Openstreetmap la libertà nelle mappe - Linux Day 2013 di Genova

1,073 views
881 views

Published on

L'intervento su Openstreetmap al Linux Day 2013 di Genova presso Palazzo Ducale

Published in: Technology
0 Comments
0 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

No Downloads
Views
Total views
1,073
On SlideShare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
2
Actions
Shares
0
Downloads
15
Comments
0
Likes
0
Embeds 0
No embeds

No notes for slide
  • {}
  • Openstreetmap la libertà nelle mappe - Linux Day 2013 di Genova

    1. 1. Openstreetmap, la libertà nelle mappe Linux Day 2013 - Genova
    2. 2. Cos'è Openstreetmap Un progetto cartografico libero e collaborativo ideato da una singola persona nel 2004; nato per creare mappe stradali, si è poi sviluppato a tal punto da essere la più grande banca dati cartografica libera. Slogan di Openstreetmap: The Free Wiki World Map Ha una filosofia analoga a Wikipedia; e alla stessa stregua è stata considerata dai giganti mondiali: Prima ti ignorano, poi ti deridono, poi ti combattono, …. Ognuno può essere considerato come la massima autorità geografica del proprio quartiere: tu mappi il tuo quartiere, io mappo il mio e assieme mappiamo il mondo.
    3. 3. Il modello WIKI Tutti conoscono, e molti apprezzano, wikipedia. E' diventata famosa per: - Il modello crowdsourcing (chiunque può parteciparvi) - Perché ha contenuti che altre enciclopedie non hanno (basta che siano enciclopedici) - Per la completezza di certi articoli (punte d'eccellenza) - La si può usare liberamente a patto di citarne le fonti Openstreetmap (in breve OSM) è una wikimappa; ha principi simili ma non si ferma a questi: - modello crowdsourcing (chiunque può parteciparvi) ma allo stesso tempo si spingono i possessori di dati geografici (P.A. in primis) ad aprire le licenze dei loro dati - Ha contenuti che altre mappe non hanno (è virtualmente mappabile qualsiasi cosa) - Ha zone di eccellenza (in diverse zone nessuna altra mappa è così dettagliata) - La si può usare liberamente a patto di citarne le fonti INOLTRE ...
    4. 4. - Esistono numerosissimi strumenti per usare la mappa o sue porzioni per visualizzazioni di ogni tipo - Vi sono diversi livelli d'interazione a seconda della conoscenza che ha l'utente, dall'utente occasionale al professionista - Si possono analizzare dati territoriali con i soli dati OSM o 'mischiandoli' con tipi di dati - Si possono costruire applicazioni basate su dati OSM - Si può generare business con i dati OSM - E' divertente uscire col GPS e mappare il mondo - Non serve essere geografi per partecipare al progetto I dati Openstreetmap e le mappe da essi generate hanno licenza Open Database License (OdbL) 1.0 detta anche “Licenza di archiviazione di dati aperta” http://opendatacommons.org/licenses/odbl altri
    5. 5. Utilizzi dei dati Openstreetmap I dati OSM sono oggigiorno usati per: Creare mappe stradali, escursionistiche, nautiche, per persone con disabilità motorie, per navigatori, dispositivi mobili, ecc.. Avere servizi di routing per pedoni, ciclisti e automobilisti. Creare stradari in stile Tuttocittà (con maposmatic.org lo si crea in 4 click!). Visualizzarle su siti web statici, Blog e CMS in genere. Come sfondi in alcuni videogame e simulatori aerei. In social network (Foursquare). Stamparle su libri, riviste e manifestini pubblicitari. Usare i dati nella mappa per analisi e statistiche. Usarli come strato di base su cui aggiungere altri tipi d'informazioni e/o generare analisi o servizi professionali (OpenGeo, Nestoria, Streeteasy, Flickr) . Per fare tutto ciò e altro ancora sono disponibili strumenti quasi sempre Opensource.
