Comunita viva castions_giugno_2011
Upcoming SlideShare
Loading in...5
×
 

Comunita viva castions_giugno_2011

on

  • 1,642 views

Per vedere anche le edizioni precedenti visitare http://www.acastions.it

Per vedere anche le edizioni precedenti visitare http://www.acastions.it

Statistics

Views

Total Views
1,642
Views on SlideShare
1,637
Embed Views
5

Actions

Likes
0
Downloads
0
Comments
0

1 Embed 5

http://static.slidesharecdn.com 5

Accessibility

Upload Details

Uploaded via as Adobe PDF

Usage Rights

© All Rights Reserved

Report content

Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
  • Full Name Full Name Comment goes here.
    Are you sure you want to
    Your message goes here
    Processing…
Post Comment
Edit your comment

    Comunita viva castions_giugno_2011 Comunita viva castions_giugno_2011 Document Transcript

    • ANNO XXXIX - 1 (131) GIUGNO 2011 Comunità Viva bollettino parrocchiale di castions BOLLETTINO PARROCCHIALE - Castions di Zoppola - Dir. resp. Mons. Bruno Cescon - New Print Fossalta di Portogruaro (VE) Sped. in a.p. art. 2 / 20/c legge 662/96 - Udine - Mittente PARROCO 33080 CASTIONS di Z. (PN) - Telef. (0434) 97241 vita nuova e profezia cristiana ANNO DI GRAZIA …E DI GRAZIELa nostra avventura inizia il mese di Ottobre, mese che hanno vissuto con noi dei momenti di crescita nella fede,per la nostra comunità è stato ricco di emozioni, salutare ai bambini che con la loro freschezza ed ingenuità ci fan-Don Pino ed accogliere Don Ugo. Sapevamo che sarebbe no riscoprire il valore alle cose semplici, non da ultimostato un anno impegnativo: accompagnare i bambini nel grazie anche alle nostre famiglie che condividono con noiloro primo incontro con Gesù nell’Eucarestia. questa scelta di servizio verso i più piccoli.Tra di noi abbiamo fatto prima di tutto Unità Pastorale: 27 Domenica 8 e 29 Maggio siamo tornate nelle nostre casebambini provenienti da quasi tutte le parrocchie del no- ricompensate delle nostre “fatiche”. Speriamo di aver tra-stro Comune ed anche da fuori. Abbiamo avuto la grazia smesso ai bambini ed anche ai loro genitori che la Dome-di avere ben 2 cerimonie: una a Murlis (8 Maggio) ed una nica è il giorno del Signore, che Gesù ha sempre qualco-a Castions (29 Maggio). sa da dirci e che in lui troviamo la guida ai nostri passi.Durante l’anno con la guida paziente di Don Ugo abbiamo Domenica 8 Maggio a Murlis ha ricevuto l’Eucarestia perproposto eventi significativi sia per i bambini, sia per i la prima volta Alessandro Pighin.genitori. Con questi ultimi abbiamo vissuto tre incontri for- Domenica 29 Maggio a Castions hanno ricevuto l’Eucare-mativi, guidati da Michela, sul tema “Come trasmetter la stia per la prima volta:fede ai figli”. Sono stati ben partecipati sia come numero Mattia Bellotto, Manuel Benedet, Sara Bertoia, Daria Bore-che come coinvolgimento. an, Riccardo Brunetta, Jacopo Burgos di Pomaretto, AliceCon i bambini abbiamo fatto memoria delle linee guida Cicuto, Enrico Colli, Enrico Cristante, Giulia Cons, Andreache ci ha dato Dio, i Comandamenti e poi abbiamo ap- Fabbretto, Lorenzo Favaro, Riccardo Finotto, Giorgia Fur-profondito, cercando di capire, i segni e le parole usate lanetto, Silvia Gruarin, Aurora Mainolfi, Michelle Marchi,durante l’Eucarestia. Gaia Pagura, Kimberly Quattrin, Mariateresa Sapone, Ni-Sabato 26 Marzo durante la Cena Ebraica abbiamo ricor- cole Sartor, Sara Villalta, Alex Zamuner, Aurora Zamuner,dato la vecchia Alleanza fatta da