Your SlideShare is downloading. ×
Autovalutazione scolastica diapositive per ffss
Upcoming SlideShare
Loading in...5
×

Thanks for flagging this SlideShare!

Oops! An error has occurred.

×

Introducing the official SlideShare app

Stunning, full-screen experience for iPhone and Android

Text the download link to your phone

Standard text messaging rates apply

Autovalutazione scolastica diapositive per ffss

189
views

Published on

L'AUTOVALUTAZIONE SCOLASTICA: presentazione sintetica di alcuni modelli valutativi

L'AUTOVALUTAZIONE SCOLASTICA: presentazione sintetica di alcuni modelli valutativi

Published in: Education

0 Comments
0 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

No Downloads
Views
Total Views
189
On Slideshare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
0
Actions
Shares
0
Downloads
4
Comments
0
Likes
0
Embeds 0
No embeds

Report content
Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
No notes for slide

Transcript

  • 1. ESTERNA VALUTAZIONE INTERNA • Molto centrata sui risultati, meno centrata sul contesto e sul processi del singolo istituto • Condotta dall’INVALSI (prove strutturate) e dal progetto ValSiS (– Valutazione di Sistema e delle Scuole) • Gerarchica • Molto centrata sul contesto e sui processi del singolo istituto, meno centrata sui „risultati‟ • Condotta dall’unità scolastica mediante operatori appartenenti all’unità scolastica medesima • formativa, partecipata, pragmatica SCOPI: • Confronto con altre scuole • Stabilire standard di apprendimento SCOPI: strumento partecipato di giudizio, per individuare punti di forza e di debolezza dell’istituto.
  • 2. NORMATIVA • Decreto legislativo n. 286 del 19 /11/ 2004: istituisce il Servizio nazionale di valutazione del sistema educativo di istruzione e formazione (INVALSI, ex CEDE), con lo scopo della verifica periodica degli apprendimenti degli studenti e lo studio dei fattori che influenzano tali apprendimenti, quali ad esempio il contesto, le risorse, la qualità dell’offerta formativa. • Direttiva n. 74/2008: il MIUR definisce le attività dell’INVALSI nel triennio 2008 – 2011, individuando, fra le altre, due aree di intervento: la valutazione di sistema e la valutazione delle scuole (ribadito nel Decreto n. 213/2009, ove si attribuisce all’INVALSI anche il compito di studiare modelli per la valutazione delle istituzioni scolastiche e di quelle di istruzione e formazione professionale). • Circolare INVALSI del 16/10/ 2012: specifica che dal corrente a.s. le prove sono strutturate in modo da consentire anche un confronto diacronico per le classi V • Autonomia scolastica, legge 15/03/1997, art. 21: le scuole hanno «l’obbligo di adottare procedure e strumenti di verifica e valutazione della produttività scolastica e del raggiungimento degli obiettivi».
  • 3. AUTONOMIA E VALUTAZIONE Vi sono molti aspetti dell’autonomia degli istituti scolastici che richiamano la necessità dell’autovalutazione della singola scuola: • La libertà di innovare in campo scolastico, con la conseguente necessità di verificarne gli esiti; • Il decentramento delle responsabilità finanziarie; • Esprimere l’autocontrollo come la forma più efficace di controllo; • Superare il rischio di autoreferenzialità, anche attraverso il confronto tra valutazione interna ed esterna; • Migliorare la qualità della scuola; • Condivisione del sistema valutativo.
  • 4. L’AUTOVALUTAZIONE O VALUTAZIONE INTERNA Che cosa si valuta? Il funzionamento complessivo dell’istituto, le azioni e non i soggetti. Come? Mediante un modello basato sui campi d’indagine, fattori di qualità e indicatori; i dati vengono confrontati sia diacronicamente, sia sincronicamente Per quale scopo? Per il miglioramento della qualità del servizio fornito dal singolo istituto; altre finalità importanti sono: l’intersoggettività e la trasparenza nei confronti degli utenti e delle istituzioni. A vantaggio di chi? Di studenti, genitori, istituzioni e di tutti gli operatori della scuola
