• Like
  • Save
Andina1parte
Upcoming SlideShare
Loading in...5
×
 

Andina1parte

on

  • 554 views

 

Statistics

Views

Total Views
554
Views on SlideShare
554
Embed Views
0

Actions

Likes
0
Downloads
10
Comments
0

0 Embeds 0

No embeds

Accessibility

Categories

Upload Details

Uploaded via as Adobe PDF

Usage Rights

© All Rights Reserved

Report content

Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
  • Full Name Full Name Comment goes here.
    Are you sure you want to
    Your message goes here
    Processing…
Post Comment
Edit your comment

    Andina1parte Andina1parte Document Transcript

    • Sisca Observer, Anno 6, Numero 2, Dicembre 2002 1 EREDITÀ E COMPORTAMENTO: DIFFERENZIAZIONE COMPORTAMENTALE DELLA SPECIE CANIS FAMILIARIS NEL CORSO DELLA SELEZIONE DEI DIVERSI RAGGRUPPAMENTI RAZZIALI (Parte prima) ANTONIO ANDINA Medico Veterinario Bologna Obiettivi Il presente lavoro vuole descrivere, a grandi linee, il processo con cui si sono differenziate dal punto di vista comporta- mentale le diverse razze canine. I gruppi di razze saranno presi in considerazione in base alla funzione che originariamente possedevano ed era quindi perseguita nei programmi di selezione negli allevamenti. L’obiettivo del lavoro è fornire al Medi- co Veterinario Generalista la possibilità di informare il futuro proprietario in relazione alle caratteristiche comportamentali dei vari gruppi razziali: conoscendone l’attitudine, può essere più facile prevedere se un individuo di una data razza ha buo- ne probabilità di adattarsi allo stile di vita del futuro proprietario ed alle aspettative di quest’ultimo. Il valore predittivo di questo tipo di valutazione è ovviamente approssimativo in quanto a fianco delle promesse genetiche di un individuo deve essere considerato il ruolo svolto dalle condizioni ambientali, come ad esempio le esperienze precoci e l’educazione messa in atto dal proprietario. Purtroppo solo un ridotto numero di futuri proprietari Sono sorte in ambito scientifico diverse diatribe sull’ori-sceglie di consultare il Medico Veterinario prima di pren- gine evolutiva del cane. Dal punto di vista genetico si è po-dere un cucciolo: se fosse possibile realizzare più frequen- tuto riscontrare una corrispondenza quasi completa tra iltemente una visita pre-adozione, molto probabilmente il DNA di lupo e quelli di cane, sciacallo e coyote (Rispetti-livello di reciproca soddisfazione nel rapporto tra proprie- vamente Canis lupus, C. Familiaris, C. Aureus e C. La-tario e cane sarebbe più elevato. Il Medico Veterinario Ge- trans). Studi che analizzano il DNA mitocondriale posso-neralista dovrebbe essere una figura di riferimento per in- no supportare l’ipotesi che tutti questi animali derivino dadirizzare verso una scelta consapevole i futuri proprietari, un antenato comune, molto simile al lupo, di cui si posso-informandoli sulle necessità etologiche della specie, ridi- no praticamente considerare sottospecie. Lupo, cane, scia-mensionando aspettative che si rifanno a “miti e credenze callo e coyote infatti sono in grado, se incrociati, di darepopolari”, e cercando di scoprire se nella gestione fami- prole feconda e sono contraddistinti unicamente da diffe-gliare esista la possibilità di soddisfare i fabbisogni dell’a- renze di natura ecologica ed etologica, oltre che morfolo-nimale. Un cane non è alla portata di tutti! gica (Clutton-Brock, 1995). Le razze di cani ufficialmente riconosciute sono più di Dal punto di vista sociale questi animali hanno adottato400 e variano per taglia dal kg scarso del Chihuahua all’ol- strategie diverse, a seconda del tipo di risorse ambientalitre un quintale del San Bernardo. Questa enorme variabi- disponibili, come anche lo stesso lupo varia la composizio-lità di forma e dimensione, frutto di millenni di selezione ne numerica del branco a seconda del tipo di prede cheda parte dell’uomo, si accompagna ad una pari variabilità deve cacciare. Lo sciacallo ed il coyote sono monogami, ilnell’espressione dei comportamenti tipici di specie. È im- lupo può vivere solitario, in gruppi famigliari o in grandipensabile che il lungo e articolato processo evolutivo che a branchi (Abrantes, 1997), il cane a sua volta può adottarepartire dal lupo (Canis lupus) ha consentito di arrivare al tutte queste strategie sociali. Alcuni cani vivono agevol-cane (Canis familiaris) in tutte le varietà che esistono oggi, mente in mute numerose senza conflitti, altri tollerano anon abbia modificato in maniera diversa da razza a razza il malapena un esemplare di sesso opposto per il periodocomplesso etogramma di questo predatore. dell’accoppiamento.
    • 2 Eredità e comportamento: differenziazione comportamentale della specie Canis familiaris… (Parte prima) Per meglio comprendere il comportamento del cane è istintiva, ma viene notevolmente migliorato dall’apprendi-bene analizzare le caratteristiche che oltre 12.000 anni fa mento che ha avuto luogo in eventuali parti precedenti ohanno fatto sì che l’uomo lo scegliesse come primo anima- assistendo all’allevamento di cucciolate di altre femminele domestico. I più antichi reperti archeologici che posso- (spesso la madre stessa della fattrice). Esiste comunque unno confermare una convivenza di uomini e cani risalgono limite oltre il quale l’ambiente non è in grado di influenza-al periodo Mesolitico, circa 10.000 anni prima di Cristo re l’intensità con cui si manifesta un comportamento de-(Davis e Valla, 1978). terminato geneticamente: non è possibile far comparire re- Si può ipotizzare che la prima funzione utile svolta dal pertori assenti o cancellare quelli presenti. Per esempio uncane fosse quella di sentinella avvisatrice: i cani cane da seguita è selezionato per abbaiare durante l’inse-selvatici/lupi avevano probabilmente cominciato a vivere guimento e può tendere a farlo anche in altre circostanzeintorno agli insediamenti umani cibandosi dei residui ali- in cui è eccitato. Nel caso in cui uno di questi cani durantementari che reperivano nelle discariche (altra funzione la caccia non abbaiasse, sarebbe piuttosto improbabile riu-utile proprio questa di spazzini) e quando qualcuno (uo- scire ad insegnarglielo in quanto la base del comportamen-mo o animale) si avvicinava avvisavano che il territorio to è genetica.era stato “invaso”. Questo servizio era sicuramente molto Molti dei comportamenti del cane sono riconoscibiliutile in un mondo ancora frequentato da temibili fiere e nel comportamento predatorio ancestrale in cui viene ese-tribù nemiche. guita una sequenza di atti contraddistinta dalla successio- La convivenza più stretta con il lupo ha permesso al- ne di fasi consecutive concatenate: localizzazione - sguar-l’uomo di notare la grande efficacia predatoria, spesso do - avvicinamento - inseguimento - morso per immobiliz-frutto del lavoro di gruppo, di questo animale. Il passo zare - morso per uccidere - consumo (Coppinger e Cop-successivo della coevoluzione delle due specie è stato quel- pinger, 2001).lo di collaborare nella caccia e successivamente nella sor- Si può osservare come nei comportamenti tipici delleveglianza degli armenti poiché da cacciatore-raccoglitore varie razze l’uomo abbia abilmente modulato questa se-l’uomo stava diventando coltivatore e allevatore. quenza interrompendola prima del completamento, iper- L’uomo ha attuato un processo di selezione artificiale. Il trofizzandone alcune fasi e/o sopprimendone altre. Nellecriterio con cui venivano scelti i soggetti che potevano acce- differenti razze gli schemi motori cambiano quindi sia perdere alla riproduzione e acquisire così la possibilità di tra- l’effettiva presenza, che per intensità e frequenza di appa-smettere il loro corredo genetico alle generazioni successive rizione (o facilità ad essere evocati).era quello di privilegiare i soggetti più efficaci nel lavoro. Si possono così vedere cani che mettono in atto tutta la Ciascun comportamento può essere considerato come sequenza, come per esempio i segugi che trovano, scovano,una sequenza di schemi motori, che ne sono le componen- inseguono e uccidono la volpe, o cani che arrivano all’im-ti elementari. Il modo in cui ogni schema motorio viene mobilizzazione della preda ma non la uccidono, come i le-eseguito da un individuo è condizionato da come lo speci- vrieri arabi poiché il musulmano non può consumare carnefico assetto genetico dello schema stesso è stato elaborato di animali non uccisi da uomini, quindi il cane deve solo im-in base all’esperienza. Comportamenti geneticamente pro- mobilizzare la preda, ma non la può finire. Alcuni cani inve-grammati hanno bisogno comunque di essere attivati, e ce si limitano a localizzare e avvistare, poi interrompono lamodulati, spesso in periodi critici o situazioni specifiche. sequenza predatoria esasperando la fase di avvistamentoPer esempio il comportamento materno ha una forte base con un’immobilità molto spettacolare come la ferma. Tabella 1 Schemi motori tipici delle razze nella sequenza predatoria (Da Coppinger e Coppinger, 2001, modificata) SCHEMI MOTORI DELLA PREDAZIONE Tipo ancestrale Localizzazione Sguardo Avvicinamento Inseguimento Morso per afferrare Morso per uccidere Consumo ➾ ➾ ➾ ➾ ➾ ➾ Pastori guardiani (Localizzazione) (Sguardo) (Avvicinamento) (Inseguimento) (Morso per afferrare) (Morso per uccidere) (Consumo) Pastori conduttori Localizzazione Sguardo Avvicinamento Inseguimento (Morso per afferrare) (Morso per uccidere) (Consumo) ➾ ➾ ➾ Bovari (pizzicatori) Localizzazione Sguardo Avvicinamento Inseguimento Morso per afferrare (Morso per uccidere) (Consumo) ➾ ➾ ➾ Segugi e levrieri Localizzazione Segnalamento Inseguimento Morso per afferrare Morso per uccidere (Consumo) ➾ ➾ ➾ ➾ Cani da ferma Localizzazione Sguardo Avvicinamento (Inseguimento) Morso per afferrare Morso per uccidere (Consumo) ➾ Retriever Localizzazione Sguardo Avvicinamento Inseguimento Morso per afferrare Morso per uccidere (Consumo) ➾ ➾ = schema connesso al successivo grassetto = ipertrofizzato ( ) = difetto
    • Sisca Observer, Anno 6, Numero 2, Dicembre 2002 3 Gli stessi schemi motori della sequenza predatoria sono A differenza dei lupi, anche addomesticati, i cani sonoriconoscibili anche al di fuori di un contesto di caccia in addestrabili a compiere lavori in collaborazione con l’uo-molti comportamenti del cane, come per esempio la con- mo. La possibilità di essere addestrati non è uguale in tuttiduzione delle greggi (vedi Tab. 1). i cani. Il cane è come l’uomo una specie neotenica, cioè Attraverso la selezione è stato possibile modulare anche che conserva anche da adulto modalità infantili di appren-l’espressione di schemi motori legati alla socializzazione ed dere o relazionarsi con l’ambiente e con gli altri individuialla capacità di comunicare, in particolare nelle diverse (per esempio è più facilmente portato a socializzare conrazze è stato notevolmente influenzato il comportamento specie diverse dalla sua). La compresenza di schemi moto-agonistico. Sostanzialmente non vi sono grosse differenze ri adulti con quelli giovanili durante la lunga fase evolutivanelle modalità con cui i cani competono, ma la variazione offre alle specie neoteniche una maggiore plasticità com-è nella facilità con cui i suddetti comportamenti possono portamentale: l’adolescente può organizzare gli schemiessere evocati: alcuni cani hanno per esempio eliminato o motori in sequenze nuove mescolando quelli dell’adultosensibilmente ridotto la capacità di recepire segnali di sot- (in genere strutturati in sequenze funzionali fisse) contomissione o di interrompere un’aggressione per preserva- quelli infantili. Si vengono ad ottenere successioni che nonre la propria integrità come i cani da combattimento o erano disponibili negli schemi originari. Di solito il pro-quelli da caccia in tana (Scott e Fuller, 1965). Attraverso la cesso di apprendimento in cui comportamenti adulti ven-selezione possono comunque anche comparire repertori gono messi in atto “fuori contesto” in sequenze non fun-comportamentali agonistici nuovi, e per esempio è stato zionali al conseguimento di obiettivi apparenti viene defi-ottenuto un ceppo di cani da combattimento che prima nito gioco. Sfruttando la sua propensione a giocare l’uomodell’attacco colpisce con il petto l’avversario per sbilan- può far eseguire al cane gli schemi motori della specie or-ciarlo incrociando i soggetti che casualmente presentavano ganizzati in nuove sequenze, ottenendo così comporta-questo comportamento (Coppinger, 2001). menti per lui utili. Questo è quello che avviene nell’adde- Si potrebbe andare avanti all’infinito a fare esempi di stramento. Le razze più facilmente addestrabili sono quel-come l’uomo ha pescato a suo piacimento nel “calderone” le più neoteniche, quindi più plastiche nelle modalità didei repertori comportamentali del cane isolando quei apprendimento (Coppinger e Shneider, 1995).comportamenti o quelle sequenze di schemi motori che L’addestramento può rendere massimamente produttivepiù gli facevano comodo. le tendenze intrinseche dell’animale, “tirandole fuori” al Fino alla seconda metà dell’800 le razze che noi oggi co- meglio e modulandone le modalità espressive, ma non puònosciamo praticamente non esistevano. Solo allora l’uomo in nessun modo determinare la presenza di schemi motoriha cominciato a mettere in atto programmi di allevamento che hanno una base genetica. Per esempio si può insegna-zootecnicamente evoluti, in cui gli individui erano isolati re al cane a mantenere la posizione di ferma per un temposessualmente e veniva effettuata una vera e propria selezio- più lungo, dando modo al cacciatore di organizzarsi al me-ne artificiale, registrando poi gli accoppiamenti nei libri glio per sparare al selvatico, ma