    6. 6. Mappe proprietarie VS mappe libere 1 Negli ultimi anni c'è stata una vera e propria guerra tra i giganti della cartografia con acquisizioni miliardarie. Questo ci dovrebbe far comprendere, in quest'epoca di forte sviluppo della mobilità, quanto siano diventate importanti le mappe e la geolocalizzazione in genere. Sul Web è Google Map che ha il predominio, ed è spesso usata anche su siti di 'paladini dell'open'. Confrontiamo in breve alcune differenza tra Gmap e OSM: Copertura GMAP Relativamente uniforme nei paesi sviluppati, fortissime carenze in Africa, Asia e Sud America dove a fronte di un importante sforzo economico per la mappatura corrisponderebbero bassissimi ritorni dell'investimento OSM Le zone meglio mappate sono dove transitano i mappatori e dove c'è stata un'apertura dei dati geografici. In molte aree povere del mondo la mappatura avviene per mezzo delle ONG umanitarie
    7. 7. Mappe proprietarie VS mappe libere 2 Caratteristiche visualizzate GMAP Decide quali categorie di oggetti far vedere; nel caso di negozi o imprese a volte bisogna pagare per essere visibili OSM Con la struttura a TAG è virtualmente possibile mappare qualsiasi cosa. Le mappe disponibili in rete scelgono quali categorie visualizzare ma qualsiasi oggetto è inserito in OSM e si può decidere se e come visualizzarlo (stili e regole di rendering personalizzabili) Precisione GMAP In genere nessuno sta a sindacare sulla precisione delle loro mappe: a volte sono molto precise, altre volte troviamo esercizi commerciali posizionati a svariate decine di metri di distanza. Inoltre vengono volutamente inseriti alcuni errori (easter eggs) per capire se qualcuno copia le loro mappe OSM Anche qui la precisione è variabile ma è sempre migliorabile da un altro utente (filosofia wiki) e nel caso di rilevazioni particolarmente precise (o import di dati catastali) lo si segnala con appositi TAG
    8. 8. Mappe proprietarie VS mappe libere 3 Costi GMAP Per il piccolo utente l'uso è più o meno gratuito (ma attenzione a leggere i termini d'uso!!); per chi ne fa un uso estensivo è diventato a pagamento OSM E' gratuito e chi ne fa un uso estensivo può importarsi i dati in locale (di tutto il globo o solo la porzione che interessa)
    9. 9. Visualizzare i dati: la mappa Ma come vengono create le mappe? Il processo che trasforma i dati in 'disegno' è chiamato rendering. Quando si crea una mappa si deve pensare quali saranno gli utilizzatori: se automobilisti, ciclisti, escursionisti, sciatori, ecc.., e si sceglierà di conseguenza cosa visualizzare e in quale stile disegnare la mappa. Se in una zona mappata in maniera molto dettagliata decidessimo di visualizzare tutto ciò che è stato mappato, probabilmente la mappa risulterebbe illeggibile causa i troppi simboli attaccati gli uni agli altri. Si decide perciò cosa far vedere e cosa tralasciare, nascono così i tematismi delle mappe.
    10. 10. Esempi di rendering 1/5
    11. 11. Esempi di rendering 2/5
    12. 12. Esempi di rendering 3/5
    13. 13. Esempi di rendering 4/5
    14. 14. Esempi di rendering 5/5
    15. 15. Cosa si può mappare Abbiamo già detto che è virtualmente possibile mappare qualsiasi cosa. Vediamo ora un esempio eterogeneo di alcuni oggetti normalmente mappati: Buca per le lettere amenity=post_box Parcheggio per biciclette amenity=bicycle_parking Edicola votiva historic=wayside_shrine Scalinata highway=steps Sentiero highway=path Sito d'arrampicata sport=climbing Faro nautico man_made=lighthouse Negozio d'animali shop=pet Campeggio tourism=camp_site Seggiovia aerialway=chair_lift Antiche rovine historic=ruins Traliccio di elettrodotto power=tower Contenitori per il riciclo dei rifiuti amenity=recycle
    16. 16. I TAG Per descrivere le caratteristiche degli elementi appena elencati ci si affida ai tag. Il tag è un descrittore, e ogni singolo tag è composto dalla coppia chiave/valore. Ogni elemento viene descritto da uno o più tag. Il set di tag ufficialmente riconosciuti si trova qui http://wiki.openstreetmap.org/wiki/IT:Map_Features Ma se si deve descrivere qualcosa che non è stato ancora decodificato posso creare un nuovo tag (possibilmente in accordo alla comunità). Esiste una mailing-list internazionale ove proporre, discutere ed armonizzare i nuovi tag.