Dio con il suo popolo e Mirko Zanette, Martina Zulian.la nuova Alleanza che ha portato Gesù.Tutti insieme, genitori e bambi-ni, Domenica 22 Maggio siamopartiti al mattino in biciclettaper Orcenico Inferiore. I genito-ri hanno riflettuto con Don Ugoe noi con i bambini abbiamo fat-to il pane che poi è stato con-sacrato durante l’Eucarestia.La giornata è stata molto bellaall’insegna della semplicità edella voglia di stare insieme.Eucarestia è dire grazie a Gesùper tutto quello che abbiamo ri-cevuto e noi di grazie da direne abbiamo molti.Innanzitutto a Don Ugo peraver accettato di dare conti-nuità a quanto fatto negli anniscorsi, ai genitori che ci hannosostenuto ed incoraggiato edaccettando le nostre proposte
    • BUONA PENTECOSTE A TUTTI merso in un popolo di tanti colori, ben distribuito, di- Mentre scrivo questo articolo siamo nel tempo di Pa- sciplinato, attento, in pre- squa (quando “Comunità Viva” entrerà nelle nostre case ghiera e con tanta gioia saremo probabilmente a Pentecoste). Una di queste nel cuore. Eravamo lì per domeniche nel Vangelo della messa abbiamo incontrato ascoltare, ma è risultato l’apostolo Tommaso. Egli ha dubitato di Gesù, ma poi ha più comunicativo il silenzio avuto il dono di poterlo incontrare risorto e da quell’in- di questo popolo, la sua contro la sua vita è cambiata. Gesù è diventato il suo concentrazione attorno tutto. “Mio Signore e mio Dio!” . all’altare e alla Parola di Egli continua ad essere presente, anche se con modalità Dio, il suo avvertirsi Chiesa del Signore. diverse, nella nostra vita: “Io sono con voi sempre” sono Avevo appena terminato di leggere l’ultimo romanzo di le sue parole. Margaret Mazzantini, Nessuno si salva da solo, rimanen- Con l’incontro di Gesù risorto la vita non è più come pri- do molto deluso. Vi si narra la storia di una coppia che ma. Non abbiamo posto invano la nostra fiducia in Gesù. non sa stare più insieme seppure non sa distaccarsi, Le sue parole si sono mostrate vere: egli ha vinto! Ora il un tormentoso dibattito fra la vitalità che proviene dallo cuore scoppia di gioia: tu sei risorto. Ha vinto la vita, ha stare insieme e le difficoltà insormontabili per garantirsi vinto l’amore! Grazie Gesù. Ti ameremo per sempre ma questa fortuna. Mentre in quel giorno davanti a me si soprattutto ameremo tutti; diremo a tutti, costi quel che profilava questa immensa folla unita senza fatica, feli- costi, che tu sei vivo, sei risorto, che abbiamo un motivo ce senza rumore, che guardava al futuro senza fretta. grande per vivere, per amare, per sperare. All’inizio dell’omelia il papa ha salutato questa folla in que-comunità viva Ora sappiamo veramente che Dio è per noi e con noi. sto modo: “Siamo qui dove di solito ci si ritrova per in- Ora sappiamo che ogni gesto d’amore parte dall’incon- contri culturali e concerti”. Non per contrapporre questo tro con te risorto; che in ogni gesto d’amore che faremo ritrovarsi di Chiesa ad altre manifestazioni che si organiz- e come se tu risorgessi, e come se tu continuassi a zano in quello che è ritenuto il parco più esteso d’Europa. risorgere in noi. Ora sappiamo che in ogni gesto di soli- Al contrario, Benedetto XVI voleva dire che qui c’è posto darietà, di servizio, di condivisione è come vederti vivo per tutti e tutti possono esprimersi in incontri diversi, un e risorto, è come incontrarti e sentirti vicino. Ora che tu insieme di persone, musica, parole, canti, affetti, pensie- Gesù ci hai fatti nuovi ci mandi a far