Fiordilatte Ca Pummarola
Upcoming SlideShare
Loading in...5
×
 

Like this? Share it with your network

Share

Fiordilatte Ca Pummarola

on

  • 1,565 views

Cinque minuti per preparare un secondo leggero e saporito

Cinque minuti per preparare un secondo leggero e saporito
Aflo

Statistics

Views

Total Views
1,565
Views on SlideShare
1,565
Embed Views
0

Actions

Likes
1
Downloads
22
Comments
6

0 Embeds 0

No embeds

Accessibility

Upload Details

Uploaded via as Microsoft PowerPoint

Usage Rights

© All Rights Reserved

Report content

Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel

15 of 6 Post a comment

  • Full Name Full Name Comment goes here.
    Are you sure you want to
    Your message goes here
    Processing…
Post Comment
Edit your comment

Fiordilatte Ca Pummarola Presentation Transcript

  • 1. “ Accademia d’ ‘o mmusc’ magnà” monsù Tina by Aflo Fiordilatte co’ ‘a pummarola
  • 2. In una padella antiaderente mettiamo a soffrigere un’aglio in camicia ed un pizzico di peperoncino tritato
  • 3. Laviamo , tagliamo i soliti pomodorini del Vesuvio,circa 500 gr ed aggiungiamoli nella padella
  • 4. Aggiungiamo anche un pizzico di sale e lasciamo cuocere per circa 10 minuti
  • 5. Avremo ottenuto questa splendida salsetta
  • 6. Prendiamo circa 300 gr di mozzarella di bufala Campana
  • 7. Tagliamola a fette
  • 8. Ogni fetta dovrà essere di poco più di un cm. di spessore
  • 9. Ovviamente io non mi accontento ,ma per i più faciloni si può usare anche mozzarella da Supermarket
  • 10. Disponiamone un paio di fette nel nostro sughetto che continua a cuocere
  • 11. Lasciamole cuocere a fuoco lento nella salsina
  • 12. Solo per per pochi minuti
  • 13. Il fiordilatte è parzialmente sciolto
  • 14. Cominciamo a mettere nei piatti
  • 15. Aggiungiamo anche abbondante salsetta compreso di pellicine che sono saporitissime
  • 16. Aggiungiamo qualche fogliolina di basilico ed il piatto è completato
  • 17. Accompagnamolo con qualche pezzetto di pane integrale
  • 18. Non resta come sempre che sentire il profumo,valutare i colori per poi sprofondarci in un sapore insospettato considerando che abbiamo usato pochi e semplici elementi. Buona fame a tutti gli amici della Accademia e dello slow food da monsù Tina e da Aflo [email_address]