Fotografie ed elaborazioni originali di   Antonio Florino Avanzamento automatico eccetto la slide 2
La  basilica  di San Francesco di Paola è tra le più caratteristiche e celebri chiese di  Napoli ; è situata al centro del...
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
Upcoming SlideShare
Loading in …5
×

Basilica di s. francesco di paola

868 views
774 views

Published on

La Chiesa preferita dai turisti. Aflo

Published in: Education, Travel, Business
1 Comment
1 Like
Statistics
Notes
No Downloads
Views
Total views
868
On SlideShare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
0
Actions
Shares
0
Downloads
28
Comments
1
Likes
1
Embeds 0
No embeds

No notes for slide

Basilica di s. francesco di paola

  1. 1. Fotografie ed elaborazioni originali di Antonio Florino Avanzamento automatico eccetto la slide 2
  2. 2. La basilica di San Francesco di Paola è tra le più caratteristiche e celebri chiese di Napoli ; è situata al centro del lato curvo di piazza del Plebiscito , davanti al Palazzo Reale : si tratta della più importante chiesa italiana del periodo neoclassico Storia Nel 1809 Gioacchino Murat ordinò la demolizione degli antichi conventi del "Largo di Palazzo", attuale piazza del Plebiscito, e bandì un pubblico concorso per la realizzazione di una nuova piazza. All'architetto Leopoldo Laperuta fu affidata la costruzione dell'ampio portico a emiciclo sorretto da 38 colonne giganti di ordine dorico ; esso doveva fronteggiare Palazzo Reale e rifarsi alla tradizione antica delle piazze porticate, luogo delle attività politiche, economiche, sociali e culturali della città.Nel 1815 il re Ferdinando I delle Due Sicilie decise l'edificazione della basilica come ringraziamento a san Francesco di Paola per la riconquista del regno: nel 1817 fu indetto un nuovo concorso, che fu vinto dall'architetto svizzero Pietro Bianchi di Lugano , il quale mostrò nella realizzazione della nuova chiesa grandi qualità ingegneristiche, attestate dalla solidità dell'opera e dall'intelligenza delle soluzioni tecniche I lavori furono ultimati nel 1824 , ma solo nel 1836 la chiesa venne inaugurata da papa Gregorio XVI , che le conferì il titolo di basilica, la rese indipendente dalla curia arcivescovile di Napoli e concesse il privilegio ai suoi ministri di officiare con l'altare rivolto verso i fedeli.Esterno La chiesa, per la sua forma circolare, ricorda il Pantheon di Roma . La facciata è preceduta da un pronao formato da sei colonne e due pilastri di ordine ionico , che reggono un architrave sul quale è scolpita la dedica «D.O.M.D. FRANCISCO DE PAULA FERDINANDUS I EX VOTO A MDCCCXVI».Il pronao è sormontato da un timpano classicheggiante ai cui vertici sono collocate le statue raffiguranti la Religione, tra San Francesco di Paola a sinistra, titolare della chiesa, e San Ferdinando, a destra, in onore del re Ferdinando. Il pronao è accessibile sia dal porticato, che dalla scalinata che sale dalla piazza. Nel porticato si trovano le statue delle quattro virtù cardinali e delle tre virtù teologali , mentre ai lati della scalinata avrebbero dovuto essere collocate due statue raffiguranti la Pietà e la Costanza, che simboleggiavano le virtù manifestate dal re e da Ferrante d'Aragona : al loro posto si decise invece di collocare le due statue equestri nella piazza, raffiguranti il re Ferdinando (opera di Antonio Canova ) e il padre, Carlo III di Spagna (opera di Antonio Calì ).La chiesa è sormontata da tre cupole : quella centrale, alta 53 metri, è stata costruita su un alto ed ampio tamburo .Interno Si entra in un atrio, fiancheggiato da due cappelle; in quella a destra vi è un'opera giovanile di Luca Giordano , con Sant'Onofrio Orante. Al centro la rotonda, dal diametro di 34 m, è coperta dalla cupola sorretta da 34 colonne di ordine corinzio alte 11 m e con fusti in marmo di Mondragone , alternate ad altrettanti pilastri. Sopra il colonnato vi sono le tribune di corte e, lungo le pareti, da destra, otto statue: San Giovanni Crisostomo opera di Gennaro Calì , Sant'Ambrogio di Tito Angelini , San Luca di Antonio Calì , San Matteo, di Carlo Finelli , San Giovanni Evangelista, di Pietro Tenerani , San Marco di Giuseppe de Fabris , Sant'Agostino di Tommaso Arnaud e Sant'Attanasio di Angelo Solani .Agli altari delle cappelle si trovano, da destra, i seguenti dipinti: San Nicola da Tolentino e San Francesco di Paola che riceve da un angelo lo stemma della carità, di Nicola Carta , l'Ultima comunione di San Ferdinando di Castiglia di Pietro Benvenuti , il Transito di San Giuseppe di Camillo Gerra , l'Immacolata e morte di Sant'Andrea Avellino di Tommaso de Vivo .Di fronte all'ingresso è l' altare maggiore , opera di Anselmo Cangiano del 1641 , qui trasferito nel 1835 dalla chiesa dei Santi Apostoli , ricco di lapislazzuli e di pietre preziose. Ai lati due Angeli Teofori in cartapesta dorata.Nell' abside San Francesco di Paola resuscita un morto, tela di Vincenzo Camuccini . Nella sagrestia , l'Immacolata di Gaspare Landi e la Circoncisione di Antonio Campi .

×