    17. 17. Esempio d'uso dei tag Prendiamo ad esempio una via a Genova, come descrizione di base potrebbe bastare mapparla come: highway=unclassified name = Via delle Casette Che identifica una strada di passaggio a traffico medio/basso. Se vogliamo aumentare la qualità della mappatura ne descriveremo tutte le caratteristiche, in tal caso diventa: highway = unclassified Maxheight = 3.5 (altezza massima consentita) Maxspeed = 30 (velocità massima) Maxweight = 1.2 (peso massimo) Maxwidth = 2 (larghezza massima) name = Via delle Casette oneway = yes (strada a senso unico) In questo caso è lampante la quantità d'informazioni che ha quella strada. La maggior parte delle mappe riporterà solo alcune di queste informazioni, ma esse sono nel database e qualcuno potrebbe utilizzarle.
    18. 18. Elementi costitutivi di OSM Gli elementi contenuti nel database sono: Node: il nodo descrive un singolo punto o l'estremità di un segmento. E' usato per descrivere caratteristiche quali, ad esempio, un semaforo (highway=traffic_signals) o una fontanella (amenity=drinking_water). Way: uno o più segmenti uniti tra loro che descrivono un percorso, come una strada, un torrente, un elettrodotto, ecc.. Area: usata per descrivere superfici, quali un lago, un edificio, una zona boscosa, ecc.. Relation: la relazione serve a creare strutture più complesse quali un sentiero che attraversa percorsi diversi, una linea di autobus con percorsi e fermate, ecc..
    19. 19. Architettura di Openstreetmap
    20. 20. Cosa c'è sotto? (OSM behind the scene) I dati vengono inseriti tramite diverse interfacce, da una semplice pressione in un'applicativo del vostro smartphone, a un editor su PC o direttamente tramite importazione di dati grezzi. Vengono poi immagazinati in un database PostGreSQL, ma per semplificarne l'uso vengono anche distribuiti nel formato XML, facilmente leggibile e comprensibile. Vediamo qui un esempio di dati in formato XML: <node id="26859655" lat="45.716944" lon="7.261667" version="2" timestamp="2011-0521T18:18:53Z" changeset="8209302" uid="155936" user="palimpadum"> <tag k="name" v="Camping Monte Bianco"/> <tag k="tourism" v="camp_site"/> <tag k="website" v="http://www.campingmontebianco.it/ted/benvenuti.asp"/> </node> <node id="26863010" lat="45.5178663" lon="7.2671562" version="9" timestamp="201204-08T15:47:54Z" changeset="11226835" uid="149704" user="Thomas_Schmitt"> <tag k="ele" v="4061"/> <tag k="name" v="Gran Paradiso"/> <tag k="name:fr" v="Grand Paradis"/> <tag k="natural" v="peak"/> </node>
    21. 21. Diamo i numeri Al 25 ottobre 2013 Utenti registrati: 1 .409.753 Numero di utenti attivi negli ultimi 30 giorni: 19.042 Numero di nodi inseriti: 2.065.318.110 Km di strade e sentieri mappati in Italia: Numeri su alcuni oggetti mappati in Italia Parcheggi 57.700 Negozi 31.000 Ristoranti 14.300 Banche 4.900 Uffici postali 3.000 Farmacie 4.630 Blbioteche 1.013 Monti e cime 12.000 Link ad articoli wikipedia 11.700 825.000
    22. 22. Editing con Openstreetmap Gli utenti OSM variano dal professionista all'utente digiuno di tecnologia. Perciò esistono diversi strumenti con diversi livelli di complessità che permettono l'interazione attiva con OSM. Occorre innanzi tutto registrarsi come utente.
