S.maria del purgatorio ad arco

947 views
788 views

Published on

Napoli culto dei Morti dal 500,meraviglie reali Aflo
Versione italiana

Published in: Education
3 Comments
1 Like
Statistics
Notes
No Downloads
Views
Total views
947
On SlideShare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
2
Actions
Shares
0
Downloads
11
Comments
3
Likes
1
Embeds 0
No embeds

No notes for slide

S.maria del purgatorio ad arco

  1. 1. Fotografie ed elaborazioni originali di AntonioFlorino Avanzamento automatico eccetto la slide 2 , 3 e 4
  2. 2. Indispensabile per potere seguire le immagini è la morfologia simbolica della Chiesa. Costruita su tre livelli : il primo vera e propria Chiesa Barocca alla quale si accede salendo una delle due rampe di accesso.La Chiesa pure essendo riccamente decorata con abbondanza di marmi policromi si riporta sempre a temi e colori che richiamano la morte, perfino nella balaustra che circonda l'Altare che con i suoi chiaroscuri sembra addirittura traforato anche se non lo è e nel volto dei puttini che contrariamente all'aspetto chiaramente sereno e florido appaiono smunti e tristi. Il secondo livello viene raggiunto da scale che scendono alla sinistra dell'ingresso alla chiesa ,una volta entrati ,che fanno scendere nell'ipogeo,di forma e dimensioni della chiesa soprastante dove si celebra il vero e proprio rito funebre per poi proseguire attraverso uno stretto passaggio situato alla sinistra dello scarno altare nettamente in contrasto con quello ricco sovrastante, ma è il logico percorso delle anime,nella sala dove i corpi venivano deposti per il tempo necessario per perdere del tutto i liquidi corporei ed essere scarnificato per poi passare nel terzo livello che si può solo intravedere attraverso una grata situata sul pavimento e circondata da una ringhiera. Questo livello non è visitabile ma furtivamente si riesce ad intravedere un'ampio ossario comune. I teschi sono in piccola parte "adottati" da fedeli che con preghiere candele e quant'altro se ne conquistano la benevolenza ricambiata dai defunti con possibili comparse nei sogni e comunicazione di numeri da giocare al lotto, molto diffuso tra le persone di ceto anche medio alto ma in difficoltà economiche. Intanto le preghiere consentono alle anime dei defunti di abbreviare la sosta in Purgatorio e riprendere il viaggio verso la luce. Dal terzo livello di attesa risalgono dapprima all'ipogeo del secondo livello e successivamente tramite la scala di accesso alla Chiesa e al Teschio alato posto dietro l'altare Maggiore insieme ad un' Angelo liberatore che accompagnerà le anime oramai purificate verso il meritato Paradiso. La chiesa di Santa Maria delle Anime del Purgatorio ad Arco o più semplicemente Purgatorio ad Arco, in stile barocco, che si trova in Via dei Tribunali (nel cosiddetto Decumano Centrale) di fronte ai caratteristici portici del medioevo di palazzo d’Avalos. Ha assunto questo nome perché fu edificata a ridosso di una torre del medioevo, sorretta da un grande arco di sostegno, che, in seguito, scomoda e pericolante, fu abbattuta , su disposizione del Grande Viceré Don Pedro de Toledo, lo stesso che, per le sue manie di grandezza, fece di Napoli una delle più belle e moderne città dell’Europa di quel tempo.
