Your SlideShare is downloading. ×
0
Norcia tra storia arte e gusto
Norcia tra storia arte e gusto
Norcia tra storia arte e gusto
Norcia tra storia arte e gusto
Norcia tra storia arte e gusto
Norcia tra storia arte e gusto
Norcia tra storia arte e gusto
Norcia tra storia arte e gusto
Norcia tra storia arte e gusto
Norcia tra storia arte e gusto
Norcia tra storia arte e gusto
Norcia tra storia arte e gusto
Norcia tra storia arte e gusto
Norcia tra storia arte e gusto
Norcia tra storia arte e gusto
Norcia tra storia arte e gusto
Norcia tra storia arte e gusto
Norcia tra storia arte e gusto
Norcia tra storia arte e gusto
Norcia tra storia arte e gusto
Norcia tra storia arte e gusto
Norcia tra storia arte e gusto
Norcia tra storia arte e gusto
Norcia tra storia arte e gusto
Norcia tra storia arte e gusto
Norcia tra storia arte e gusto
Norcia tra storia arte e gusto
Norcia tra storia arte e gusto
Norcia tra storia arte e gusto
Norcia tra storia arte e gusto
Norcia tra storia arte e gusto
Norcia tra storia arte e gusto
Norcia tra storia arte e gusto
Norcia tra storia arte e gusto
Norcia tra storia arte e gusto
Norcia tra storia arte e gusto
Norcia tra storia arte e gusto
Norcia tra storia arte e gusto
Norcia tra storia arte e gusto
Norcia tra storia arte e gusto
Norcia tra storia arte e gusto
Norcia tra storia arte e gusto
Norcia tra storia arte e gusto
Norcia tra storia arte e gusto
Norcia tra storia arte e gusto
Norcia tra storia arte e gusto
Norcia tra storia arte e gusto
Norcia tra storia arte e gusto
Norcia tra storia arte e gusto
Norcia tra storia arte e gusto
Norcia tra storia arte e gusto
Norcia tra storia arte e gusto
Norcia tra storia arte e gusto
Norcia tra storia arte e gusto
Norcia tra storia arte e gusto
Norcia tra storia arte e gusto
Norcia tra storia arte e gusto
Norcia tra storia arte e gusto
Norcia tra storia arte e gusto
Norcia tra storia arte e gusto
Norcia tra storia arte e gusto
Norcia tra storia arte e gusto
Norcia tra storia arte e gusto
Norcia tra storia arte e gusto
Norcia tra storia arte e gusto
Norcia tra storia arte e gusto
Norcia tra storia arte e gusto
Norcia tra storia arte e gusto
Norcia tra storia arte e gusto
Norcia tra storia arte e gusto
Norcia tra storia arte e gusto
Norcia tra storia arte e gusto
Norcia tra storia arte e gusto
Norcia tra storia arte e gusto
Norcia tra storia arte e gusto
Norcia tra storia arte e gusto
Norcia tra storia arte e gusto
Norcia tra storia arte e gusto
Norcia tra storia arte e gusto
Norcia tra storia arte e gusto
Norcia tra storia arte e gusto
Norcia tra storia arte e gusto
Norcia tra storia arte e gusto
Upcoming SlideShare
Loading in...5
×

Thanks for flagging this SlideShare!

Oops! An error has occurred.

×
Saving this for later? Get the SlideShare app to save on your phone or tablet. Read anywhere, anytime – even offline.
Text the download link to your phone
Standard text messaging rates apply

Norcia tra storia arte e gusto

385

Published on

Norcia, altra meraviglia Umbra

Norcia, altra meraviglia Umbra

2 Comments
1 Like
Statistics
Notes
No Downloads
Views
Total Views
385
On Slideshare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
0
Actions
Shares
0
Downloads
5
Comments
2
Likes
1
Embeds 0
No embeds

Report content
Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
No notes for slide

