Your SlideShare is downloading. ×
0
Paella
Paella
Paella
Paella
Paella
Paella
Paella
Paella
Paella
Paella
Paella
Paella
Paella
Paella
Paella
Paella
Paella
Paella
Paella
Paella
Paella
Paella
Paella
Paella
Paella
Paella
Paella
Paella
Paella
Paella
Paella
Paella
Paella
Paella
Paella
Paella
Paella
Paella
Upcoming SlideShare
Loading in...5
×

Thanks for flagging this SlideShare!

Oops! An error has occurred.

×
Saving this for later? Get the SlideShare app to save on your phone or tablet. Read anywhere, anytime – even offline.
Text the download link to your phone
Standard text messaging rates apply

Paella

1,387

Published on

Su ricetta di una amica spagnola una Paella Napoletana.Un pò laboriosa ma ottima …

Su ricetta di una amica spagnola una Paella Napoletana.Un pò laboriosa ma ottima
Aflo

Published in: Self Improvement
1 Comment
1 Like
Statistics
Notes
No Downloads
Views
Total Views
1,387
On Slideshare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
0
Actions
Shares
0
Downloads
27
Comments
1
Likes
1
Embeds 0
No embeds

Report content
Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
No notes for slide

Transcript

  • 1. “Accademia d’ ‘o musc’ magnà” Arroz en Paella a la Valenciana Ringraziamo la preziosa amica Mayte per questa ricetta consigliataci monsù Tina by
  • 2. Procuriamo i mariscos e pescados : 350 gr.di gamberi , 350 gr. di calamari
  • 3. ½ Kg. di cicale di mare o scampi
  • 4. 750 gr di cozze e 400 di vongole veraci
  • 5. Una coscia di pollo dissossata ed una fetta di locena di maiale di 200 gr circa
  • 6. Tagliamo la carne a cubetti piccoli
  • 7. Puliamo bene i calamari e tagliamoli a rondelle
  • 8. Tagliamo anche il peperone rosso a pezzettoni
  • 9. In una capace pentola bassa (in assenza di paellera) mettiamo a rosolare la carne con quattro o cinque cucchiai di olio di oliva , mezza cipolla affettata sottile ed uno spicchio di aglio in camicia
  • 10. Una volta rosolata la carne aggiungiamo le cicale-in questo caso gli scampi-
  • 11. Non appena assunto un bel colore rossastro mettiamoli da parte
  • 12. Aggiungiamo senza mai abbassare il fuoco i calamari a rondelle
  • 13. Ed anche i gamberi sgusciati
  • 14. Facciamoli cuocere per qualche minuto dopo avere aggiunto anche il prezzemolo tritato
  • 15. Aggiungiamo anche il peperone a pezzettoni
  • 16. Lo stesso per 5-6 pomodori ciliegino o meglio ancora 2 o 3 Sammarzano e lasciamo cuocere per una decina di minuti
  • 17. Aggiungiamo i piselli-circa 150 gr.-
  • 18. E proseguiamo la cottura a fuoco vivo anche perché il peperone avrà rilasciato molta acqua
  • 19. È il turno dello zafferano(forse una bustina è un po’ pochino)
  • 20. Proseguiamo sempre nella nostra cottura
  • 21. A questo punto buttiamo in padella circa 400 gr. di riso Arborio e facciamolo tostare per 5 minuti
  • 22. Nel frattempo prepariamo il peperone giallo o verde (è solo per variare il colore del piatto)
  • 23. Aggiungiamolo al composto
  • 24. E proseguiamo la cottura
  • 25. Giunti quasi a mezza cottura del riso
  • 26. Versiamo un bicchiere di vino bianco secco
  • 27. E lasciamolo evaporare
  • 28. Proseguiamo aggiungendo acqua man mano che il riso assorbe i liquidi – di norma occorre una quantità di liquidi doppia o poco più del peso del riso -
  • 29. Rimettiamo in padella le cicale o gli scampi
  • 30. Riversiamoci anche le cozze e le vongole affinchè si aprano
  • 31. Continuare la cottura ( le verdure sono più lente a cuocersi)
  • 32. Si inizia a intravedere il risultato
  • 33. E proseguiamo fino a che il liquido sia assorbito
  • 34. Non vi spaventate , il tempo della cottura è di poco superiore a quella del riso
  • 35. A cottura ultimata lasciamo riposare qualche minuto e regoliamo di sale e pepe
  • 36. E via nei piatti…
  • 37. Lo splendido piatto consigliato da Mayte è terminato e credo non possa disattendere le aspettative dei nostri palati
  • 38. Il finale Italiano o Spagnolo che sia è uguale: ”buona fame a tutti alla faccia degli amanti dei “fast food “ E nuovamente grazie alla amica Mayte antonio.florino@gmail.com da monsù Tina e da

×