Pennoni Al Misto Di Verdure

1,275 views

Published on

Altro primo di pasta e verdure di ogni genere con il tocco magico della ricotta infornata.Da provare
Aflo

2 Comments
1 Like
Statistics
Notes
No Downloads
Views
Total views
1,275
On SlideShare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
2
Actions
Shares
0
Downloads
19
Comments
2
Likes
1
Embeds 0
No embeds

No notes for slide

Pennoni Al Misto Di Verdure

  1. 1. “ Accademia d’ ‘o mmusc magnà” Pennoni alle verdure monsu’ Tina by Aflo
  2. 2. Tagliamo a fettine 400 gr di funghi misti-sono coltivati,a Napoli è difficile trovarne di raccolti- e mettiamoli a trifolare in una padella dove avremo fatto rosolare uno spicchio di aglio
  3. 3. Aggiungiamo anche un pao di bustine di porcini secchi ,rivitalizzati e tritati
  4. 4. Prepariamo tagliata a dadini circa 100 gr di pancetta fresca
  5. 5. Mettiamola a tostare in padella
  6. 6. Tagliamo le parti inutili di un porro
  7. 7. … e poi tagliamolo a rondelle
  8. 8. Insieme alla pancetta facciamo soffriggere anche una cipolla bianca tagliata a fettine sottili
  9. 9. Aggiungiamo anche il porro a rondelle
  10. 10. … e prepariamone un soffritto
  11. 11. Aggiungendo un po’ di sale
  12. 12. Tritiamo un paio di foglie di radicchio senza esagerare,il gusto è un po’ amaro
  13. 13. Aggiungiamolo al soffritto in preparazione
  14. 14. Subito dopo mettiamo anche i funghi trifolati
  15. 15. E lasciamoli cuocere insieme
  16. 16. In pratica deve diventare quasi una crema,occorreranno circa 15-20 minuti
  17. 17. Caliamo i pennoni nell’acqua che avremo messo a bollire
  18. 18. Per due persone circa 200 gr
  19. 19. A mezza cottura senza scolare la pasta trasferiamola nella padella con le verdure
  20. 20. Una prima rimestata
  21. 21. Continuando la cottura
  22. 22. Sempre rimestando
  23. 23. Fino a cottura ultimata ma molto al dente
  24. 24. A questo punto possiamo aggiungere una buona quantità
  25. 25. Di ricotta infornata grattuggiata
  26. 26. Mi raccomando con abbondanza
  27. 27. Rimestiamo con attenzione
  28. 28. La ricotta in pratica risulterà sciolta
  29. 29. Il piatto è finito
  30. 30. L’occhio vuole la sua parte
  31. 31. Come sempre una prima forchettata di assaggio
  32. 32. Il sapore,il pofumo,la gradevolezza alla vista ci ripagano del lavoro-in realtà non è stato faticoso- ma perché non esagerare un poco ? Buona fame a tutti gli amanti dello slow food da Tina e Antonio [email_address]

×