Transcript

  • 1. Fotografia ed elaborazioni originali di Antonio Florino Avanzamento automatico eccetto la slide 2
  • 2. Norcia è una città e Comune in provincia di Perugia (Italia) nel sud-est dell'Umbria, situato in una vasta pianura adiacente Monti Sibillini, un sottoinsieme degli Appennini con alcune delle sue vette più alte, nei pressi del fiume Sordo, un piccolo ruscello che alla fine sfocia nel Nera. La città è così comunemente associato con la Valnerina (la valle del fiume). La zona è conosciuta per la sua aria e il paesaggio, ed è una base per l'alpinismo e l'escursionismo. E 'anche noto per la caccia, in particolare dei cinghiali, e per salumi e prosciutti a base di cinghiale e maiale, al punto che Norcia ha dato il nome a questi prodotti: in italiano, norcineria. Storia Tracce di insediamento umano a Norcia risale al neolitico .La storia della città inizia con l’affrancamento dai Sabini nel 5 ° secolo aC. E 'diventato un alleato di Roma antica nel 205 aC, durante la seconda guerra punica, quando era conosciuto in latino come Norcia, ma presto la data fu unita alle rovine romane che riportano al I° secolo . Benedetto, il fondatore del sistema monastico benedettino, e la sorella gemella Santa Scolastica, sono nati qui nel 480. Nel secolo successivo la città fu conquistata dai Longobardi, entrando a far parte del Ducato di Spoleto. Nel 9 ° secolo subì gli attacchi dei Saraceni, che ha iniziato un periodo di profonda decadenza .Nell’ 11 ° secolo, faceva parte del dominio di S. Enrico, Sacro Romano Impero.Nel 12 ° secolo Norcia diventa un comune indipendente all'interno dei Pontifici territori, con un crescente prestigio politico ed economico. La collaborazione con l'abbazia benedettina di Preci ha portato alla creazione della Schola Chirurgica: gli studi di questi ultimi ha permesso a Norcia di migliorare la capacità di allevamento dei suini. Tuttavia, la vicinanza della potente Spoleto e il 1324 terremoto sventarono le ambizioni della città, e nel 1354 tornò definitivamente sotto il dominio .The authority. Main Pontificio, vecchio nucleo di Norcia è quasi piatto, che è relativamente raro fra le città di Umbria, e del tutto racchiusa da un circuito pieno di muri rimasto intatto dal 14 ° secolo, nonostante i terremoti, molti dei quali alcuni sono stati devastanti (1763, 1859, 1979). Dopo il terremoto del 22 agosto 1859, lo Stato Pontificio, a cui allora apparteneva Norcia, ha imposto un codice rigoroso che vieta la costruzione di strutture di più di 3 storie e richiedono l'uso di certi materiali e la costruzione tecnica .Molte altre vestigia romane sono osservabili in tutto il città, soprattutto nelle pareti di San Lorenzo, la più antica ancora esistente la sua basilica chiesa. La principale è dedicata a San Benedetto, ancora attaccato ad un monastero benedettino funzionante. Anche se l'edificio attuale fu costruito nel 13 ° secolo, sorge sui resti di una o più piccole costruzioni romane, a volte considerata una basilica romana, o alternativamente la casa reale in cui sono nati i santi gemelli. La facciata, in stile gotico, è caratterizzata da un rosone centrale e di rilievo raffigurante i quattro Evangelisti. All'interno, l'affresco della Resurrezione di Lazzaro (1560) è stato dipinto da Michelangelo Carducci. L'altare nelle case transetto sinistro la mano di un San Benedetto e Totila (1621) di Filippo Napoletano. La rinascimentale chiesa di Santa Maria Argentea è il Duomo, o cattedrale, e ospita alcune opere di maestri fiamminghi, un altare riccamente decorato da Duquesnoy, un Madonna e Santi del Pomarancio, e un San Vincenzo Ferrer e degli Infermi (1756) di Giuseppe Paladini.The gotica chiesa di Sant'Agostino (14 ° secolo) ha molti affreschi votivi di San Rocco e San Sebastiano. San Francesco è del secolo stesso: ha un notevole portale, sormontato da un rosone gotico, con rosa e pietra bianca decorata .La fortezza, la Castellina, fu costruito nel 1555-1563 come residenza dei governatori papali, in fase di progettazione di Giacomo Barozzi da Vignola. Oggi ospita un piccolo museo con reperti romani e medievali, e documenti del Medioevo e periodi successivi.
  • 3. La cinta muraria più esterna
  • 4.  
  • 5.  
  • 6.  
  • 7.  
  • 8. I maialoni e simili hanno da sempre attirato le donne
  • 9.  
  • 10.  
  • 11.  
  • 12.  
  • 13.  
  • 14.  
  • 15.  
  • 16.  
  • 17.  
  • 18.  
  • 19.  
  • 20.  
  • 21.  
  • 22.  
  • 23. La Castellina
  • 24. Palazzo Comunale
  • 25. La Basilica di Norcia
  • 26.  
  • 27.  
  • 28. Il portico delle Misure VI° secolo
  • 29.  
  • 30. La Cattedrale di S. Maria argentea
  • 31.  
  • 32.  
  • 33.  
  • 34.  
  • 35.  
  • 36.  
  • 37.  
  • 38.  
  • 39.  
  • 40.  
  • 41.  
  • 42.  
  • 43.  
  • 44.  
  • 45.  
  • 46.  
  • 47.  
  • 48.  
  • 49.  
  • 50.  
  • 51.  
  • 52.  
  • 53.  
  • 54.  
  • 55.  
  • 56.  
  • 57.  
  • 58.  
  • 59. Interni della Basilica
  • 60.  
  • 61.  
  • 62.  
  • 63.  
  • 64.  
  • 65.  
  • 66.  
  • 67.  
  • 68. Fondazioni romaniche
  • 69.  
  • 70.  
  • 71.  
  • 72.  
  • 73.  
  • 74.  
  • 75.  
  • 76.  
  • 77.  
  • 78.  
  • 79.  
  • 80.  
  • 81.  
  • 82.  
  • 83. Un’altra tappa delle meraviglie giunge a termine,ma noi continuiamo. A presto Tina e Antonio by Aflo [email_address]

×