• Full Name Full Name Comment goes here.
    Are you sure you want to
    Your message goes here
    Be the first to comment
    Be the first to like this
No Downloads

Views

Total Views
1,614
On Slideshare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
1

Actions

Shares
Downloads
27
Comments
0
Likes
0

Embeds 0

No embeds

Report content

Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
    No notes for slide

Transcript

  • 1. Appunti di orticoltura biologica-dinamica Borgo San Dalmazzo 27 febbraio 2007 Agricoltura biologica-dinamica ovvero Agricoltura biodinamica e la sua evoluzione lomeodinamicaAd inizio Novecento un gruppo di agricoltori si rivolse a Rudolf Steiner (1861-1925),personalità ecclettica che fu al tempo stesso filosofo, scienziato, artista, pedagogo eterapeuta, per avere consigli su come rivitalizzare la terra, che a seguito dellutilizzo deiprimi concimi sintetici, stava perdendo la sua vitalità.Nell’indicarci la via verso una conoscenza ampliata del vivente e delle suemanifestazioni Rudolf Steiner, nel Corso di Agricoltura tenuto a Koberwitz nel 1924, ciindica i principi fondamentali su cui si deve basare l’agricoltura: • la vita nasce dalla vita (da cui la cura particolare della sostanza organica); • l’azienda agricola deve essere vita come un organismo vivente (da cui lo studio sull’interazione tra i vari organi quali bosco, frutteto, seminativo, orto, stagno, siepi, animali ecc.); • la pianta è un immagine del cosmo (da cui l’utilizzo dei preparati per collegare la pianta alle forze cosmiche e l’utilizzo di particolari calendari astronomici per le operazioni agricole).Il primo passo è quindi è quindi attivare la vita nel terreno in modo che le sostanzepresenti nel terreno in quantità superiore al bisogno possano essere rese disponibili. Permigliorare la trasformazione delle sostanze organiche si dovranno utilizzare larotazione, utilizzo del cumulo e dei preparati secondo le indicazione del calendario dellesemine e lavorazioni.La biodinamica guarda alla terra come parte delluniverso e perciò soggetta alle leggi ealle influenze cosmiche (cicli stagionali, giorno-notte, influenza della Luna sui liquidiecc.).Con questo metodo si penetra nei ritmi della natura attraverso il dinamismo portato daipreparati biodinamici, che si dividono in prodotti da spruzzo e da cumulo.La sua naturale evoluzione è lagricoltura omeodinamica che si basa sui principi e suimezzi tecnici e dinamici (i preparati) dellagricoltura biodinamica, ma li potenzia nelloro effetto grazie al processo di dinamizzazione omeopatica a cui vengono sottoposti.In questo modo il benefico effetto radiante dei preparati viene amplificato di centinaiadi volte. Enrico Meineri Pagina 1 di 8
  • 2. Appunti di orticoltura biologica-dinamica Etere del chimismo Etere di Vita VEGETALE MINERALE foglia radice Insalate indivia freddo spinaci ACQUA TERRA Carote porri Cavoli ravanelli cavolo rapa Verza barbabietole finocchi rosse pan di zucchero O C sedano insalata prezzemolo belga erbe aromatiche rape valerianella scorzonere piante da foraggio pastinaca umido Secco patate e cipolleOvest Quintessenza Est Fagioli, fagiolini piselli, peperoni, Tagete nasturzio N H lenticchie soia, cetrioli, facelia da fiore pomodori Piante rosa zucche zucchine calendula ecc . cereali, fragole, piante da fiore ARIA FUOCO frutta caldo fiore seme/frutto ANIMALE UOMO Etere di luce Etere del calore SudTerra - ortaggi a radice: patate, carote, rapanelli, rape, barbabietole rosse, pastinaca,sedano, scorzonera, sedano rapa, navone, barbaietole cipolleAcqua - ortaggi a foglia: insalata , spinaci, porri, indivia, cavoli, carciofi, finocchi,valerianella.Aria fiori: girasoli, tagete, calendule, facelia, nasturzio piante da fiore varieFuoco - ortaggi a frutti semi: piselli, fagioli, cetrioli, pomodori fave, cerali, peperoni,lenticchie.HumusIl terreno che coltiviamo è la risorsa principale di chi coltiva l’orto e deve avere il massimodella vitalità, e perciò deve contenere una elevata percentuale di humus.L’humus è una sostanza organica che si ottiene dalla traformazione delle sostanzeorganiche vegetali e animali e si presenta sotto forma di una massa bruno scura. Enrico Meineri Pagina 2 di 8