non si riuscirà mai a fargenealogici ed impedendo la riproduzione dei soggetti non mettere in ferma un cane che non ha questa tendenza.iscritti ai suddetti libri. Il cane deve spesso eseguire compiti complessi in cui la Il criterio prevalentemente utilizzato sino a quel momento sua libertà di esprimere i comportamenti di specie è imbri-per identificare gli elementi degni di trasmettere le loro ca- gliata in una sequenza artificialmente controllata dall’uo-ratteristiche alle generazioni successive era quello di sceglie- mo e priva di un significato etologico. Camminare, perre gli individui che meglio sapevano svolgere un lavoro spe- esempio, è un comportamento normale per il cane, farlo acifico. I caratteri morfologici il cui valore è prevalentemente dieci centimetri dal ginocchio sinistro del conduttore che“cosmetico” come colore o lunghezza del mantello, porta- ha appena pronunciato le parole “Al Piede” è il frutto dimento delle orecchie o della coda e così via, sono stati presi un addestramento specifico. In questi casi la valenza dellain seria considerazione per la prima volta in quel periodo. selezione artificiale è quella di privilegiare i soggetti fisica-Purtroppo oggi le differenze morfologiche vengono spesso mente meglio conformati per il compito da svolgere, e consuperficialmente considerate essere le uniche tra le varie raz- tendenze reattive ed emozionali le più adeguate possibileze e la selezione si basa esageratamente su di esse a discapito al lavoro, che dovrà comunque essere insegnato con l’ad-della conformazione caratteriale. Il profilo comportamentale destramento.di un individuo di una data razza è l’espressione di un asset- È stata comunque documentata l’ereditabilità di parti-to genetico esattamente come lo possono essere caratteri colari conformazioni comportamentali, anche molto speci-morfologici: il modo di reagire agli stimoli ambientali è in fiche come per esempio la posizione in cui i cani Dalmatafunzione anche di una differente distribuzione e quantità dei si mettono mentre seguono la carrozza (Coren, 1996) oneurotrasmettitori nelle diverse sezioni del cervello. È stato l’ampiezza della curva di avvicinamento al gregge dei Bor-rilevato che razze canine con tendenze reattive diverse han- der Collies (Coppinger, 2001). È risultato invece più diffi-no un diverso assetto di neurotrasmettitori come la dopami- coltoso identificare le modalità in cui si trasmettono carat-na e altre monoamine, direttamente coinvolte nell’attivazio- teristiche comportamentali più complesse come quelle chene delle vie neuronali alla base di comportamenti come la consentono di riuscire nel lavoro ai cani da caccia, guidapredazione o l’aggressione (Arons e Shoemaker, 1992). per ciechi, e altro: nei diversi lavori sono state trovate ef- Un cane da lavoro porta in sé dei repertori comporta- fettivamente relazioni tra le capacità performative dei ge-mentali notevolmente specializzati, e solidamente radicati nitori e quelle dei figli, ma non sempre fisse. Probabilmen-nel suo patrimonio genetico attraverso generazioni di in- te questa relazione incostante si può spiegare consideran-croci. La presenza di quelle caratteristiche, apparentemen- do il fatto che comportamenti complessi come quelli chete innate è spesso definita “istinto”. consentono di lavorare ai cani da cieco, o da caccia sono
    • 4 Eredità e comportamento: differenziazione comportamentale della specie Canis familiaris… (Parte prima)risultato dell’espressione di un grande numero di geni che Tagliasi può organizzare in infinite maniere diverse, inoltre risul-ta più difficile misurare e confrontare i risultati di queste Un luogo comune piuttosto diffuso è quello che consi-attività (Willis, 1995). dera un cane piccolo meno bisognoso di spazio ed attività Prima di passare ad una descrizione dei comportamenti rispetto ad uno grande. Non sempre è vero, anzi spesso lodei vari gruppi di razze è bene mettere in chiaro il fatto è il contrario.che una classificazione di questo tipo consente di effettua- Numerosi piccoli cani diffusi oggi come soggetti dare previsioni di tipo approssimativo sull’effettivo carattere compagnia hanno alle spalle generazioni di soggetti utiliz-di un individuo: il comportamento è condizionato da una zati nel lavoro come cani da caccia, come derattizzatori dimolteplicità di fattori tra cui la componente puramente stalle e case, come sentinelle avvisatrici e sempre vigili oereditaria è rilevante, ma non certo preponderante. L’am- addirittura come pastori. Tutte queste vocazioni non sem-biente di sviluppo e gli apprendimenti, con particolare in- pre costituiscono la migliore premessa per una convivenzafluenza di quelli avvenuti nei periodi di sensibilità, condi- serena in un ambito urbano strettamente promiscuo comezionano sicuramente l’indole e la reattività del singolo. quello in cui vive la maggior parte della popolazione. Il tipo di previsione che si può fare sulla base della razza Un altro preconcetto molto diffuso, specialmente tra gliè tendenzialmente di tipo probabilistico: se noi prendiamo uomini, ma non solo, è quello che i cani di taglia piccolaper esempio 30 cuccioli di setter di tre mesi e li mettiamo non si possano considerare cani a tutti gli effetti, ma unadi fronte ad una quaglia noteremo che la maggior parte sorta di giocattoli da signora, dotati di una dignità inferio-tenderà a mettersi in ferma, ma è improbabile che lo fac- re rispetto ad individui di taglia più cospicua. Ovviamenteciano tutti, e quelli che non fermano rimangono comun- questo non è vero. È possibile che molti cani di piccola ta-que dei setter. glia non siano correttamente socializzati con i conspecifici Nel momento in cui si decide di adottare un cane di raz- in quanto i proprietari li hanno sistematicamente sottrattiza bisogna prendere in considerazione anche diversi altri alle interazioni (per esempio prendendoli in braccio o por-fattori come sesso, taglia, e similitudine tra la vocazione tandoli via) per paura che venissero feriti dai cani piùoriginaria ed il reale utilizzo che se ne farà. grandi. Questi individui rischiano effettivamente incidenti gravi perché non avendo la possibilità di relazionarsi con gli altri durante lo sviluppo non acquisiscono i repertori diSesso comunicazione che avrebbero consentito loro di gestire le interazioni in maniera non cruenta. Qualunque cane, di Quasi tutti coloro che decidono di prendere un cane qualsiasi taglia, in realtà, se lasciato socializzare corretta-per la prima volta vogliono un maschio. Non sempre è la mente nel periodo giovanile, è in grado di imparare a ge-scelta migliore. stire le interazioni con i conspecifici. La tendenza a rela- Tra i vantaggi si può considerare il fatto che non va in zionarsi in maniera competitiva con gli altri cani è sicura-calore e sicuramente non si rischia di avere cucciolate in- mente diversa