  • 5. I CAMPI DI INDAGINE Attualmente l’INVALSI fa riferimento al modello CIPP. Tuttavia, dal confronto di vari modelli, i campi d’indagine sono riconducibili a: CONTESTO: è il contesto economico e socio-culturale nel quale la scuola opera e con il quale si deve confrontare per adeguare la sua offerta formativa, anche nella possibilità di scoprire nel territorio associazioni e agenzie con le quali confrontarsi o che possano costituire potenziali risorse per potenziare l’offerta stessa. RISORSE (o INPUT): sono le norme, le leggi e le risorse strutturali, tecnologiche, umane, finanziarie PROCESSI: sono tutte le attività che svolge la scuola in ambito organizzativo (utilizzo dei materiali e degli spazi, continuità didattica…), didattico e formativo (regolarità dei percorsi e valutazione degli alunni, clima scolastico…) RISULTATI (o PRODOTTO/OUTPUT): in «senso stretto» si riferisce al numero di iscritti rispetto a quelli licenziati; di profitto (misurazione dei livelli di uscita rispetto a quelli di entrata) di outcome (livelli di apprendimento, riuscita scolastica, soddisfazione dell’utenza, raggiungimento degli obiettivi del POF)
  • 6. OBIETTIVI Sostenere ed accompagnare il processo di autonomia Individuare modelli generalizzabili di autovalutazione Migliorare la qualità del servizio intervenendo sui punti deboli Coinvolgere le componenti scolastiche Informare famiglie e comunità locale METODI Raccolta di dati Questionari di soddisfazione dell’utenza e del personale scolastico Rappresentazione dei dati Eventuale pubblicizzazione dei dati
  • 7. INDICATORI Economico e demografico Livello culturale dei genitori, dispersione scolastica, sostegno in caso di difficoltà di apprendimento, continuità di presenza dei docenti. Livello e utilizzo delle risorse strutturali Dotazioni tecnologiche Livello e utilizzo delle risorse tecnologiche Dotazioni finanziarie Livello, provenienza e utilizzo delle risorse finanziarie Indicatori di risorse umane INPUT Socio-culturale-educativo Dotazioni strutturali CONTESTO Dati forniti dal comune sull’evoluzione e le caratteristiche demografiche, allievi che usufruiscono di provvidenze per lo studio Qualità dell’organizzazione, capacità di attrazione sul territorio dell’Istituto, utilizzo delle risorse, aggiornamento/autoformazione. Apprendimento Grado di difficoltà dell’apprendimento, integrazione ed esigenze di sostegno, (stili di apprendimento) Atteggiamento Livello motivazionale, rapporto con la scuola Capacità cognitive e linguistiche Impegno, comprensione, livelli cognitivi… PROCESSI
  • 8. Comunicazione e partecipazione Struttura organizzativa Articolazione dei servizi complementari alla didattica, capacità di realizzazione e progettuale dell’Istituto, partecipazione alle iniziative didattica PROCESSI Livello di soddisfazione del POF, capacità di promuovere l’Istituto, livelli di partecipazione esterna ed interna Sperimentazione, articolazione del sistema di valutazione, delle metodologie didattiche, integrazione nella programmazione, motivazione allo studio. Livelli di soddisfazione rispetto a metodologie didattiche, scuola, sistema di valutazione Clima OUTPUT/ RISULTATI Livelli di soddisfazione rispetto a offerta didattica, da parte di allievi, personale scolastico, genitori. Risultati finali generali Livelli di apprendimento conseguiti Risultati per area disciplinare Livelli di apprendimento conseguiti per disciplina
  • 9. Esistono diverse tipologie di modelli, ma con numerose somiglianze e con campi d’indagine analoghi; qualche variazione si nota nei sottocampi. MODELLI VALUTATIVI APPLICATI ANCHE ALLE SCUOLE, CON OPPORTUNI ADATTAMENTI: 1. CAF (modello europeo per le amministrazioni pubbliche, basato su 9 indicatori) Attualmente adottato dal MIUR (qualita.pa, FORMIUR) e applicato in alcune regioni, Calabria, Campania, Sicilia, Puglia) MODELLI REALIZZATI DA RETI DI SCUOLE: la finalità è anche quella di operare confronti tra scuole e stabilire degli standard di qualità. Si avvalgono spesso di agenzie esterne o operano in sinergia con il territorio = AIR : avviato nel ’98, il servizio è a pagamento. RETE STRESA ( nata a Bergamo nel ‘98 per iniziativa di un gruppo di Dirigenti e un’ispettrice; si avvale del modello CIPP e coinvolge 34 scuole, di cui una superiore) MODELLO TRENTINO (istituito dal Comitato Provinciale di Valutazione del sistema scolastico dal 1990); si avvale del modello CIPP e scuole efficaci di Hopkins. MONIPOF: avviato dal MPI nel biennio ‘98/2000 con l’obiettivo di rilevare la capacità delle scuole in autonomia di strutturare le proprie offerte POF.