nuove tutte le cose. ri, speranze. Anche la Chiesa aveva trovato qui un posto, Ecco il senso della Pentecoste che conclude il tempo di una pausa per riprendere a svolgere la propria missione, Pasqua. non potendo permettersi di dormirci sopra, perché il Si- Nei paesi del nord Europa oltre che Buon Natale e Buona gnore ha ancora una parola da dire a tutti, una parola, ha 2 Pasqua si usa augurare anche Buona Pentecoste. A Na- aggiunto il papa, che la Chiesa ha il compito di custodire e tale c’è il panettone, a pasqua la colomba a Pentecoste che non può tenere nascosta. Egli ci ha aiutato a scorge- c’è….? Ma certo c’è…c’è…….Noi abbiamo il pane be- re il tanto di Chiesa che è diffuso nelle terre del Triveneto nedetto! Il pane dello Spirito Santo simbolo dell’amore di e nel contempo la necessità di ridare al nord-est dell’Ita- Dio e simbolo di carità e di fraternità tra noi e con tutti. lia un volto cristiano e veramente accogliente di Dio e Allora… auguro a tutti Buona Pentecoste con le parole degli altri, di tutti gli altri, ha ribadito, anche di quelli che di Gesù: “Come il Padre ha mandato me, anch’io mando arrivano qui per trovare lavoro e dignità provenendo da voi”. paesi lontani e spesso martoriati da miserie e da guerre. Buona Pentecoste... Buona Missione. In quella piana di S. Giuliano il Vangelo è tornato a ri- Don Ugo splendere in tutto il suo fulgore, punteggiato dalle testi- monianze di tante persone e di tanti gruppi, in un abbrac- cio intergenerazionale che lascia ben sperare sul futuro CON Il PAPA della Chiesa nelle nostre terre. Piccoli e grandi, uomini e donne, laici e sacerdoti, gente che sta bene e gente che passa momenti di difficoltà perché la salute cede, i pensieri volano, gli affetti sono spenti, soprattutto fami- glie a lodare insieme il Signore, affidando a lui il nostro domani, quasi a rispondere ad un appello che i vescovi italiani hanno lanciato con gli Orientamento pastorali per il prossimo decennio: Educare alla vita buona del Vange- lo. Ed educare innanzitutto significa fare in modo che i Nei giorni di sabato 7 e domenica 8 maggio il papa Be- più grandi siano in grado di insegnare ai più piccoli come nedetto XVI ha fatto visita al Friuli e per al Veneto. Io si vive. I piccoli attendono e attendono non tanto parole l’ho incontrato nella piana di s. Giuliano, a Mestre, per quanto gesti di affetto e di comunione, in fondo la forza la s. Messa. C’era molta incertezza su quanti saremmo sprigionata da quel popolo di Dio che a Mestre si è ritro- stati ad accoglierlo. I più ottimisti erano convinti che se vato non per caso ma dentro un cammino che Dio conti- fossimo arrivati a 100.000 mila fedeli, il successo sa- nua a fare con la gente, con ognuno di noi, con le nostre rebbe stato garantito. I giornali hanno parlato addirittura parrocchie, con i genitori, i catechisti, i parroci, con i di 300.000 persone presenti. Anche se per le cose di nostri vescovi, con il papa. Si è avvertita la presenza Dio il numero conta relativamente, il colpo d’occhio di forte ed amorevole di Dio in quel giorno, in quella piana. quel giorno era meraviglioso, mi sembrava di essere im- don Giosuè Tosoni – maggio 2011