nelle varie razze, ma non in correlazionedesiderate. Spesso è più appariscente, con più pelo, una con la dimensione.testa più grande, insomma a prima vista più “bello”. Al- I cani di taglia grande, al di là dell’effettivo maggioremeno in teoria è possibile poter usare il maschio come ri- ingombro, spesso sono poco attivi, meno reattivi e siproduttore guadagnando con i diritti di monta. muovono meno di soggetti più piccoli. Bisogna comun- Gli svantaggi invece comprendono il fatto che molto que tener conto del fatto che un cane più grande ha deipiù spesso delle femmine non va d’accordo con i conspeci- costi di gestione più alti di uno piccolo oltre ad avere unfici dello stesso sesso, inoltre è più frequente che marchi in ingombro effettivo maggiore. Va inoltre previsto che uncasa, scappi e vagabondi. Quando deve sporcare emette soggetto di taglia cospicua richiederà un proprietario inpiccoli quantitativi di urina ripetutamente per marcare il grado di controllare fisicamente la sua notevole forza interritorio, e le uscite igieniche (non le passeggiate che sono caso di necessità.necessarie in egual misura per entrambi i sessi) devono es-sere più lunghe. Più frequentemente delle femmine haproblemi di tipo gerarchico nei confronti dei proprietari. Vocazione e utilizzo finaleUn maschio non di qualità eccelsa, non provvisto di titoliespositivi o agonistici, difficilmente viene scelto come ri- Il criterio con cui inizialmente sono state differenziate leproduttore. razze è stato quello di ottenere soggetti specializzati per La femmina rispetto al maschio è più piccola e sicura- determinati lavori, in cui fosse meno impegnativo nel pas-mente meno appariscente. Se non si procede con la steri- saggio da una generazione all’altra il lavoro necessario perlizzazione richiede attenzioni nei periodi di calore. Anche ottenere un ausiliario operativo ed efficace.se non morfologicamente perfetta si può far riprodurre Parallelamente si è messa in atto una evoluzione dell’a-godendo dell’esperienza del veder crescere una cucciolata spetto esteriore perfezionata enormemente nell’ultimo se-e ottenendo un certo guadagno con l’eventuale vendita dei colo sia per le sue valenze funzionali che per le estetiche.cuccioli (che comunque comporta anche numerose spese Mano a mano che il cane si è staccato dalla sua funzioneextra). Quando si libera la femmina emette tutta l’urina in utilitaristica strettamente lavorativa le sue capacità perfor-una volta e le uscite igieniche sono più brevi. Spesso la mative sono diventate a volte inopportune perché prive difemmina è di indole più dolce e affettuosa. un contesto in cui esprimersi. Non vi sono differenze provate nella capacità performa- Se si sceglie un cane da lavoro (di qualunque tipo di la-tiva in compiti specifici addestrativi tra maschi e femmine. voro si tratti), dobbiamo tenere conto delle esigenze del-
    • Sisca Observer, Anno 6, Numero 2, Dicembre 2002 5l’animale che abbiamo preso: se non sono compatibili con I pastori conduttori devono essere molto legati al pa-le nostre faremmo meglio a pensare a quale è il costo di drone per conservare una elevata motivazione a compia-sopprimere completamente impulsi per lui spontanei (am- cerlo, sarebbe controproducente un eccesso di indipen-messo che siamo così capaci da riuscire nell’impresa), in denza come un eccessivo legame al territorio a discapito ditermini di impegno per noi e di sofferenza per l’animale. quello verso il proprietario. Anche se oggi non tutti i cani Per un cane il poter esprimere i comportamenti intrinseci da pastore ancora guidano le greggi il forte impulso colla-del suo patrimonio genetico fa parte del soddisfacimento borativo è stato dirottato su altre molteplici attività comedei bisogni vitali, come il mangiare: gli schemi motori, spe- la protezione civile, le attività cinoagonistiche (difesa per-cialmente quando ipertrofizzati hanno forti motivazioni in- sonale, agility, obedience...) la guida per ciechi o l’assisten-terne ed è la loro stessa esecuzione che fornisce appagamen- za ai sordi o ai disabili. Una loro peculiarità è la versatilità.to. Quando adottiamo un cane da lavoro se abbiamo a cuo- Per essere massimamente gratificati questi cani devonore il suo benessere oltre che il nostro dobbiamo tenere con- poter lavorare ed essere impegnati in attività in collabora-to anche di questo, analizzando le effettive possibilità di zione con il proprietario o la sua famiglia.soddisfare le esigenze etologiche del nostro compagno. È necessaria una precisazione per quanto riguarda le razze Andando a verificare per che utilizzo si sono selezionate le di cani che effettivamente sono ancora usate come pastorirazze si può avere un’idea delle eventuali difficoltà di adatta- (in pratica Border Collies, Kelpies australiani e pochi altri)mento che potrebbero incontrare in un contesto molto diverso. ultimamente oggetto di un improvviso successo, più legato La classificazione delle razze scelta dalla Federazione ad un fattore moda che non ad un’effettiva adattabilità alleCinologica Internazionale le ha divise in dieci raggruppa- esigenze dei moderni proprietari. In questi cani la selezione èmenti seguendo un criterio morfologico filogenetico che stata esasperata per ottimizzare la resa lavorativa, ipertrofiz-non sempre unisce razze con attitudini simili. Analizzere- zando alcuni schemi motori in modo da consolidare la com-mo i gruppi uno ad uno. ponente istintiva “innata” del comportamento di guida del gregge. Come spesso accade la pulsione a mettere in atto gli I - Cani da pastore e bovari, esclusi bovari svizzeri. schemi motori ipertrofizzati è fortissima, ai limiti della ne- II - Cani di tipo Pinscher, Shnauzer e Molossoidi, Bova- vrosi. La prolungata permanenza in situazioni in cui è im-ri svizzeri. possibile il soddisfacimento di queste pulsioni, porta spesso III - Terrier alla loro attuazione fuori contesto, anche in maniera compul- IV - Bassotti siva, a meno che non si impegni l’animale per un tempo suf- V - Cani di tipo Spitz e primitivi. ficiente in attività alternative parimenti gratificanti. La vita VI - Segugi e cani per pista di sangue. del normale cane da compagnia di città, anche con un giar- VII - Cani da ferma. dino a disposizione, risulta quindi inadatta a fornire un gra- VIII - Cani da riporto, da cerca e da acqua. do accettabile di benessere a questi animali, mentalmente IX - Cani da compagnia. conformati per una vita lavorativa. X - Levrieri I problemi principali in cui si può incorrere con i pasto- ri sono dati dall’inutilizzo delle loro ingenti risorse intellet- tive e fisiche, dirottate di conseguenza su attività non mol-Gruppo I. Cani da pastore e bovari to utili e accettabili come l’abbaiare ossessivamente in ri- sposta a qualunque stimolo, l’inseguire automobili, moto- Parlando di cani da pastore bi- rini, passanti (o in mancanza