Divertimento in campo
Upcoming SlideShare
Loading in...5
×

Like this? Share it with your network

Share
  • Full Name Full Name Comment goes here.
    Are you sure you want to
    Your message goes here
    Be the first to comment
    Be the first to like this
No Downloads

Views

Total Views
412
On Slideshare
411
From Embeds
1
Number of Embeds
1

Actions

Shares
Downloads
0
Comments
0
Likes
0

Embeds 1

http://www.acastions.it 1

Report content

Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
    No notes for slide

Transcript

  • 1. Momenti di vita in campo per iPiccoli Amici del Real Castellana 2010-11
    Partiti in sordina nel 2008 con un piccolo gruppetto di 6 bambini siamo arrivati al 2011 e contiamo la presenza di ben 22 “piccoli amici”.
    Un lavoro paziente seguito passo passo dal Vice presidente Claudio Ius e dal Presidente Marc Santarossa che hanno creduto nel progetto del settore giovanile del Real Castellana. Alla pazienza di Claudio si è accompagnata l’adeguata competenza degli allenatori Nicola Pighin e Gianpaolo Ornella che hanno contribuito a far crescere e mantenere saldo il gruppo.
    Certo il ruolo di tutti coloro che debbono seguire l’educazione in campo di bambini fra i 5 e gli 8 anni , non è un ruolo facile. Può capitare di rivestire i ruoli più diversi , si passa dal essere padre ad essere accompagnatore o allenatore. Il merito di queste figure è quello saper affrontare con serietà qualsiasi situazione che contribuisca alla crescita sociale prima che sportiva. Il percorso è lungo e non è per tutti uguale ed è comunque fatto di continue valutazioni fuori e dentro il campo. Per questo è capitato di consolare bambini che piangono perché hanno preso qualche gol di troppo o non hanno potuto giocare tutti e due i tempi. Far capire che il gioco è più divertente e proficuo se la palla viene giocata con tutti i compagni, non è cosa facile perché è cosa da grandi. E allora si tratta di frenare e guidare l’istinto dei bambini pur rimanendo dentro il limite del divertimento, cosa che sembra del tutto riuscita a Castions ove tutti sono sempre stati presenti con entusiasmo sia agli allenamenti che alle partite del sabato pomeriggio.
    Un doveroso grazie va anche al gruppo dei genitori e nonni che hanno saputo interpretare il loro ruolo di accompagnatori fuori dal campo. Si sono sempre mossi con discrezione e nei limiti del giusto incitamento verso i propri figli o nipoti, senza cadere nell’eccesso delle pretese di gioco tipiche di un calcio per soli adulti.
    A settembre una parte di questo gruppo numeroso si staccherà per far nascere la squadra dei Pulcini che andrà ad affiancarsi alla già affiatata squadra degli esordienti seguiti con altrettanta competenza e passione da Ezio Tonizzo, Alfredo ed Erica Pizzin.
    Ci auguriamo che la stagione ventura sia agli stessi livelli di quella appena terminata, nel frattempo ci godiamo qualche immagine di vita in campo invitando chi non ci conosce a venire a trovarci con i propri bambini a settembre. Grazie a tutti.
    Castions, 20 giugno 2011
    Moretto A. (accompagnatore)
  • 2. Cominciamo a vestirci che è già un bel risultato. I bambini molte volte si consigliano o semplicemente si imitano
  • 3. Il gruppo è pronto e si schiera ai blocchi di partenza
  • 4. A volte non si sa chi è che si diverte di più fra gli allenatori e i bambini. Ma l’importante è esserci.
  • 5. Mentre i grandi faticano a mettersi d’accordo sulle strategie dei giochi pre-partita, i bambini fremono, forse è meglio sbrigarsi.
  • 6. Eccolo il nostro obiettivo
  • 7. Finalmente si comincia con i giochi pre-partita. I bambini dovranno cogliere una pallina da portare alla meta seguendo un percorso specifico. L’entusiasmo è alle stelle.
  • 8. Non c’è tempo per rimaner fermi, nell’ attesa di entrare in campo si accarezza la palla per prendere confidenza con le scarpe che spesso sono troppo grandi. “La mamma ha detto che devono andarmi bene anche il prossimo anno”.
  • 9. Uffa! Dobbiamo ricomporci prima della foto di rito. Come si nota i bambini non amano mettersi in posa. Il loro unico scopo è giocare e divertirsi.
  • 10. Finalmente il gioco! E’ partita vera come è vero il divertimento.