    • “10.10.10”: parroci della forania, da Mons. Piero Cesco, amico dilA NOSTRA COMUNITA’ famiglia e nelle vesti di vicario vescovile, abbiamo ac- colto il nostro nuovo parroco. Ad accompagnare il nipo-ACCOGlIE DON UGO te, anche Padre Felice Centis classe 1919, missionario Comboniano in Uganda dal 1967, da dove era appena tornato. Alla parte ufficiale è seguita la concelebrazioneIL SALUTO DI CASTIONS della Santa Massa solenne, accompagnata dalle note della corale “Sant’Andrea”.Caro Don Ugo, la comunità Castionese ti da il benvenu- Un tempo, un tale evento, avrebbe avuto sicuramenteto. molte più esteriori espressioni di giubilo.Con la giornata odierna la tua vita di sacerdote e di Con il paese tappezzato di manifesti inneggianti a, Wuomo verrà ad intrecciarsi strettamente con la nostra DON…. ed il cammino verso la chiesa, sarebbe avvenu-vita di singoli, di famiglie, di gruppi, di comunità. Entre- to sicuramente sotto archi fioriti.rai nella nostra storia, nel vissuto di ogni giorno con le Oggi c’accontentiamo di molto meno, o forse, siamosue gioie ed i suoi dolori. talmente abituati a tutto, che anche lo straordinario loCome già abbiamo detto a Don Giuseppe nel cenno di facciamo passare per una normalità.saluto, tu sarai da oggi uno di noi! Noi saremo la tua Ad accompagnare il parroco, che da oggi sarà “No-famiglia! stro”, anche alcuni, che per noi erano foresc (forestieri).Entri in una comunità già strutturata, con delle belle re- Arrivati da Fossalta di Portogruaro e da Maniago Liberoaltà ma anche con i suoi limiti. rispettivamente sua ultima e penultima destinazione,Avere la presenza di un prete nel paese è una grazia. per testimoniare affetto ad una persona che per anni comunità vivaNon sappiamo se tra qualche anno il nostro territorio gli è stata vicino. Come noi in gioventù, salutare allacomunale potrà contare sul numero attuale di sacer- stazione, un nostro amico partente per l’emigrazione.doti. Consapevoli di questa situazione, sappiamo che Quella di un parroco, cambiando comunità all’internoun grande spazio dovrà essere occupato dai laici. della diocesi, può apparire un’emigrazione da poco.In questa nuova realtà, dovremo far nostre le paro- In fondo parliamo la stessa lingua, anche se usiamole della prima lettera di S. Pietro Apostolo che al ca- dialetti diversi, non dovremmo quindi, avere problemipitolo quarto recita: “Ciascuno viva secondo la gra- di comunicazione. Forse è così. Ma se vogliamo darzia ricevuta, mettendola al servizio degli altri, come credito ad un aforisma nostrano, sembrerebbe propriobuoni amministratori di una multiforme grazia di Dio”. di no. Recita infatti:Don Ugo, nel tuo articolo di presentazione del Bollettino “A ogni cambiada ‘na brusada”.Parrocchiale dello scorso ottobre, scrivi di sentire la tre- Probabilmente, quanto sopra, si riferisce ad un cam-pidazione, la responsabilità, la delicatezza del compito biamento fisico, come ad esempio un trasloco, figu- 3che ti viene affidato e che confidi in Dio e nella nostra rarsi quanto è più calzante se applicato ai rapporticollaborazione. Ci sentiamo di dirti che potrai contare che s’instaurano fra le persone. Un paese è l’insie-sul nostro aiuto e sul nostro affetto. Daremo quello che me della gente che lo compone ed ha: sensibilità,è possibile come abbiamo fatto nel passato. aspettative diverse, derivanti dall’esperienze vissu-Rinnoviamo quindi il benvenuto a te e al “patriarca” Gino, te o subite, dall’età dei soggetti, dall’impronta fami-tuo padre. Siamo contenti che ti resti vicino e che sia tra gliare ricevuta, dal fatto che sia città o campagna.noi. Prendi il tempo che ti serve per conoscere questa L’insieme di queste variabili e molte altre, prese nellanuova realtà, sei uno a cui piace pensare prima di deci- loro interezza, ti