di altro la loro stessa coda), sogna distinguere bene se si lo scavare buche e così via. tratta di pastori conduttori, o di Vi sono differenze tra razza e razza nella facilità di lavo- pastori guardiani del gregge ro in gruppi di cani, ma tendenzialmente sono cani abba- perché la funzione è completa- stanza individualisti, che preferiscono un rapporto esclusi- mente diversa. vo con il proprietario e possono mettersi in competizione Basta aver visto una volta un con i conspecifici. pastore che lavora con i cani nel I bovari non differiscono molto per le attitudini dai pa-condurre un gregge per capire cosa si intende per coope- stori: dovendo lavorare con animali più grandi e combatti-razione cane uomo: i conduttori sono forse i cani in cui la vi delle pecore sono tendenzialmente più brutali, spessopressione selettiva sull’impulso collaborativo è stata massi- pizzicatori che sollecitano ciò che vogliono con morsi e, sema. Le tecniche di accerchiamento che i lupi usavano non ben educati, possono dare problemi per questa pro-quando cacciavano in gruppo sono state trasferite nel la- pensione ad usare la bocca.voro con le pecore. Ovviamente è stato necessario blocca- Il lavoro del guardiano del gregge è completamente di-re la sequenza predatoria a livello del morso per afferrare verso: questi cani venivano lasciati per molto tempo soli(cani pizzicatori e bovari) o subito prima (cani che guida- con gli armenti da sorvegliare, e non dovevano far altrono con lo sguardo). Un aspetto caratteriale su cui si è spin- che impedire a chiunque tranne che al pastore di avvici-to molto è l’addestrabilità, nel senso di “desiderio, dispo- narsi. Le loro decisioni dovevano essere abbastanza auto-nibilità del cane a svolgere attività apprese o risolvere pro- nome visto che il padrone non sempre era presente per da-blemi improvvisi sotto la direzione del conduttore” (Co- re indicazioni. Il legame con l’uomo era molto menoren, 1994). Il proprietario viene ad essere una figura sosti- solido di quello che avevano con il loro gregge e il territo-tutiva del leader del branco. Intelligenza adattativa e ob- rio, come non era necessario un marcato impulso a collabo-bedienza rendono la comprensione di quello che si vuole rare, visto che il cane lavorava da solo e da solo rimaneva perda loro più semplice. buona parte del suo tempo. La curiosità, così utile per stimo-
    • 6 Eredità e comportamento: differenziazione comportamentale della specie Canis familiaris… (Parte prima)lare gli apprendimenti di chi affronta sempre situazioni nuo- sione a pelo duro, sono principalmente cani da difesa ove, avrebbe potuto portare il guardiano ad allontanarsi dal guardia (avvisatori sempre vigili). Il cane da difesa perso-suo territorio abbandonando ciò che doveva sorvegliare ed è nale deve essere ovviamente molto legato al padrone,stata disincentivata, come anche l’istinto predatorio, sia per- non deve essere troppo attaccato al territorio in quantoché poteva portare il cane ad abbandonare le pecore per in- deve accompagnare il proprietario senza essere intimori-seguire altri animali, sia perché, peggio ancora, avrebbe po- to perché lontano da casa, non deve essere diffidente ver-tuto essere indirizzato sulle pecore stesse. so gli estranei, da cui è spesso circondato, e nemmeno Questo tipo di vita è abbastanza simile a quello di un deve essere ingiustificatamente aggressivo anche se lacane confinato per la maggior parte del suo tempo in un reattività è molto sviluppata. Si tratta di cani in cui igiardino, con scarsi contatti con il padrone e poco impe- comportamenti istintivi (capacità innate di svolgere lavo-gnato in attività di qualsiasi genere a parte la guardia. Si ri) sono poco presenti a vantaggio della versatilità adde-può quindi pensare che possa essere accettato senza grossi strativa (capacità di acquisire comportamenti appresi)problemi. Al contrario c’è una grossa differenza tra questo che è ovviamente elevatissima.stile di vita e l’attività cui è sottoposto un cane che per Il secondo gruppo comprende anche i molossoidi, ca-molte ore al giorno lavora a stretto contatto con un pasto- ratterizzati da struttura fisica massiccia, torace largo ere, mettendo in atto tecniche complesse e che richiedono profondo, testa importante, morso potente, labbra pen-pratica e collaborazione. Vivendo in una simile sistemazio- denti oltre il margine inferiore della mandibola, spessone un pastore conduttore può sviluppare patologie legate prognati. Originariamente erano utilizzati dai romanialla noia ed alla scarsa attività. come cani da guerra e per il combattimento nelle arene, Riassumendo i pastori conduttori sono intelligenti, cu- progressivamente la loro funzione principale è diventatariosi, con un marcato istinto predatorio, fortemente colla- la difesa della proprietà e delle persone. Le loro caratte-borativi e hanno un forte bisogno di vivere a stretto con- ristiche sono senso del possesso marcato, resistenza altatto con il proprietario. Rendono al massimo se impiegati dolore, istinto predatorio poco sviluppato, una certa do-in attività lavorative anche complesse. Possono avere una se di combattività.certa tendenza a vocalizzare come facevano nella condu- In genere non sono cani particolarmente addestrabili,zione del gregge o per avvisare nella guardia. ma con le dovute eccezioni: sono molossi il Terranova, il I cani da pastore usati per la guardia del gregge sono Rotweiler, il Boxer... tutti molto versatili nell’addestramen-meno attivi, più indipendenti, non molto plasmabili nel- to. Anche se più lenti nell’apprendimento rispetto a moltil’addestramento, spiccatamente possessivi e territoriali, pastori, rispetto ad essi sono meno sensibili e reattivi.non così bisognosi di compagnia e non molto tolleranti nei Si può fare una suddivisione tra i molossi usati per laconfronti dei contatti fisici e delle costrizioni. Poco portati guardia delle greggi (come pastori Maremmani, del Cau-ad abbaiare esageratamente. Praticamente tutti i pastori caso, cani da montagna dei Pirenei, Komondor, Sarpla-guardiani sono di tipo molossoide e appartengono al se- ninac e molti altri) e quelli passati ad altre funzioni co-condo raggruppamento. me la guardia della proprietà, la difesa personale, i com- Fanno parte del gruppo dei pastori anche alcune razze battimenti tra cani o con altri animali, ecc. I primi con-di recente realizzazione, ottenute ibridando cani e lupi con servano una forte diffidenza verso gli estranei, un lega-l’intento di ottenere la versatilità del primo e la prestanza me fortissimo con il territorio e le proprietà del padro-fisica del secondo, particolarmente forte e resistente alle ne, e non sono però particolarmente dipendenti dal con-malattie. Dal punto di vista fisico il risultato sembra tatto con il gruppo di appartenenza, anzi i contatti fisiciconforme agli obiettivi e questi