  3. 3. La sua realizzazione, datata 1616, avvenne su progettazione degli ingegneri ed architetti napoletani Giovanni Cola di Franco e di Giovanni Giacomo Di Conforto; fu commissionata da famiglie nobili napoletane , tra cui quella dei Mastrilli, di origini francesi, venuta a Napoli al seguito del re Carlo I d’Angiò, che maggiormente contribuì alla costruzione della chiesa con i suoi sostanziosi finanziamenti; all’interno, troviamo numerosi variopinti stemmi di famiglia ed il monumento sepolcrale di Giulio Mastrilli, duca di Marigliano (NA), con la statua, opera dello scultore Andrea Falcone. Lo scopo principale della costruzione della chiesa fu, per quei nobili, quello di creare un luogo di sepoltura cristiana, non molto lontano dalle salme dei propri familiari, per una maggiore e migliore efficacia nel far arrivare le loro preghiere di suffragio ai loro cari defunti, per dare, a questi ultimi, la possibilità di un rapido passaggio in paradiso, ritenendo che tutte le loro anime fosser sicuramente in attesa nel Purgatorio a far penitenza per le loro colpe.La facciata della chiesa, davanti alla quale gli abitanti della zona, e non solo, non dimenticano mai di lasciare ogni lunedì figurine di santi, fiori freschi, lumini accesi e di dire qualche preghiere per le anime del Purgatorio o come per scongiurare un qualcosa di misterioso ed inquietante, ha, sulle quattro colonnine in piperno e nei fregi delle sue decorazioni, teschi ed ossa di bronzo, che son diventati lisci e lucidi per le carezze fatte quotidianamente dai passanti in segno di venerazione; troviamo ancora teschi e femori o tibie incrociati sul portale e nelle nicchie laterali, tanto che a Napoli questo tempio cristiano è meglio conosciuto con un nome molto popolare: “ ‘A chiesa d’’e cape ‘e morte” = “La chiesa delle teste di morte”, a testimoniare di quanto sia stato importate (e lo è ancora oggi) il culto dei morti nella vecchia Napoli del seicento ( la presenza dei teschi fa emergere nei fedeli e nel visitatore di passaggio il ricordo delle anime). Ha una sola navata , il transetto molto piccolo e cappelle laterali; nelle cappelle si conservano pitture di tanti artisti del seicento molto attivi nel napoletano, tra i quali Andrea Vaccaro e Luca Giordano. Dietro l’altare del ‘700, una tela raffigurante la “Madonna delle Anime Purganti” opera del pittore Massimo Stanzione, nativo di Orta di Atella (Ce), è racchiuso in una cornice di marmo fregiata da teschi alati. Dalla strada, attraverso una finestra rettangolare con un’inferriata, si intravede l’ipogeo, cioè il sepolcro sotterraneo, in cui, in piccoli scaffali, tutti di forma quadrata, di legno o di vetro o in urne, i cosiddetti “Scaravattoli” (Custodie), sono state sistemate e sepolte le anime del Purgatorio,comunemente chiamate “anime pezzentelle” ; si tratta, giustappunto, dei teschi e delle ossa di povera gente, e per lo più anonima, quivi sepolta per volontà di quelle famiglie nobili sopra accennate, che, nel 1605, diedero origine alla Congregazione delle “Anime del Purgatorio” (il papa Paolo V, con la bolla del 13 ottobre1606,concede la sua approvazione) con l’intento misericordioso di dare una degna ed umana sepoltura, a gente povera e senza parenti, in un luogo santo, qual’era la chiesa, facendovi celebrare messe giornaliere, in modo che quelle povere anime (chiamate affettuosamente “Capuzzelle”) potessero facilmente e presto passare dal Purgatorio alla felicità del Paradiso – si dice che venivano celebrate fino a sessanta messe al giorno in loro suffragio.
  4. 4. Questo atto nobile, umano, caritatevole e generoso, meglio noto in dialetto napoletano col nome di “ ‘O Refrisco ‘e ll’anime d’o priatorio” (il suffragio per le anime del Purgatorio), era ormai diventato un genere di rituale di culto, consistente in una sorta di adozione da parte del nobile (poi radicatosi anche nel popolino) che sceglieva un teschio dal mucchio anonimo se ne prendeva cura: la Capuzzella era quindi oggetto di venerazione e di preghiere ed offerte varie in cambio di grazie, favori e benefici – quali vincite al lotto, risoluzione benevoli di intricati