    23. 23. Editing con Openstreetmap I più semplici editor sono accessibili direttamente dalla pagina www.openstreetmap.org , lavorano in tecnologia Flash. Qui vediamo Potlatch con le ortofoto di Bing come strato di sfondo.
    24. 24. Editing con Openstreetmap E qui l'altro semplice editor: ID
    25. 25. Editing con Openstreetmap: Josm Ecco qui Josm, l'editor in Java più usato dai mappatori. Con i molti plugin a disposizione è molto potente ma relativamente semplice da imparare.
    26. 26. Altri editor dati OSM Esistono altri programmi di editing, primo tra tutti Merkaartor disponibile per Win, Linux e Mac, ad altri (sia di editing che di semplice utilizzo delle mappe) per dispositivi mobili per le diverse piattaforme: Android: OsmAnd, Vespucci, OruxMaps, GpsMid, OSMTracker, Keypad Mapper, OsmDroid, ... Symbian: GpsMid IoS: OpenMaps, Pushpin, Galileo, Forever Map, … Windows mobile: ... Oltre a questi, destinati alla normale utenza, esistono plugin per permettere ai professionisti e agli utenti dei sistemi GIS di interagire con OSM tramite programmi ben più complessi di questi, citiamo giusto Qgis, G.R.A.S.S., Quantum GIS e ArcGIS
    27. 27. Mappare senza GPS: Fieldpapers Tra la miriade di strumenti a disposizione del mappatore c'è anche il metodo Fieldpapers che permette di aggiungere dettagli, ad una zona già mappata, senza disporre di un GPS. Andando sul sito fieldpapers.org si sceglie la zona e si stampa l'atlante (composto da una o più pagine). Andiamo in strada ed aggiungiamo dettagli alla mappa (negozi, parcheggi, ecc..). Torniamo a casa e basandoci sui riferimenti stampati aggiungiamo atteristiche rilevate sul campo (esiste anche il metodo per visualizzare in trasparenza i fogli dell'atlante ma non verrà spiegata in queste slide).
    28. 28. Mappare senza GPS: le ortofoto Se si ha la conoscenza del territorio si può, con un minimo di cautela, usare le foto aeree (ortofoto) con licenza compatibile a OSM come ausilio alla 'mappatura da scrivania'. Le foto di cui si può disporre sono quelle del PCN, Portale Cartografico Nazionale e quelle di Bing. Le possiamo usare perchè ci è stato esplicitamente concesso l'uso per il ricalco.
    29. 29. Mappare senza GPS: le ortofoto Nella slide precedente abbiamo scaricato con Josm una zona di Savona e successivamente abbiamo richiesto la visualizzazione delle ortofoto PCN. Tale tecnica va usata con cautela per due motivi: Le foto potrebbero essere obsolete e nel frattempo potrebbero aver aggiunto o modficato la viabilità. Le foto aeree a volte (soprattutto in zone montuose o con cambi di pendenza) soffrono di problemi di allineamento o più raramente di deformazione. Se siamo certi di poterle usare ecco che possiamo aggiungere dettagli o intere strade che non sono ancora state mappate.
    30. 30. Mappare senza GPS (mappa il tuo quartiere) Per mezzo del nuovo strumento delle NOTE è possibile contribuire a OSM anche se non si è iscritti. Dal sito principale www.openstreetmap.org cliccando a destra sull'icona del fumetto e trascinando l'indicatore al posto giusto si può inserire una nota descrivendo cosa si dovrebbe aggiungere o modificare sulla mappa. I normali utenti controllano di tanto in tanto la presenza di tali note e, se la ritengono veritiera, eseguono la modifica.
    31. 31. Qualità dei dati Parlando di OSM ad Amministrazioni e organizzazioni commerciali, l'obiezione principale che ci viene posta è: Ma quanto sono affidabili i dati Openstreetmap? OSM non è una mappa per applicazioni catastali (almeno per ora) ma per tutte quelle applicazioni che ritengono accettabili errori di alcuni metri. Non ha copertura e qualità uniforme ma in alcune zone ha una quantità e/o qualità di dettagli superiore a molte altre mappa. In alcune zone ha anche una precisione eccellente: quella dove i Comuni hanno aperto i loro dati catastali; in Francia è possibile importare l'intero catasto. In caso di import da fonti particolari si aggiungono tag che avvisano da quale fonte arriva il dato. Ultimamente anche Google, dopo averci copiato l'idea dei Mapping Party, ha iniziato ad usare i volontari per segnalare errori o mancanze nella mappa (ma i dati generati rimangono di totale proprietà di Google).