animali hanno un indub- troppo stretti li opprimono e si possono sicuramente de-bio fascino, ma i cani ottenuti hanno anche una forte cari- finire indipendenti.ca istintiva, sono vicini per certi aspetti ad un animale sel- Il secondo gruppo di molossi, comprende gli inglesivatico, e richiedono un proprietario esperto, che conosca Mastiff, Bullmastiff e Bulldog, il Dogue di Bordeaux, glil’etologia canina, e sia disposto a rischiare di accollarsi il italiani Mastino Napoletano e Cane Corso, l’Alano Tede-lavoro di ripercorrere parzialmente il processo di domesti- sco e altri. Questi cani sono molto più portati a instaurarecazione in ogni individuo, pena per chi sbaglia il ritrovarsi un rapporto stretto con il gruppo umano di appartenen-in casa un cane dotato di notevoli mezzi fisici, con uno za. L’aspetto fisico, caratterizzato da una testa volumino-spiccato spirito di indipendenza, attitudini predatorie sa, con occhi in posizione frontale e rotondeggianti, musospinte ed insufficiente controllabilità. corto, spesso con profonde rughe di espressione, racco- glie quelle caratteristiche infantili (neoteniche) automati- camente accattivanti nell’uomo (e in tutti i mammiferi) eGruppo II. Cani di tipo Pinscher, Shnauzer, capaci di sollecitare forti istinti di protezione e adozione.molossoidi e bovari svizzeri Anche nel comportamento questi cani conservano nella vita adulta atteggiamenti infantili, sono tendenzialmente Questo raggruppamento com- giocherelloni, affabili ed esuberanti nelle loro manifesta- prende diverse tipologie di cani zioni di affetto. Spesso questi cani cercano con insistenza anche molto diversi per struttu- il contatto con l’uomo di cui sono piacevolissimi compa- ra fisica e utilizzo. Le diverse ta- gni e inflessibili protettori della proprietà. Si tratta di cani glie di pinscher (di cui da noi che tendenzialmente possono avere una certa propensio- sono diffuse quasi solo la nana e ne a gestire le interazioni competitive con comportamenti il dobermann) di cui pratica- di aggressione, ma con una reattività abbastanza bassa ed mente gli shnauzer sono la ver- uno scarso livello di attività generale.
    • Sisca Observer, Anno 6, Numero 2, Dicembre 2002 7 Tra i molossoidi vi sono anche cani utilizzati per la cac- tanto che alcune razze si specializzarono nel combattimen-cia, come il Dogo Argentino selezionato per la caccia di to con altri animali e poi con altri cani. La tenacia e la ve-grossi animali come puma e giaguaro. La combattività e il locità dei soggetti da caccia furono mescolate con la forzacoraggio del molosso sono stati uniti all’olfatto e alla resi- e la potenza del morso dei molossi, ottenendo gli antenatistenza di segugi ed altri cani da caccia ottenendo un pode- di bulldog, staffordshire, bull e pitbull.roso culturista, addestrabile ma decisamente competitivo e Numerose sono le caratteristiche dei Terrier che li ren-reattivo, in cui i comportamenti ostili possono essere evo- dono adatti alla vita di città in veste di cani da compagnia,cati più facilmente che non in altri. anche perché fin dalle origini venivano spesso tenuti in fa- I bovari svizzeri sono quattro, sicuramente con origini miglia durante i periodi in cui non lavoravano. La taglia ècomuni, differenziati più che altro per taglia e lunghezza abbastanza contenuta, l’aspetto accattivante, il caratteredel pelo. Erano cani da fattoria tuttofare, usati come bo- allegro e pronto al gioco anche in età avanzata. Se benvari, guardiani, per il traino dei carretti del latte e così educati sono sufficientemente obbedienti e collaborativivia. L’istinto predatorio è ridotto al minimo e la tendenza anche se la loro tenacia richiede un proprietario dotato dia manifestare comportamenti competitivi, non molto esperienza.marcata. Analizzando i difetti bisogna notare che spesso la soglia di reazione per quanto riguarda i comportamenti competi- tivi è piuttosto bassa mentre la combattività è alta. L’istin-Gruppo III. Terrier to predatorio è radicatissimo e molto ben sviluppato. Ten- dono ad abbaiare con facilità, a dispetto della piccola ta- Il gruppo raccoglie svariati glia hanno un notevole bisogno di muoversi e sono molto cani, suddivisi a seconda attivi, reattivi ed eccitabili. Quasi tutte queste caratteristi- delle funzioni, della struttu- che tendono ad essere molto ereditabili (Hart e Hart, ra fisica e dell’utilizzo in ter- 1988. Willis, 1995). La funzione del proprietario consape- rier a gamba corta, a gamba vole è quella di orientare queste pulsioni innate in maniera lunga, di tipo bull, e toy. socialmente accettabile per sé e per gli altri. Quasi tutti oggi sono usati Specialmente i Terrier di tipo Bull come Bull (di taglia come animali da compagnia, normale e nana), Staffordshire inglese e americano (cui sima la loro origine è sicuramente di cani da lavoro. Le di- può aggiungere il Pitbull, anche se è una razza non ricono-verse razze si sono quasi tutte formate in regioni o contee sciuta) sono tendenzialmente molto competitivi con i con-diverse della Gran Bretagna, ma la funzione era pratica- specifici: l’attitudine a lottare all’ultimo sangue con le pre-mente quasi sempre quella di cacciatori di nocivi quali to- de è stata trasferita nella lotta tra cani. È stato sovvertito ilpi, ratti, volpi, tassi e altri mustelidi. Questi, contraria- comportamento originario del lupo, che ritualizza le lottemente ad altri ausiliari, usati da nobili e aristocratici nella interne al branco rendendole incruente per non minarecaccia sportiva, erano i compagni delle classi popolari, l’efficacia predatoria (e quindi la possibilità di sopravvi-frugali ed efficaci nella loro funzione. Vivevano a stretto venza), e sono stati selezionati soggetti che perdono facil-contatto con i loro padroni cui erano molto legati, ren- mente la capacità di recepire i normali segnali di inibizio-dendosi utili come derattizzatori, come guardiani avvisa- ne della sequenza aggressiva. Le tendenze competitive ditori, e anche come piacevoli compagni. Contrariamente questi cani sono generalmente indirizzate verso i conspeci-allo sport venatorio, in cui la componente stilistica era in fici che sono uno stimolo preferenziale per scatenarerealtà più importante del risultato stesso (era riservato a un’aggressione, mentre il rapporto con gli uomini è spessoclassi di ceto elevato che non lo facevano per procacciarsi ottimo, tanto da renderli piacevolissimi compagni per uneffettivamente il cibo) i Terrier svolgevano una funzione proprietario che abbia saputo conquistare una posizionerealmente utile per la sopravvivenza dei proprietari elimi- gerarchicamente stabile.nando i competitori per il cibo. Per essere massimamenteutili ed efficaci non dovevano richiedere un grosso adde-stramento, infatti la predazione si basava prevalentemente Gruppo IV. Bassottisu pulsioni istintive, e il conduttore non doveva pratica-mente