilità• Resilienza• Strategiaovvero Intelligenza Agonistica
  5. 5. Approccio realistico: I rischi dello sport giovanile• Programmi di allenamento inadeguati (sovrallenamento)• Assenza di consapevolezza delle differenze fra sport agonistico e sport amatoriale• Precocizzazione dell’agonismo con ciò che di negativo ne consegue (disturbi del comportamento alimentare- anoressia, creazione di false aspettative nei ragazzi, frustrazione e insicurezza, eccessive pressioni verso il risultato, doping, abbandono degli studi o scadimento dei risultati scolastici, interiorizzazione di modelli sportivi negativi, tendenza all’infortunio sportivo o drop-out ingiustificato, nikefobie, stati ansiosi)
  6. 6. Campioni•••••••• La differenza:• Mente e strategia•
  7. 7. Lance Armstrong: mente forte, strategia sbagliataMente forte: Determinazione, Volontà,Gestione delle Emozioni, ResilienzaStrategia efficace: Obiettivi Chiari edEtica (Sistema Valoriale, Impegno senzaScorciatoie)
  8. 8. Etica sportiva• Etica dei princìpi (rispetto dell’avversario, delle differenze etniche, culturali, di genere, delle potenzialità; rispetto delle regole)• Etica delle responsabilità (agenzie educative: famiglia, associazioni sportive, allenatori, atleti e personaggi del mondo dello sport) – proposta di modelli -
  9. 9. Le norme etiche sono una risposta ai problemi dello sport:• Violenza nelle competizioni (sport di contatto)• Violenza intorno allo sport (tifoserie)• Discriminazioni• Disonestà e valutazione delle prestazioni non sempre imparziale• Interferenze politiche ed economiche• Doping• Sovrallenamento
  10. 10. Educare allo sport vuol dire educare alla vita
  11. 11. Alcuni esempi di codici generali di etica sportiva• Codice Europeo di Etica Sportiva (VII Conferenza dei Ministri Europei) Rodi 1996• Codice Etico Coni• Linee guida del Panathlon• Carta Etica per lo Sport Regione Piemonte
  12. 12. Carta Etica per lo Sport Regione Piemonte – Alcuni punti:• Garantire la tutela dei minori e il corretto ed equilibrato sviluppo psicofisico, intellettuale, morale e sociale nelle condizioni di libertà e dignità• Mettere in guardia le famiglie contro i pericoli - da decifrare – di specializzazione precoce, doping ed altre forme di abuso (sovrallenamento, condotte alimentari inadeguate e/o dannose)• Educare alla gestione costruttiva dei conflitti e al valore della sconfitta• Indirizzare positivamente l’aggressività
  13. 13. Il decalogo:• Mi diverto• Rispetto i miei avversari• Mi miglioro• Rifiuto il doping• Sono in salute (alimentazione, stile di vita)• Sto insieme agli altri• Siamo tutti uguali• Sono giudice di me stesso• Gli adulti danno il buon esempio• Riconosco il lavoro degli altri
  14. 14. Come educare all’etica e al fair- play?Ovviamente etica e “spirito sportivo” sonoin relazione alle motivazioni e agli obiettivi,a propria volta dipendenti dai contestieducativi
  15. 15. Ames (1992):”clima motivazionale percepito”:• Orientamento alla competizione (ego riferito)• Orientamento alla competenza (impegno, compito)Entrambe le componenti (non sono “tratti”,ma schemi cognitivi modificabili) possono coesisterein diverse misure in ciascun individuo edessere rappresentate nei diversi ambientiprestativi
  16. 16. Un elevato orientamento sull’io e sullacompetizione non sono necessariamentenegativi, ma lo diventano quandosi associano a una percezione di scarsacompetenza e un basso orientamentosul compito (Biddle 2001, Bortoli, Bertollo,Robazza 2003)
  17. 17. Le motivazioni allo sport:• Competitiva• Affiliativa• PrestativaOrientamento e motivazione si articolanoin combinazioni diverse che assumonouna grande importanza in relazione allacooperazione, al rispetto e all’ interiorizzazione delleregole, alla prevenzione dell’abbandono sportivo
  18. 18. Clima orientato sulla competenza:• Minore stress e ansia• Minore disponibilità verso comportamenti scorretti• Maggior rispetto delle regole• Minore abbandono sportivo• Prevenzione degli infortuni• Maggiore funzionalità al risultato(Bortoli, Bertollo,Robazza 2003, 2005)
  19. 19. Il modello TARGET• TASK Compito• AUTORITHY Autorevolezza• RECOGNITION Riconoscimento• GROUPING Organizzazione gruppi• EVALUATION Valutazione• TIME Tempo
  20. 20. Altri modelli motivazionali:• Stile dell’allenatore: supportivo o direttivo• Motivazioni a breve e lungo termine (estrinseche-intrinseche)• Approccio positivo all’errore• Apprendimento cooperativo
  21. 21. L’allenatore supportivo• Incrementa la motivazione• Sa gestire positivamente le emozioni• Fa capire la correlazione fra impegno e risultato• Produce un miglioramento della performance sportiva• Rende l’allenamento giocoso e divertente
  22. 22. Approccio positivo: migliorare fiducia e autostima rinforzando positivamente sia l’impegno che il risultatoApprocco negativo: punizione e critica. Rinforzo positivo solo del risultato
  23. 23. Il problema genitori
  24. 24. Il genitore supportivo• Accetta le sconfitte sportive dei figli• Non si sostituisce all’allenatore• Non ha aspettative irrealistiche rispetto ai successi del proprio figlio/a• E’ consapevole che lo sport è un hobby e un divertimento• Non commenta denigrando i compagni di squadra o gli avversari (“opponenti”) del figlio/a
  25. 25. Genitori difficili• Disinteressati• Ipercritici• Svalutanti• Disturbatori• Allenatori• Timorosi e iperprotettivi
  26. 26. Le buone pratiche• In evidenza i valori positivi dello sport come disinteressato strumento di crescita• Clima motivazionale fondato sulla competenza• Valutazione oggettiva (non confronto)• Orientamento sul compito (non sul risultato)• Continuità gioco-sport (divertimento)• Presenza dello psicologo – organizzazione incontri con i genitori
  27. 27. Grazie perl’attenzione

×