  • 3. Appunti di orticoltura biologica-dinamica Borgo San Dalmazzo 6 marzo 2007L’ organismo agricoloPer organismo si intende un insieme di organi ciascuno con una propria specificità efunzione che, collaborando insieme, permettono quella che si può definire una funzionesuperiore, che è la capacità di ‘dialogare’ con il mondo dei pianeti. Gli organi fondamentalidell’organismo agricolo che sono costituiti da una siepe esterna (che svolge la funzione dipelle), da piante di alto fusto (che costituiranno il bosco), piante a frutto, piante officinali,stagno, dal cumulo, dal seminativo e animali. Ora, dall’efficienza, dall’armonia e salute diogni singolo organo dipenderà la salute, l’efficienza e l’armonia dell’organismo che deveessere autonomo anche se intimamente collegato con la situazione generale.In ogni organismo si possono vedere quattro funzioni principali che si possono ricondurreai quattro elementi della filosofia greca.Esse sono nel nostro caso: • la funzione fisico/minerale: costituita dalle case, dai fabbricati di servizio, e dalle strade. Essa incarna gli aspetti derivanti dalle leggi del mondo inorganico. • La funzione vitale/vegetale: costituita dal seminativo dove sono presenti gli organi con la massima vitalità. • La funzione psichica/animico: costituita dai fruttiferi, dai cespugli fioriti, dai rosai e dal giardino. Questa rappresenta l’ambiente nel quale le forze portatrici di vita e di forma vengono raccolte e accumulate per suscitare vita e sensazioni nella natura e nei fruitori. • La funzione organizzativa/spirituale: rappresentata dagli alberi ad alto fusto. Enrico Meineri Pagina 3 di 8
  • 4. Appunti di orticoltura biologica-dinamicaEsempio di organismo agricolo orto Nord Botti per macerati In alternativa filare di viteCumulo per compost Ciliegio o fico Ginepro Alloro Capanno In alternativa filare di vite attrezzi pero Aiuole cm Susino o 120 x 500 nocciolo Filare di Ribes/more Ovest oppure Est Toupinanbour Melo Aiuole cm Pesco o 120 x 500 Aiuola nobilitata con albicocco rosa di varietà antica Aiuola rose oppure di piriacanta oppure di biancospino In angolo riparato mettere le piante officinali Sud Progetto di orto di m 15 x m 15 Enrico Meineri Pagina 4 di 8
  • 5. Appunti di orticoltura biologica-dinamicaProgrammazione dell’ortoPer fare un buon orto è necessario un minimo di programmazione.Utile è tenere un diario e riportare le esperienze, le osservazioni relative alla lavorazionedel terreno, concimazione, scelta ortaggi, coltivazioni miste, successi, insuccessi.Questa raccolta di notizie ci eviterà di ripetere gli errori.Si incomincia con la suddivisione delle aiuole del nostro orto.Su un foglio di carta tracciamo il perimetro dell’orto e stabiliamo l’orientamento delleaiuole (normalmente Est/ovest).Suddividiamo la superficie disponibile in aiuole di cm 120 di larghezza con camminamentodi 30 cm (le indicazioni riportate sulle bustine si riferiscono a queste misure!).Iniziare con l’aiuola di mezzeria ai lati può rimanere un’aiuola che potrà essere lavoratarestando da una sola parte.Scegliere poi il sistema di coltivazione: coltivazione a monocoltura o coltura mista.Se si sceglie la monocoltura, vale a dire un solo ortaggio per aiuola, deve essere previstauna rotazione.Rotazione classica con quattro aiuoleAiuola 