Manfredi con la ricotta per i diversamente napoletani

1,243 views

Published on

Un piatto da Regine. Da fare Aflo

Published in: Entertainment & Humor
3 Comments
1 Like
Statistics
Notes
No Downloads
Views
Total views
1,243
On SlideShare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
3
Actions
Shares
0
Downloads
11
Comments
3
Likes
1
Embeds 0
No embeds

No notes for slide

Manfredi con la ricotta per i diversamente napoletani

  1. 3. Tagliamo a fettine sottili le cipolle e mettiamole in una capace pentola con un filo di olio
  2. 4. Lasciamola imbiondire
  3. 5. adesso aggiungiamo la carne
  4. 6. Lasciamola rosolare per bene
  5. 8. Mettiamo in pentola insieme alle bottiglie di passata di pomodoro anche le foglie di alloro
  6. 9. anche un barattolo di polpa è il benvenuto in pentola
  7. 10. Come noterete il basilico è sempre aggiunto di ufficio al pomodoro sia in polpa che passato
  8. 11. Ora lasciamo che la salsa cuocia lentamente,da noi il tipico rumore del lento sobollire viene chiamato “pippiare”
  9. 12. Lasciamo pippiare il pomodoro senza coperchio in modo che il sugo si restringa lentamente
  10. 13. La salsa acquisterà piano piano un’intenso colore rosso scuro molto intenso
  11. 14. Il lavoro è terminato per il momento,mettiamo da parte la carne che una volta raffreddata e tagliata a fette potrà costituire uno splendido secondo piatto magari accompagnata da un contorno di peperoncini verdi soffritti
  12. 15. Intanto l’acqua bolle,possiamo calare i manfredi (pasta in formato speciale,somigliante alle trenette larghe a bordi arricciati)
  13. 16. Aggiungendo all’acqua qualche goccia di olio si elimina il rischio che la pasta larga possa “azzeccarsi”
  14. 17. Mettiamo la ricotta nei piatti in porzione
  15. 18. Aggiungiamo qualche cucchiaio di ragout alla ricotta,notato il colore del vero ragout targato Napoli?
  16. 19. Stemperiamola con una forchetta
  17. 20. Fino a ridurre il tutto ad un composto quasi omogeneo
  18. 21. I manfredi sono cotti
  19. 22. Coliamoli molto al dente
  20. 23. Versiamola nuovamente nella pentola ed aggiungiamo qualche mestolo di ragout
  21. 24. In apparenza la pasta è pronta per essere gustata…ma è ancora presto
  22. 25. Cominciamo a preparare i piatti ,per i meno attenti consiglio di notare la differenza tra i due piatti
  23. 26. Nel primo la pasta è senza ricotta mentre nel secondo è unita alla ricotta che avevamo preparato in precedenza
  24. 27. Tranquilli si stà per scoprire il mistero
  25. 28. Questo senza ricotta mischiata al sugo è per quelli che come me preferiscono la ricotta bianca
  26. 29. Aggiungiamo ancora ragout ai manfredi…vi prego di notere il colore del sugo,lo stesso Eduardo non direbbe “chest’ è carne c’ ‘a pummarola”
  27. 30. Come vedete io preferisco la ricotta bianca
  28. 31. Anche come accostamento cromatico niente male
  29. 32. Monsù Tina preferisce invece il composto di ricotta e sugo
  30. 33. Adesso si nota facilmente la differenza tra i due piatti
  31. 34. Si può aggiungere a piacimento pepe,e/o formaggio grattuggiato
  32. 35. [email_address]

×