problemi d’amore ed a complicati fatti di vita quotidiana – a favore del suo adottante, il quale, una volta che li aveva ottenuti, gli accendeva lumini e candele e donava ex voto in oro, argento, cartapesta, terracotta. In un altro ambiente, ben visibile, un teschio, coperto da un velo da sposa, posato su un cuscino bianco, rievoca il ricordo dell’anima di Lucia, morta a soli 16 anni, secondo alcuni studiosi per un forte attacco di tisi, di cui era già sofferente, dopo un breve viaggio di nozze, secondo altri morta in naufragio travolta da un’onda con il marito marchese Giacomo Santomango, molto più anziano di lei, sposato per costrizione del padre don Domenico d’Amore, principe di Ruffano, e, per volontà dello stesso, sepolta nel cimitero della chiesa di Santa Maria delle Anime del Purgatorio ad Arco, ad essa devoto.Era ovvio che attorno ai suoi resti mortali i napoletani creassero subito una serie di leggende, tanto che, ancora oggi, la sua tomba è oggetto di visite da parte di un gran flusso di fedeli e devoti, presso cui depositano fotografie dei loro cari defunti, accendono ceri, depositano fiori ed ex voto, recitando preghiere per ottenere in cambio grazie e favori, e ad implorarla sono soprattutto le zitelle che chiedono di maritarsi. E’ in questa chiesa ed in questo cimitero che, nonostante il rituale fosse ostacolato dalle autorità ecclesiastiche perché ritenuto somigliante ad un rito pagano più che cattolico, il culto dei defunti si è ripetuto, attraverso i secoli, ininterrottamente fino al 1980, l’anno del terremoto in Campania e Calabria. La chiesa fu chiusa perché ritenuta pericolante, ma molti devoti chiese egualmente di potervi accedere e continuare la loro opera “ ‘d‘o refrisco” , perché sostenevano che erano loro apparse in sogno le anime purganti ; ma fu rispettato il lungo periodo di chiusura della chiesa, e, di conseguenza dell’ipogeo, fino alla riapertura al culto ripreso nel 1992
  5. 6. I nostri amici Padani Isabella e Franco
  6. 7. Veduta d’insieme della Chiesa
  7. 8. Scendiamo nell’ipogeo
  8. 23. Attraverso un piccolo passaggio entriamo nella camera mortuaria
  9. 28. Luoghi dove i cadaveri venivano posti a “scolare”
  10. 30. Lo “scaravattolo” più adorno e venerato è di Lucia
  11. 34. Il posto dove i cadaveri venivano messi a disseccare
  12. 38. Molti messaggi datano a pochi giorni fa
  13. 40. La grata ci impedisce di raggiungere il terzo livello dove le anime devono trascorrere il periodo di Purgatorio
  14. 42. Ritorniamo verso la camera grande dell ipogeo di secondo livello
  15. 43. La tomba del fondatore Giulio Mastrilli; è posta esattamente al di sotto della statua che lo raffigura sulla sinistra dell’altare
  16. 44. Questo è l’angusto passaggio per passare dalla camera della morte a quella che porta più vicino al cielo
  17. 46. Le scale che si vedono sullo sfondo porteranno noi e le anime quasi purificate al livello superiore
  18. 47. Il teschio che suda
  19. 49. Questa teca custodisce le ossa del fondatore Giulio Mastrillo e della sorella
  20. 50. Nel salire la scala verso il cielo leggiamo anche l’editto che rende il tutto ufficiale
  21. 51. La statua di Giulio Mastrilli accoglie noi e le anime purificate nella cappella sopraelevata della Chiesa
  22. 53. Anche i puttini hanno un’aspetto smunto e triste
  23. 54. La tela dietro l’altare rappresenta le anime oramai purificate che salgono in Paradiso
  24. 58. Il teschio alato aiuterà l’Angelo e le anime purificate a raggiungere il Paradiso
  25. 61. Ovviamente la grata che arieggia l’ipogeo del terzo livello è sempre ornato da fiori freschi. Se non siete ancora stupiti continuate a seguirmi. A presto Antonio [email_address]

×