intervenire. Nella caccia i Terrier dovevano scovare Unica razza con nove varietà di-con tenacia le loro prede, tutte piuttosto combattive e de- vise a seconda del tipo di peloterminate a sopravvivere, spesso simili o superiori a loro (corto, lungo, ruvido) e di tagliaper taglia e forza, e ucciderle. (standard, nana, e kaninchen Una caratteristica del lavoro dei Terrier è il fatto che ovvero meno che nana).durante lo scovo in tana il cane deve continuare a segnala- L’utilizzo era più o meno lore con la voce al cacciatore la sua posizione, la tendenza stesso che per i numerosi terrierad abbaiare è quindi marcata come ovviamente il livello da caccia, ma si sono sviluppatidi vigilanza e prontezza alla reazione. È stato verificato in Germania anziché in Inghilterra. È un cane da caccia inche questa reattività è stimolata molto più facilmente da tana per cui quindi l’apparente deformità è risultata parti-stimoli sonori e visivi, piuttosto che non olfattivi come ac- colarmente utile. Si doveva introdurre in un cunicolo dovecade invece nei segugi negli Spaniel e nei cani da ferma un animale come il tasso (Dachs in tedesco, da cui il nome(Scott e Fuller, 1965). della razza Dachshund) o un altro nocivo come volpi, fai- L’abilità nel lavoro dei Terrier era tale che spesso i pro- ne e così via. Lottava per difendere la sua vita, e in una si-prietari cominciarono a organizzare gare e scommesse fin tuazione in cui era impossibile fuggire. La preda doveva a
    • 8 Eredità e comportamento: differenziazione comportamentale della specie Canis familiaris… (Parte prima)volte essere uccisa direttamente dal cane vista l’impossi- I cani nordici, in un recente passato sono diventati im-bilità di arrivare sul luogo per il cacciatore. La dentatura provvisamente comuni anche nelle nostre città perché di-è formidabile, quasi sproporzionata alla taglia. Massima- ventati status symbol estremamente di moda. Questo feno-mente sviluppato è il coraggio, nel senso di impulso alla meno a dir poco deleterio ha portato in pochissime gene-lotta anche contro avversari di maggiore forza o dimen- razioni degli animali oggetto di una pressione selettivasioni. Questo istinto, che sarebbe suicida e scarsamente molto spinta, tesa ad ottenere individui adatti ad uno spe-vantaggioso ai fini della sopravvivenza in un animale sel- cifico lavoro a diventare animali da compagnia, in un am-vatico, è stato ancora una volta esasperato e a volte cau- biente a dir poco ostile, confinati in un contesto radical-sa problemi nei rapporti con i cani più grandi e forti mente diverso da quello cui si erano adattati. I cani da slit-(cioè quasi tutti). È bene ricordare che i bassotti di ta- ta, fisicamente perfetti per il clima proibitivo delle regioniglia standard (la maggioranza) per accedere alle compe- artiche non trovano nei nostri climi temperati o caldi il lo-tizioni devono superare almeno una prova attitudinale ro problema di adattamento principale.alla caccia: quindi la propensione lavorativa è conservata La convivenza tra cani e popoli artici era molto stretta,e coltivata anche nei soggetti (la maggior parte) che poi ma il legame tra cani e uomini era fondamentalmente utili-non vanno a caccia. taristico. I cani fornivano forza motrice, pelli, ausilio nella Mentre lavora un bassotto deve comunicare abbaiando caccia e in casi disperati anche carne. Nel momento in cuial cacciatore dove è e cosa sta facendo (oltre al fatto che è la stagione non consentiva l’utilizzo delle slitte (la breveancora vivo) quindi sarebbe un difetto l’essere silenzioso. estate artica) i cani spesso venivano abbandonati a se stes- Degno di nota il fatto che quelli che per un soggetto si, o quasi, e si procacciavano il cibo cacciando o rovistan-che lavora sono pregi (e vengono ricercati e coltivati) co- do nelle discariche dei villaggi. Sopravviveva solo il piùme tenacia, impulso alla lotta, facile evocabilità dei com- abile! A causa di “un tale passato”, provate a convincereportamenti di aggressione, tendenza ad abbaiare e così via un pur pingue e sazio Husky di città, a non procacciarsi ilsono spesso fastidiosi difetti di un cane da compagnia e cibo nel momento in cui avesse accesso ad un pollaio, adsono tutti considerati molto ereditabili (Hart e Hart, un secchio della spazzatura, o ad una bistecca incustodita!1988. Willis, 1995). Quasi tutti i nordici non sono per niente aggressivi nei Essere un cane da lavoro (anche se con una notevole in- confronti degli esseri umani, estranei o no, raccogliendo lodipendenza) prevede comunque una certa disponibilità a spirito estremamente ospitale degli eschimesi. Quando vi-collaborare e quindi i bassotti sono cani che possono esse- vevano in un deserto di ghiaccio tutti gli ospiti (in effettire ubbidienti, anche se bisogna essere abbastanza forti da molto rari) erano graditi. Il cane era spesso oggetto disuperare la notevole caparbietà che li contraddistingue (se scambio e non doveva essere troppo legato ad un proprie-non fossero così cocciuti alla prima difficoltà uscirebbero tario che probabilmente sarebbe cambiato più volte, tantodalla tana interrompendo la caccia). meno aveva senso che si attaccasse al territorio (vivevano I loro pregi comunque devono essere considerevoli in- come nomadi). La precarietà delle risorse vitali sicuramen-fatti i bassotti sono i cani più numerosi in Germania, pa- te scarse portava i cani a dover spesso combattere per esse,tria oltre che loro del Pastore tedesco, leader incontrastato quindi una certa competitività è sicuramente presente, main quasi tutto il resto del mondo. Il bassotto è vivace, affet- come tra i lupi rimanere gravemente feriti in scontri contuoso, giocherellone e attivo non è pauroso o fragile e rac- membri del proprio stesso gruppo è deleterio alla soprav-chiude un’indole da cane grande in uno piccolo (e como- vivenza, quindi la capacità di ritualizzare gli scontri ed or-do per esempio in un appartamento cittadino). Sembra ganizzare il gruppo in gerarchie è molto sviluppata.che vi siano piccole differenze tra le diverse varietà di pe- L’indipendenza che in certe fasi della loro storia gli halo: i soggetti a pelo lungo mostrerebbero tracce dell’incro- consentito di riuscire a sopravvivere può essere di ostacolocio con gli Spaniels avendo un’indole più docile, special- nel momento in cui cerchiamo di convincerli che le nostremente rispetto ai coriacei fratelli a pelo duro, più forti e esigenze sono più importanti delle loro (come per esempioaggressivi. quando chiediamo ad uno di loro di interrompere quello che sta facendo di divertente per venire da noi). Difetti possibili di questi cani sono oltre alla notevoleGruppo V. Cani di tipo Spitz e primitivi indipendenza, l’addestrabilità scarsa, il fortissimo istinto predatorio, il bisogno di movimento, l’incapacità di fare la Questi cani comprendono i cani guardia. nordici, da