    32. 32. Qualità dei dati delle P.A. Ed ora facciamoci un'altra domanda: Ma quanto sono affidabili i dati delle P.A.? Non è uno scherzo! I dati raccolti dalle P.A. sono molto affidabili ….. sino al giorno dopo della raccolta. Le infrastrutture e la viabilità (pensiamo solo al fiorire delle rotonde sulle strade) cambiano velocemente. E' inutile spendere un sacco di soldi per ottenere dati affidabili e poi chiuderli in un cassetto e pensare che dopo anche solo uno o due anni siano sempre affidabili! Il modello crowdsourcing potrebbe essere adottato anche dalle amministrazioni locali (ovviamente con qualche controllo preventivo per validare il dato) per avere costantemente dati affidabili.
    33. 33. Qualità dei dati delle P.A., un esempio
    34. 34. Inserire la mappa OSM in una pagina HTML E' sufficiente, partendo da www.openstreetmap.org, spostarsi sulla zona desiderata e cliccare a destra sull'icona 'condividi' selezionando 'HTML'; eventualmente possiamo anche aggiungere un marcatore per una particolare posizione: in tal caso spuntiamo il campo 'includi il marcatore' e lo trasciniamo alla posizione desiderata. Fatto questo copiamo il testo che ci appare nel riquadro ed inseriamolo in una pagina HTML
    35. 35. Segnalare la propria attività su OSM Ecco un nuovissimo sito in cui inserire attività commerciali o altre strutture in soli 3 passi http://su.openstreetmap.it
    36. 36. Esempi di utilizzo dei dati Vediamo ora una breve carrellata di mappe per gli scopi più svariati che in comune hanno la base dati Openstreetmap. Opencuisinemap: scegli il ristorante in base al tipo di cucina; si basa sul tag cuisine=
    37. 37. Openlinkmap: visualizza link e altre informazioni collegate al POI inserite dai mappatori
    38. 38. Openlinkmap: nel caso delle fermate bus col numero di fermata mappato apre una finestra che indica l'orario dei prossimi passaggi.
    39. 39. Openrouteservice: routing a piedi in bicicletta o auto con possibilità di esportare il file GPX o KML del tragitto.
    40. 40. http://kubus.mailspool.nl/spoorkaart/ è un sito che sulla base dati OSM raccoglie la posizione in tempo reale di tutti i treni in Olanda e li visualizza con diversi strumenti e filtri.
    41. 41. Passiamo a qualcosa di più serio: wheelmap.org è una mappa con applicazioni mobili per mappare il grado di accessibilità per persone con problemi motori a uffici e locali pubblici, fermate bus e metro, ecc..
    42. 42. Humanitarian Openstreetmap Team
    43. 43. Ringraziamenti, linkografia e licenza Grazie per l'attenzione Ricorda le regole base di Openstreetmap: Non copiare da mappe o dati non compatibili con la licenza OdbL Divertiti Linkografia: La Home page della comunità italiana http://wiki.openstreetmap.org/wiki/IT:Main_Page La descrizione dei tag usati da OSM http://wiki.openstreetmap.org/wiki/IT:Map_Features L'editor Josm http://josm.openstreetmap.de/ Scaricare mappe OSM in vari formati e per GPS Garmin http://download.gfoss.it/osm/ Opencuisinemap http://toolserver.org/~stephankn/cuisine Inserire attività commerciali http://su.openstreetmap.it Openlinkmap http://www.openlinkmap.org APP segnalatore accessibilità http://www.wheelmap.org Humanitarian OpenStreetMap Team http://hot.openstreetmap.org/ Questa presentazione è rilasciata con licenza ed è visibile e scaricabile da http://www.slideshare.net/AleZenaIT

    ×