Risotto Zola Dolce E Pere

2,677 views

Published on

Ottimo risotto rivisitato in chiave Napoletana
Aflo

1 Comment
1 Like
Statistics
Notes
No Downloads
Views
Total views
2,677
On SlideShare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
3
Actions
Shares
0
Downloads
17
Comments
1
Likes
1
Embeds 0
No embeds

No notes for slide

Risotto Zola Dolce E Pere

  1. 1. monsù Tina by Aflo “ Accademia d’’o mmusc’ magnà” Risotto con Zola dolce e pere
  2. 2. Ingredienti per 6 persone 500 gr.di riso Carnarolo 250 gr di Gorgonzola dolce 300 gr di pere Williams 1 litro di brodo di carne o dado Un bicchierino di grappa di pere o un bicchiere di vino bianco secco Uno o due scalogni Sale e pepe q.b.
  3. 3. Imprimiamo bene nella mente gli ingredienti base
  4. 4. Cominciamo con il tritare lo scalogno
  5. 5. riduciamolo ad un tritato molto sottile
  6. 6. Facciamolo imbiondire in un tegama ampio e alto.Non si scandalizzino i nostri amici lombardi ma noi Terronesi usiamo pochissimo burro e molto raramente
  7. 7. Sbucciamo le pere
  8. 8. Tagliamola a cubetti
  9. 9. Tagliamo allo stesso modo anche il Gorgonzola dolce
  10. 10. Prepariamo il brodo,io ho preferito usare quello granulare piuttosto che di carne
  11. 11. Lasciamo imbiondire lo scalogno
  12. 12. Aggiungiamo la pera Williams a cubetti
  13. 13. Lasciamola cuocere per una decina di minuti
  14. 14. Facilitiamo la cottura aggiungendo un mestolino di brodo
  15. 15. Aggiungiamo il riso Carnaroli
  16. 16. Lasciamolo tostare
  17. 17. A metà tostatura
  18. 18. Aggiungiamo il bicchierino di grappa di pere
  19. 19. Lasciamolo evaporare
  20. 20. Una volta che la grappa è evaporata
  21. 21. Aggiungiamo il brodo
  22. 22. Facciamo cuocere il riso
  23. 23. Accertiamoci che il riso sia coperto di brodo fino a cottura
  24. 24. Riduciamo il gorgonzola a pezzettoni
  25. 25. A riso quasi cotto
  26. 26. Aggiungiamo i pezzi di gorgonzola dolce
  27. 27. Proseguiamo la cottura rimestando
  28. 28. Il riso è ormai cotto
  29. 29. Lasciamo riposare il piatto come sempre almeno 5 minuti
  30. 30. Con il “coppino” cominciamo ad impiattare
  31. 31. Si comincia a valutare il risultato
  32. 32. Il piatto è finito
  33. 33. Abbiamo ottenuto “l’onda” come insegnano i nostri amici-rivali della Val Padana
  34. 34. Il mio piatto si riconosce sempre per la abbondante spolverata di pepe appena macinato
  35. 35. Mi è piaciuto anche se non previsto dalla ricetta aggiungere qualche pezzo di Gorgonzola a crudo
  36. 36. Una forchettata di assaggio…
  37. 37. Ottiiimo…anche i miei amici Nordisti approverebbero e quindi…buona fame a tutti alla faccia degli amanti del fast food monsù Tina by Aflo antonio.florino@gmail.com

×