slitta e da caccia, al- Sono pregi il carattere affabile scarsamente aggressivo con cuni altri cani con morfologia l’uomo, il repertorio di comunicazione amplissimo, il fascino simile (orecchie piccole ed eret- della loro ancestralità e le indubbie capacità sportive. te, muso appuntito, pelo folto, Vi sono ovviamente differenze tra le diverse razze nordi- coda più o meno arricciata e co- che tra cui le più diffuse sono Siberian Husky, Alaskan sì via) di origine orientale (cine- Malamute, Samoiedo e Goenlandese. se e giapponese) o nord-euro- Il siberiano è il più leggero e veloce, tra le razze pure da pea, detti Spitz, e in più alcuni slitta, ed è quello forse più reattivo. Ha un fortissimo istin- cani detti primitivi per la simili- to predatorio (tutte le specie con cui non è abbondante-tudine con il modello originario dei primi animali addo- mente socializzato da cucciolo sono predabili, ed è un cac-mesticati dall’uomo, straordinariamente simili alle raffigu- ciatore molto efficace), non fa assolutamente guardia, ac-razioni del cane di graffiti, geroglifici egizi e altre antichis- cetta bene la vita di gruppo ed è sicuramente un cane ad-sime rappresentazioni. destrabile con una certa difficoltà.
    • Sisca Observer, Anno 6, Numero 2, Dicembre 2002 9 Il Malamute, di taglia decisamente più massiccia, serviva mente e caratterialmente. Sono cani la cui funzione princi-per il traino pesante, è meno reattivo, più distaccato e pla- pale, oltre alla compagnia, era quella di avvisare il gruppocido del cugino siberiano, a volte è però un po’ meno ac- di qualunque intrusione nel territorio. La reattività genera-comodante nei confronti dei conspecifici. le, a qualunque stimolo, è superiore alla media, e la ten- Il Samoiedo è un cane con una storia “civilizzata” più denza ad abbaiare, anche eccessivamente, è presente. Sonolunga rispetto agli altri cani da slitta, e nel corso di questa comunque soggetti molto piacevoli per la stessa vivacitàstoria ha potuto ricoprire di volta in volta ruoli diversi dal che in alcuni casi è il loro difetto. Giocano volentieri esemplice traino come la guardia, la guida delle mandrie di possiedono un certo grado di addestrabilità (superiore perrenne, la caccia e così via, non si può definire uno speciali- esempio a quello dei Terrier).sta in nessuna disciplina, ma le può svolgere più o meno I cani primitivi come Basenji, Podenghi spagnoli e por-tutte con risultati medi. toghesi, Cirneco dell’Etna e altri, sono estremamente simi- Il Groenlandese è un vero cane da slitta, per il traino li ai primi cani domestici per forma e attitudine. Il loropesante, non veloce ma estremamente resistente. Il suo aspetto in genere è stato preservato da un contingente iso-carattere è piuttosto selvatico, poco adatto ad una vita da lamento geografico. Sono quasi tutti cani da caccia. Il li-compagno (non lo è mai stato, doveva solo lavorare), è ag- vello di domesticazione è sicuramente più basso che nongressivo con gli altri animali, poco addestrabile, e caccia- quello di razze più “sofisticate” dall’uomo. Sono indipen-tore. denti e istintivi e hanno un marcato istinto predatorio an- A proposito della capacità di traino bisogna tenere con- che se la loro caccia non era sportiva, ma fondamentale al-to, che il tirare la slitta è un’attività complessa assoluta- l’approvvigionamento alimentare dell’uomo.mente appresa: è possibile migliorare con la selezione laconformazione fisica in modo da ottenere soggetti massi-mamente idonei al loro lavoro, ma la capacità di effettiva- Parole chiavemente tirare è comunque frutto di apprendimento. Lastessa cosa avviene nei cani da lavoro che partecipano a Cane, razze, comportamento, ereditabilità, ambiente.prove, in cui le modalità di reazione sono irrigidite in unoschema insegnato con l’addestramento. Altri cani nordici completamente diversi per uso e indo- Bibliografiale sono i giapponesi, tra cui il principale è l’Akita Inu, e ilcinese Chow Chow. Il grande cane giapponese era usato Abrantes R. “The evolution of canine social behaviour.” Wakan Tanka Publi- shers - Naperville, Illinois 1997.per la caccia a selvaggina di grossa taglia, per i combatti- Arons C.D., Shoemaker W.J. “The distributions of catecholamines and beta-menti e per la guardia. Si tratta di animali tendenzialmente endorfin in the brains of three behaviorally distinct breeds of dogsmolto calmi e riflessivi, non particolarmente espansivi, si- and their F1 hybrids.” Brain Research, 594, 1992. Clutton-Brock J. “Origin of the dog: domestication and early history.” Incuramente molto competitivi con i loro simili, diffidenti “The domestic dog; its evolution, behaviour and interactions with peo-con gli estranei e dotati di una indubbia tendenza a mani- ple.” Cambridge University Press - London 1995.festare condotte offensive. Il cinese Chow Chow era un Coppinger R., Coppinger L. “Dogs. A new understanding of canine origin, behaviour and evolution.” The University of Chicago Press - Chicagoausiliario polivalente le cui funzioni andavano dalla caccia 2001.alla guardia, senza escludere la produzione di carne e pel- Coppinger R., Shneider R. “Evolution of working dogs.” In “The domesticlicce. Sicuramente un carattere affabile non era tra le ca- dog; its evolution, behaviour and interactions with people.” Cambrid- ge University Press - London 1995.ratteristiche che interessavano i selezionatori cinesi, più Coren S. “L’intelligenza dei cani.” Arnoldo Mondadori Editore - Milano 1996.che altro interessati ad avere un ausiliario adattabile ai di- Coren S. “Cani e padroni.” Arnoldo Mondadori Editore - Milano 1999.versi lavori, ma non bisognoso di grossi addestramenti. Davis S.J.M., Valla F.R. “Evidence for domestication of the dog 12000 years ago in the Natufian of Israel.” Nature, 276, 608-10.L’addestrabilità è quindi bassa, come anche la reattività Fiorone F. “Il mio amico cane. Tutte le razze del mondo.” Rusconi Editore -generale, la propensione a risolvere le interazioni in ma- 1981.niera conflittuale è media. Nel rapporto con il proprietario Hart B., Hart L. “The perfect puppy. How to choose your dog by its beha- viour.” Freeman and Company - New York 1988.sono discreti e dignitosi, abbastanza distaccati e decisa- Scott J.P., Fuller J.L. “Genetics and the social behaviour of the dog.” Themente non molto tolleranti verso le manipolazioni. University of Chicago Press - Chicago 1965. Altro gruppo quello degli spitz tedeschi, a cui si può as- Willis M.B. “Genetic aspects of dog behaviour with particular reference to working ability.” In “The domestic dog; its evolution, behaviour andsimilare il volpino italiano, in cui esistono in diverse taglie interactions with people.” Cambridge University Press - London 1995.(nana, piccola, media e grande) molto simili struttural- aa. vari. “La nuova enciclopedia del cane.” Editoriale Olimpia - Firenze 1995.