1 ortaggi forti consumatori: cavoli, cetrioli, zucche porri, sedano rapa, pomodoriaiuola 2 ortaggi medi consumatori: finocchi, carote, aglio, cipolle, spinaci, scorzonera,insalate, spinaci, rapanelli.aiuola 3 ortaggi deboli consumatori: fagioli, piselli, carote, spinaci erbe aromatiche.aiuola 4 concimazione verdeRotazione secondo i quattro elementi:Aiuola1 Terra - ortaggi a radice: patate, carote, rapanelli, rape, barbabietole rosse,pastinaca, scorzonera, sedano rapa, navone, barbaietole cipolleAiuola2 Acqua - ortaggi a foglia: insalata , spinaci, porri, indivia, cavoli, carciofi, finocchiaiuola 3 Aria fiori: girasoli, tagete, calendule, facelia, nasturzio piante da fiore varieaiuola 4 Fuoco - ortaggi a frutti semi: piselli, fagioli, cetrioli, pomodori fave, cerali,peperoni lenticchie, aromatiche.4 anni fragoleSe il terreno è vitale solo in apparenza ed è compattato, il modo migliore per iniziarel’impianto dell’orto è quello di provvedere il primo anno dopo una erpicatura (non araturao fresatura!) alla “concimazione verde” sull’intera superficie e distribuire compost.Su tutto il terreno smosso in primavera col forcone foraterra (non vangato o rivoltato)dovrebbe essere seminato il crescione o la senape bianca.In pochi giorni germogliano e in una settimana formano un tappeto verde che protegge ilterreno. Successivamente verranno tagliati solo dove si intende seminare o trapiantarelasciando che continuino a crescere.Quando, più tardi, senape e crescione saranno di ostacolo alla crescita verranno tagliati(non strappati) e lasciati sul posto come pacciamaturaColtivazione mista o consociazioniCol termine coltivazione mista si intende la coltivazione contemporanea di diversi tipi diortaggi sulla stessa aiuola. Si coltivano nella stessa aiuola piante che hanno tempi dimaturazione ed esigenze nutritive diverse. Enrico Meineri Pagina 5 di 8
  • 6. Appunti di orticoltura biologica-dinamicaDopo numerose osservazioni ed esperimenti con i più diversi tipi di ortaggi si è scopertoche numerosi tipi di piante stimolano reciprocamente la propria crescita e si proteggono avicenda contro le malattie e gli insetti nocivi.Nelle coltivazioni miste è necessario e preparare programmi più accurati e riflettere di piùtuttavia non è necessario un maggiore lavoro rispetto a quello richiesto dalle monocolture.Nel caso delle colture miste si usa solo solo compost maturo. Qualora si debba piantareortaggi forti consumatori (cavoli, zucche, porri, sedano rapa ecc) si può somministrareogni 2-3 settimane un po’ di macerato di orticaLe aiuole destinate ai forti consumatori possono essere concimate in autunno con compostnon perfettamente maturo, mai letame fresco. Finocchio – pomodoro Fagiolini - finocchio Fagiolini – cipolle Cren - cipolleAltre consociazioni positiveFagioli - cavoliFagioli – porriFagioli - sedaniFagioli - maisPorri – sedaniFagioli - cetrioliBarbabietola rossa – cavolo rapaBarbabietola rossa – cipollaFagiolini – sedaniFagiolini – cetrioliPorri per autunno inverno - carote Enrico Meineri Pagina 6 di 8
  • 7. Appunti di orticoltura biologica-dinamicaesempioAiuola A______________________________________________________________1 fila Spinaci Spinaci porri piantati in solchi profondi circa 15 cm2 fila Spinaci patate + tagete carote tardive3 fila Spinaci Spinaci porri4 fila Spinaci patate + tagete carote tardive piantate in solchi profondi 5 cm e ricoperte da un leggero strato di torba5 fila Spinaci Spinaci porri_____________________________________________________________In alternativa dopo le patate fagiolini e cavoliOppure insalate invernaliOppure Senape bianca (sovescio)Oppure Finocchio + insalataAiuola B_______________________________________________________________________________Carote precoci due file