Your SlideShare is downloading. ×
La pedamentina di s. martino una delle tante di napoli
Upcoming SlideShare
Loading in...5
×

Thanks for flagging this SlideShare!

Oops! An error has occurred.

×
Saving this for later? Get the SlideShare app to save on your phone or tablet. Read anywhere, anytime – even offline.
Text the download link to your phone
Standard text messaging rates apply

La pedamentina di s. martino una delle tante di napoli

880

Published on

The Pedamentina in Naples have been built in the Spanish domination in 1600 to connect the coastal part to the hills city

The Pedamentina in Naples have been built in the Spanish domination in 1600 to connect the coastal part to the hills city

Published in: Entertainment & Humor
0 Comments
0 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

No Downloads
Views
Total Views
880
On Slideshare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
1
Actions
Shares
0
Downloads
8
Comments
0
Likes
0
Embeds 0
No embeds

Report content
Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
No notes for slide

Transcript

  • 1. Fotografie ed elaborazioni originali di Antonio Florino Avanzamento automatico eccetto la slide 2
  • 2. La stessa etimologia del termine equivale a “pedemontano” cioè “ai piedi del monte” evidenziando l'originaria funzione del percorso che troviamo così citato già in documenti di età viceregnale (XVI secolo). L'origine della Pedamentina è legata alla fondazione della Certosa di San Martino, promossa da Carlo di Calabria, figlio primogenito del re Roberto d'Angiò. Il percorso, tagliato sinuosamente sul ripido versante orientale del colle, viene infatti creato per il trasporto del materiale necessario ai lavori che hanno inizio nel 1325 sotto la direzione degli architetti Tino di Campiono e Francesco de Vito. (Guida G., Napoli in salita e in discesa, 2000). La costruzione del monastero viene completata nel 1368 sotto la regina Giovanna I che elargisce donazioni di rendite e di terreni tutt'intorno. Il nucleo primitivo della Certosa, con una comunità formata da appena tredici Padri, è racchiuso tra la chiesa ed il retrostante chiostro grande, ma di esso sono rimaste tracce isolate dopo la radicale trasformazione avviata dai Certosini a partire dalla fine del Cinquecento, mutando il volto della Certosa da gotico a barocco. Nel 1329 si avvia l'edificazione del Castel Sant'Elmo voluto da Roberto d'Angiò adiacente al complesso di San Martino e sul luogo ove, probabilmente già in età normanna, era situato un torrione detto Belforete. Della costruzione angioina, non resta più traccia giacchè la fortezza viene rifatta completamente tra il 1537 ed il 1547. realizzato nella massa tufacea della collina, con una singolare pianta stellare a sei punte, il castello è voluto dal viceré Pedro da Toledo come fulcro del sistema difensivo della città. E' dunque dall'età angioina che ha inizio il processo di urbanizzazione della collina con il sorgere di ville e casini immersi in una rigogliosa vegetazione, tra un paesaggio agrario lavorato a poggi ed a terrazze. Il tracciato della Pedamentina diviene, allora, uno dei percorsi privilegiati per l'accesso alla zona, celebrato per la splendida posizione ambientale come ricorda il Chiarini Probabilmente all'inizio la Pedamentina è formata solamente da alcuni tornanti che risalgono il fianco della collina con andamento ampio e regolare come appare nella veduta cartografica della città di Duperac-Lafrery del 1566. Solo in seguito, con l'accrescersi del suo utilizzo e l'inserimento nel perimetro murario, vengono costruite le scale di cui abbiamo una precisa rappresentazione nella Pianta del duca di Noja del 1775. La gradonata inizia dal piazzale di S. Martino, è una passeggiata molto interessante da un punto di vista paesistico perché non essendo stata chiusa tra cortine di palazzi,offre un ampia veduta, dall'alto, di tutto il nucleo più antico di Napoli, di cui si distinguono nettamente il tracciato viario, le fabbriche più importanti, le chiese. Nonostante questa sua posizione invidiabile, è uno dei pochissimi esempi risparmiati dagli scempi della speculazione edilizia. Percorrendo le scale si incontrano anche tratti dell'antica mutazione cinquecentesca voluta da Pedro da Toledo. Lungo la prima parte, quella immediatamente al di sotto del Piazzale di S. Martino, la Pedamentina costeggia diversi edifici abbandonati e fatiscenti, che andrebbero recuperati e ristrutturati. Nell' ultimo tratto, prima del Corso Vittorio Emanuele, la gradonata attraversa un antico nucleo abitato, in cui le condizioni di degrado, e la carenza di servizi rende urgente un intervento di ristrutturazione. Al Corso la pedamentina sbuca alle spalle dell'Ospedale Militare.
  • 3.  
  • 4.  
  • 5. Alle nostre spalle il Castel S. Elmo
  • 6.  
  • 7. I panorami iniziano con Napoli alta e sullo sfondo la Reggia Pinacoteca di Capodimonte
  • 8. Inizia la Pedamentina di S. Martino
  • 9.  
  • 10. Se siete attenti oltre alle miriadi di Cupole noterete la Guglia di Piazza del Gesù e La Basilica di S. Chiara
  • 11.  
  • 12.  
  • 13.  
  • 14.  
  • 15.  
  • 16.  
  • 17.  
  • 18.  
  • 19. Gli incantevoli scorci si inseguono senza soste
  • 20.  
  • 21.  
  • 22.  
  • 23.  
  • 24.  
  • 25.  
  • 26.  
  • 27. In questa costruzione di fine 600 è ambientato un B&B
  • 28.  
  • 29.  
  • 30. Anche il Porto pretende il suo spazio di gloria
  • 31.  
  • 32.  
  • 33.  
  • 34.  
  • 35.  
  • 36.  
  • 37.  
  • 38.  
  • 39.  
  • 40.  
  • 41.  
  • 42.  
  • 43.  
  • 44.  
  • 45.  
  • 46.  
  • 47.  
  • 48.  
  • 49.  
  • 50.  
  • 51.  
  • 52.  
  • 53.  
  • 54.  
  • 55.  
  • 56.  
  • 57.  
  • 58.  
  • 59.  
  • 60.  
  • 61.  
  • 62. Tutte le costruzioni risalgono alla fine del 600
  • 63.  
  • 64.  
  • 65.  
  • 66.  
  • 67.  
  • 68.  
  • 69.  
  • 70.  
  • 71.  
  • 72.  
  • 73.  
  • 74.  
  • 75.  
  • 76.  
  • 77.  
  • 78.  
  • 79. Giungiamo all’inizio della salita,che per precauzione abbiamo percorso in discesa
  • 80. Immediatamente “ ‘A Muntagna” ci accoglie in tutta la sua possanza . Ma non finisce qui. Siamo appena all’Ospedale Militare. A tra poco [email_address]

×