  • 10. MODELLO CIPP Il riferimento concettuale scelto dal’Invalsi e dallo studio ValSIS per l’elaborazione dei dati è il modello CIPP (Context – Input – Process - Product) L’idea che sta alla base del modello è semplice: per una corretta valutazione dei risultati (di un sistema, di un programma o di un progetto) è necessario collegare questi ultimi ad una preliminare valutazione degli input, delle risorse e dei processi attivati in un determinato contesto. Un ulteriore utilizzo del modello è quello di considerare ogni elemento di per sé, giudicando se ciascun aspetto / indicatore si manifesti o meno in modo ‘accettabile’, o ad un livello ‘accettabile’. • Contesto: in cui le scuole operano (aspetti demografici, economici e socio-culturali nei cui confini la scuola si trova ad operare e che ne determinano la popolazione); • gli input, ossia le risorse di cui il sistema educativo e le singole unità scolastiche dispongono per offrire il proprio servizio e le tipologie di utenti (risorse umane, materiali, ed economiche a disposizione, caratteristiche degli studenti in entrata); • i processi attuati, ossia le attività realizzate dalla scuola (l'offerta formativa, le scelte organizzative e didattiche, gli stili di direzione); • i risultati ottenuti, sia immediati (percentuali di promossi, votazioni conseguite agli esami di stato, livelli di apprendimenti rilevati con prove standardizzate) sia nel medio, sia nel lungo periodo (accesso all’università e al mondo del lavoro).
  • 11. MODELLO CAF E’ un modello per rilevare la qualità di un sistema, applicato anche alla scuola. Il progetto FORMIUR “Miglioramento delle performance delle Istituzioni scolastiche” è realizzato nell'ambito del PON 2007-2013 "Competenze per lo sviluppo" (FSE Asse II Capacità istituzionale - Obiettivo H) dal Dipartimento della Funzione Pubblica, su incarico del MIUR, in collaborazione con FormezPA. E’ operativo in 345 scuole di Campania, Calabria, Sicilia e Puglia, previ corsi di formazione e intervento di equipe di esperti. E’ incentrato sui seguenti indicatori: FATTORI ABILITANTI Leadership Politiche e strategie Personale Partnership e risorse processi RISULTATI Risultati orientati a alunno/famiglia Risultati orientati al personale Risultati relativi alla società Risultati relativi alle performance chiave
  • 12. I DATI DA RILEVARE Complessivamente i dati considerati sono: • dati descrittivi di struttura in possesso dell’INVALSI (dati relativi alla valutazione degli apprendimenti e delle competenze, o tratti dai questionari studenti e dalle schede per le famiglie per rilevare il contesto familiare, di studio, ecc.) • dati già presenti (come la disponibilità di computer o la percentuale di studenti ripetenti) e di altre fonti istituzionali (Comune.); • informazioni apprese grazie ad alcuni strumenti (questionari genitori e insegnanti, schede, griglie di rilevazione, ecc.) Il sistema ValSIS può rilevare ulteriori dati dalle scuole che ne richiedano l’intervento: • Questionari rivolti ai D.S sulla scuola sul funzionamento dell’Istituto (es. descrizione dei locali, partecipazione dei genitori, numero di assenze registrate…) • Informazioni rilevate attraverso un ciclo di visite ispettive per osservare in modo strutturato i processi didattici e organizzativi attuati a livello di scuola e di classe (anche con osservazione diretta delle lezioni).
  • 13. PROCEDURE PER RILEVARE I DATI • • • • • • Analisi degli obiettivi del POF in termini verificabili (a partire dall’analisi dei bisogni) Definizione degli indicatori di istituto Raccolta dei dati dagli archivi e dai registri della scuola per creare gli indicatori Somministrazione dei questionari (famiglie, studenti, personale scolastico) Elaborazione e interpretazione dei dati Utilizzazione dei dati in vista della revisione del POF e del miglioramento dei servizi offerti. Va considerata la possibilità di rendere pubbliche le analisi dei dati ottenuti, anche all’esterno della scuola, per rendere conto alle famiglie della valutazione effettuata. E’ stato rilevato come in alcune scuole l’autovalutazione rischi di scivolare verso derive aziendalistiche. Le pratiche valutative hanno, invece, la finalità di migliorare qualità e condivisione dell’offerta, non certamente quella di incentivare competizioni tra istituti scolastici. La centralità dell’azione scolastica resta quella educativa e formativa.