Prefazione de Gli squali nella rete

1,304 views
1,227 views

Published on

Che cosa possiamo fare per avere successo? Ce lo siamo chiesti ed abbiamo iniziato a fare ricerca per questo progetto. Cosa ci impedisce di fare un passo verso il futuro? Abbiamo cercato la risposta a queste domande, e abbiamo trovato molto di più .

Published in: Education
2 Comments
4 Likes
Statistics
Notes
No Downloads
Views
Total views
1,304
On SlideShare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
6
Actions
Shares
0
Downloads
6
Comments
2
Likes
4
Embeds 0
No embeds

No notes for slide

Prefazione de Gli squali nella rete

  1. 1. Gli squali nella rete Prefazione Che cosa possiamo fare per avere successo? Ce lo siamo chiesti sei mesi fa, quando abbiamo iniziato a fare ricerca per questo progetto. Cosa ci impedisce di fare un passo verso il futuro? Abbiamo cercato la risposta a queste domande, e abbiamo trovato più di quanto cercassimo. Senza circoscrizioni, il mondo è stato il nostro scenario. Un viaggio durato sei mesi, attraverso realtà che ci hanno emozionato, dandoci carica ed energia. “Possiamo, sempre”. Questo è il messaggio che vogliamo condividere, e che vive in ogni storia. Un viaggio nel web, in quella rete dove ci sono infiniti progetti, milioni, proprio come i pesci nel mare. Noi abbiamo cercato quelli vincenti, quelli che hanno saputo dare qualcosa in più, partendo da un’idea innovativa. Abbiamo cercato gli “squali”, quelli che con la giusta “voracità”si sono messi in discussione conquistando il proprio spazio e aprendo nuove strade. Così, abbiamo capito. Non basta solo l’idea, non sempre è l’invenzione del secolo a portare lontano. Sono le competenze e la tenacia. Provate ad immaginare: un software per organizzare partite di calcio. Vi sembra troppo poco? Questa idea made in Italy è oggi la quinta app a livello mondiale dell’App Center di Facebook. Da un tarlo nella mente, da un pensiero che frulla in testa, quel pungolo che punzecchia la fantasia e stuzzica l’inventiva, ecco da dove nascono i progetti che abbiamo selezionato; da un problema quotidiano, di lavoro o dal desiderio di essere utili
  2. 2. alla società. Talvolta sono ispirati da un’occasione estemporanea, nascono un po’ per gioco, concepiti in un vecchio garage o pensati in fila alla cassa del supermercato, ma sempre frutto di grande esperienza professionale. Quello che vogliamo raccontarvi, ciò che ci ha emozionato, è “quel che succede dopo”, quando l’idea è arrivata. “Dovete agire”, ci hanno detto dal Brasile, dove alcuni ragazzi hanno inventato un modo nuovo per gestire la produzione di frutta. Non pensate subito ai soldi, ma a quello che avete in mente e fatelo. Non immaginava di certo un impatto economico così forte, l’ideatore dell’app che semplifica l’interfaccia per smartphone: l’ha creata perché la madre non riusciva ad utilizzare con facilità il cellulare. Oggi è tra le app più apprezzate per ipovedenti. “Avviate un business che si basi sulla risoluzione di un problema”, consiglia l’ideatore della piattaforma che gestisce il trasporto bagagli: nato come servizio per studenti fuori sede in Irlanda, oggi è utilizzato in cinquanta paesi in tutto il mondo. Serve coraggio per uscire dal guscio. Crederci è già una buona idea. E non serve aspettare, non restate a guardare, il momento è adesso, domani sarà già tardi perché qualcun altro l’avrà fatto prima di voi: agire prima, per capire prima. Avete un progetto? Può fare la differenza? Allora studiate, indagate, analizzate il mercato e partite, sfruttando al massimo ogni vostra capacità. Proprio adesso, mentre mettete in circolo la vostra idea, dall’altra parte del globo, c’è qualcuno che l’ha già ricevuta. Perché anche seduti alla scrivania, voi non siete nel vostro ufficio, siete là fuori, ed è lì che dovete restare, in quel mondo ormai alla portata di tutti, dove le idee sono in continuo movimento, non si fermano mai; così anche voi, non dovete fermarvi.
  3. 3. Tra queste pagine c’è quello che cercate. Il mondo della rete raccontato attraverso settanta storie di giovani talenti e menti fervide, che hanno saputo incanalare creatività e attitudini. Web designer, developer, architetti, ingegneri, coltivatori, creativi, artisti, idealisti, sognatori e visionari, chi c’è dunque dietro “gli squali nella rete”? Ci sono ragazze e ragazzi, donne e uomini che, contando sulle proprie capacità, hanno trovato nell’infinità bellissima del web, la propria professione e il proprio futuro. Persone competenti che hanno proposto un servizio, lo hanno realizzato e continuano a svilupparlo, migliorandolo. Storie da tutto il mondo, America, Europa, Asia, Africa, professionisti esperti, team a volte multiculturali, esempi di eccellenza, dove si intrecciano tecnica, abilità, notti insonni, lavoro duro e fantasia. Che cosa hanno in comune gli “squali” di successo? Non solo il coraggio - senza si resta fermi e ancorati - ma anche dedizione totale e soprattutto grandi capacità imprenditoriali. Un percorso di storie, che voi, con tanti sogni in testa, potete scegliere da quale prospettiva leggere. Dedicato a chi cerca “la spinta in più”, un vademecum dell’imprenditore di oggi e per gli “addetti ai lavori”. Storie vere che coinvolgono empaticamente per originalità e volontà e che vogliono amplificare quel messaggio positivo per cui tutto è possibile, perché in fondo, semplicemente basta volerlo. E alla fine vi chiederete “perché non l’ho pensato io?”, o vi saluterete allo specchio con un “ecco come fare, ora lo so!”. Così, agirete. C’è spazio per tutti, sappiatelo. Un’iniezione di fiducia che arriva dal mondo della rete: sta a voi, adesso, mettere questo mondo a servizio della vostra mente. La risposta viene dal web,
  4. 4. scenario infinito, democratico e universale, dove i pensieri non riposano mai e viaggiano a velocità supersonica. E’ questo l’esempio degli squali nella rete: la consapevolezza di avere gli strumenti giusti per riuscire, che non esistono ostacoli insuperabili, se affrontati con impegno e professionalità. Ispiratevi a queste storie: siate determinati, non improvvisate, trovate un’idea - la vostra idea - difendetela e realizzatela. Siate unici, potete farlo. Uscite fuori dal coro, siate innovativi, siate “voraci”. Siate squali.

×