Il laboratorio scientifico è intorno a noi...

2,353 views
2,362 views

Published on

Presentazione realizzata per esperimentismfn.blogspot.com

Published in: Education, Sports
0 Comments
0 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

No Downloads
Views
Total views
2,353
On SlideShare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
1,407
Actions
Shares
0
Downloads
2
Comments
0
Likes
0
Embeds 0
No embeds

No notes for slide

Il laboratorio scientifico è intorno a noi...

  1. 1. IL “LABORATORIO” DEL QUOTIDIANO … Le scoperte della scienza nascono da tutte le nostre relazioni con il Mondo, dalle esperienze quotidiane
  2. 2. La fisica e la chimica nella vita di tutti i giorni E’ molto bello e interessante appurare che le scoperte e le invenzioni non partono solo da astrazioni della mente ma soprattutto dall’osservazione del mondo che ci circonda. Leonardo inventò un modello di macchina in volo dopo avere attentamente meditato sul battito delle ali degli uccelli. Da questa scoperta siamo arrivati all’aereo.
  3. 3. Caratteristiche del vero scienziato • • Il vero scienziato non è colui o colei,che esperimenta con mille alambicchi, fa calcoli ecc. solo nel suo laboratorio, ma è soprattutto chi, servendosi delle teorie del passato, riesce ad applicarle in situazioni della vita presente. E magari le utilizza a scopi benefici per migliorare la qualità della vita, ad esempio. Ecco qui di seguito una breve e divertente dimostrazione pratica di quanto è sopra scritto
  4. 4. Strumento utilizzato dopo un intervento … in ospedale!  Questo strumento l’ho visto applicato in vena di una paziente, che aveva partorito con taglio cesareo. A prima vista mi sembrava un giocattolo, munito di un palloncino e addirittura di una molla o spirale, che all’inizio mi faceva ricordare quella del dinamometro. Dopo alcune ore, riguardandolo bene ne compresi il funzionamento.
  5. 5. Osservazioni dal post “il palloncino serve solo per giocare?”  Questo oggetto è un dispositivo medico detto infusore elastomerico, caricato internamente di un farmaco che viene assorbito in vena molto lentamente e con pressione elastica costante impressa dal palloncino gonfio.
  6. 6. L’infusore elastomerico
  7. 7. Il palloncino gonfio
  8. 8. Funzione del palloncino  Il palloncino è gonfio inizialmente quando viene inserito in vena l’ago collegato al dispositivo, che stilla nel sangue il farmaco per diverse ore. In genere questo viene adoperato per terapie del dolore o per calmante dopo interventi chirurgici. L’aria del palloncino preme sull’erogatore fin quando non si esaurisce il farmaco.
  9. 9. Un infusore che eroga 2 ml di medicina l’ora nell’arco di 24 ore
  10. 10. Il palloncino è sgonfio    Nella foto che segue si può facilmente constatare che il palloncino si è sgonfiato quando è finita l’infusione del medicinale antidolorifico. Questi dispositivi sono di vario tipo e durano da uno a sette giorni E’ dimostrato ancora una volta dunque che anche un semplice palloncino ha una importante funzione
  11. 11. L’erogatore ha smesso di funzionare
  12. 12. Applicazione del post “ La chimica con i fiori”…   In chimica si effettuano esami colorimetrici per confrontare le sostanze da acide a basiche adoperando un indicatore universale. Ebbene ecco un esempio pratico di questo tipo di esperimenti nientemeno che con la pipi dei neonati. Osserviamo la foto che segue!.....
  13. 13. I pannolini Pampers Progressi
  14. 14. Ci sono due esami… colorimetrici!! Nella foto si osserva che il pannolino a sinistra presenta una striscia gialla, l’altro una striscia verde: il primo non ha la pipi, il secondo invece, colorato di verde, rivela che il neonato ha fatto la pipi e deve essere cambiato. Questo esame è un aiuto per la mamma del piccolo nato perché con un solo sguardo alla striscia, ella si regola se deve fare il cambio o meno del pannolino.
  15. 15. Applicazione del principio dei vasi comunicanti…. La flebo o infusione di liquido e farmaco in vena funziona sfruttando il principio dei vasi comunicanti. Infatti durante l’infusione il farmaco e il liquido scorrono in un tubicino lentamente da una bottiglia posizionata ad un’altezza superiore a quella del braccio, dove è inserito l’ago in vena. Grazie a questo dislivello è possibile far scorrere in vena la medicina goccia a goccia.
  16. 16. La flebo
  17. 17. Le divertenti vignette    Come si può osservare dalle foto, il braccio dell’omino è ad una posizione inferiore alla bottiglia, perché deve ricevere da questa, con una certa pressione, la medicina Se accade che si abbassa la bottiglia ad un livello inferiore a quello del braccio si osserva che nel tubicino scorre un po’ di sangue Ciò vuol dire che è sempre dall’alto che scende il liquido per gravità.
  18. 18. Funzionamento della flebo
  19. 19. Quando la flebo dura per molto tempo….

×