ravanelliCipolle valerianaCarote precoci valerianaCipolle valerianaCarote precoci due file ravanelli______________________________________________________________Oppure senape bianca che con il freddo gela e protegge il terreno d’inverno e in primaveraSemina della concimazione verdeIn un terreno trattato per lunghi anni con concimi e fitofarmaci il periodo ditrasformazione può essere anche di 4- 5 anni, perché il terreno è stato ucciso dalle sostanzechimiche.Più facile è portare in equilibrio un terreno sconvolto da vangatura e rivoltatura.I tempi possono essere abbreviati o anche dimezzati con l’uso di preparati biodinamici odomeodinamici.In terreni fresati da anni o poveri di humus tale operazione il primo anno può risultaredifficile a causa del compattamento del suolo dovuto all’uso di attrezzature sbagliate.Inserire quindi abbondante compost e fare la concimazione verdeLa massa delle radici arricchisce il suolo di sostanza organica, aera gli strati più profondiregola umiditàPiante più utilizzate per la concimazione verde nell’orto sono principalmente: senape (dasfalciare quando fiorisce, non lasciarla disseminare!), spinaci, crescione, valerianella,facelia, leguminose in genere, girasole, colza.Esempio di aiuola per la concimazione verde :spinaci seguiti da senape (sfalciata prima della fioritura) seguita da facelia per la restanteparte dell’anno. Enrico Meineri Pagina 7 di 8
  • 8. Appunti di orticoltura biologica-dinamicaNote aggiuntive:La fragola può succedere a se stessa 4-5 anni poi si può iniziare con le patateIl pomodoro può succedere a sé stesso con profitto per 5-6 anni anche piùFiori che non possono mancare, da inserire ai bordi dell’orto oppure nelle aiuole sono iltagete (azione nematocida), il nasturzio (repellente per afidi ), calendula (azionenematocida), e fiori selvatici vari e infine ….. la rosa.Coltivazione mista con spinaciSistema sviluppato dalla signora Gertrud Franck applicabile in terreni in cui cresce bene lospinacio.In primavera sull’intera superficie si seminano gli spinaci in file a 40 cm di distanza unadall’altra. Le file ombreggiano il terreno, servono da pacciamatura. Non esistono piùsentieri e quando si semina, si trapianta, si coltiva si raccolgono, si pestanospensieratamente le piante di spinaci.Lavorazione del terrenoSe si vuole rendere sciolto il terreno si deve usare il forcone e rinunciare alla rivoltaturacon la vanga. Il forcone deve essere conficcato nel terreno e poi spinto avanti e indietro conun piccolo sforzo. Il tal terreno viene smosso senza essere rivoltato. Altri sistemi dilavorazione porteranno risultati illusori.Bibliografia generale:Testi: • E. Pfeiffer/E. Riese: Manuale di Orticoltura Biodinamica – Libreria Editrice Fiorentina • Heynitz/Merkens: Lorto biodinamico- Editrice Antroposofica Milano • Patrizia Sarcletti: LABC dellorto biologico – Calderini • M. Howard l’orto secondo natura - Edagricole • E. Kolisko/L. Kolisko:Lagricoltura del domani – Grafis Srl • Nicolas joly: Il vino tra cielo e terra - Porthos Edizioni • Dossier FIBL Supplemento a BIOdinamica n. 51 Novembre/Dicembre del 2003 • La fertilità della terra E.E. Pfeiffer - Editrice Antroposofica Milano • R. Hauschka: La natura della sostanza- Editrice Antroposofica Milano • E.E. Pfeiffer : Che cosa raccontano le infestanti- Editrice Antroposofica Milano • A. Podolinsky: Agricoltura Biodinamica lezioni introduttive vol.1 – Publiprint GraficaDispense dei corsi tenuti Enzo Nastati e pubblicate dall’Associazione l’Albero della Vita: • Nove incontri con l’agricoltura biodinamica • Manuale di coltivazione omeodinamica • I quattro aspetti dell’organismo agricolo • Coltivare in orto e serra secondo il metodo omeodinamico • Coltivare in aridocoltura Enrico Meineri Pagina 8 di 8