Tartine di segale allo stoccafisso

742 views
586 views

Published on

Ottimo antipasto. Da provare, Aflo

Published in: Entertainment & Humor
2 Comments
0 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to like this

No Downloads
Views
Total views
742
On SlideShare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
7
Actions
Shares
0
Downloads
8
Comments
2
Likes
0
Embeds 0
No embeds

No notes for slide

Tartine di segale allo stoccafisso

  1. 2. Per la materia base chiediamo a Gennarino,il nostro fornitore di fiducia
  2. 3. Gennarino scegli tra i pezzi di stoccafisso messi a bagno,ne occorre ½ Kg per sei persone (concretamente ragno significa di prima scelta)
  3. 4. Laviamo in acqua corrente il nostro stoccafisso
  4. 6. Poniamo lo stoccafisso in una pentola con acqua fredda
  5. 7. Lessiamo lo stoccafisso schiumando di tanto in tanto
  6. 11. Il nostro stoccafisso è lessato
  7. 13. Mettiamolo in un piatto
  8. 15. Priviamolo della pelle
  9. 17. Controlliamo se ci sono spine residue
  10. 18. Laviamo un ciuffo di prezzemolo
  11. 20. Tritiamo il prezzemolo ed uno spicchio di aglio
  12. 22. Spezzettiamo lo stoccafisso
  13. 24. Versiamolo in una ciotola a cupola
  14. 25. Cominciamolo a lavorare con una spatola di legno
  15. 27. Versiamo di tanto in tanto un filo di olio ev di oliva
  16. 29. Continuiamo a lavorare lo stoccafisso
  17. 34. Dovrà pian pianino diventare una mousse soffice e omogenea
  18. 35. Completiamo con sale e pepe
  19. 36. A questo punto incorporiamo anche il prezzemolo e l’aglio che avevamo tritato e tenuto da parte
  20. 38. La nostra mousse di stoccafisso è finita. Volendo per arricchire l’immagine possiamo ancora aggiungere un paio di foglie di scarola riccia tritata finemente(facoltativo)
  21. 39. Prendiamo delle fette di pane di segale e tostiamolo
  22. 40. Spalmiamo la mousse di stoccafisso (monsù Tina ha preferito aggiungere per coreografia la scarola tritata)
  23. 41. Non resta che portare in tavola
  24. 42. Certamente il lavoro è stato notevole ma il risultato premia ampiamente la nostra fatica. Per un’antipasto inconsueto buona fame da Tina e Antonio [email_address]

×