fanno dire: questa è una comunitàdere, va bene così! chiusa o più aperta, più espansiva, meno disponibile,Don Giosuè nell’articolo dell’ultimo bollettino afferma più tesa al sociale, più individualista, più tollerante, piùche la forza del prete è il suo Signore. Il prete è colui ridanciana, più musona o con un occhio rivolto più aiche è chiamato ad essere l’annunciatore del Suo Vange- diritti che ai doveri o viceversa. In definitiva noi siamolo. Ecco, chiediamo al Signore nella preghiera che ti sia quel che siamo, e c’è lo portiamo dietro come il D.N.A.vicino e possa darti la gioia della Sua Presenza. La modificazione è talmente lenta da non accorgercene,Buon cammino a te e alla nostra Comunità. se non nelle rare occasioni in cui, l’avanzare dell’età o qualche altro incidente di percorso, ci obbliga ad una Per il Consiglio Pastorale Parrocchiale riflessione su: chi siamo, dove stiamo andando, oppure, Enzo Barabas ad un pensiero ancora più inquietante. Il consuntivo del Castions 10 ottobre 2010 tempo andato. Don Ugo si troverà di fronte sicuramen- te ad una comunità con alcune caratteristiche, che non saprei come definire, essendo io in essa immerso, eIL PRETE: DONO PER LA COMUNITà com’è noto, siamo umanamente più portati a vedere la pagliuzza nell’occhio altrui che la trave nel nostro. Cer-Domenica 10 ottobre 2010 abbiamo incontrato per la tamente diversa, come lo saranno state tutte quelle cheprima volta il novo parroco che è entrato ufficialmente in il suo cammino di sacerdote, gli avrà fatto vivere. Usan-parrocchia. Una cerimonia che sarà certamente usua- do una metafora. La primavera di tutti gli umani, imma-le, ma che ai parrocchiani, normalmente non capita, per gino anche nella sua, è la stagione dell’ottimismo, chefortuna, d’assistere spesso. L’ultimo nostro precedente, fa presagire un’estate meravigliosa e feconda. È la sta-ammesso che fossimo presenti, fu antecedente di die- gione in cui sbocciano le rose, che com’è noto, hannoci anni. Così domenica pomeriggio accompagnato: dai anche le spine, ma in quel tempo sono solo un dettaglio.
    • Segue l’estate con le gior- nate calde e non prive di sudore, che sembrano ma- terializzare quanto scritto nella “Genesi”. “Ti guada- gnerai il pane con il sudore della fronte”. Una stagione, luminosa, feconda, attiva, in cui ci si attrezza e fortifica per raccogliere i frutti del generoso autunno, e so- prattutto, prepararsi psico- logicamente a vivere il gri- gio, lento e triste inverno. Nell’ultima stagione, proba- bilmente le spine di quelle rose, sembreranno più forti e acuminate. In una comunità, dato che è formata da indivi- dui in divenire, coesisto-comunità viva no: primavera, estate, autunno, inverno e per un parroco, andare incontro Concelebranti la S.S. Massa solenne, per l’insedia- alle aspettative di queste stagioni è impresa ardua, mento del nuovo parroco Don Ugo Gaspardo. anche se supportata da quel poco o tanto, che il vo- Da sinistra: Don Antonio Buso – Don Giovan- lontariato parrocchiale può dare. Il nostro augurio è ni Cuccarollo – Mons. Piero Cesco – Don Ugo – che la strada appena iniziata sia lunga e di reciproca Don Arturo Rizza – Don Dino Pavan – Padre Felice Centis. soddisfazione. Il più possibile pianeggiante, e se qual- che ostacolo ci si parasse innanzi, di avere la volontà e la determinazione per superarlo, con la franchezza, AllE RADICI DEllA che in noi qualche volta, può apparire come ruvidità. NOSTRA FEDE Il giardino antistante la canonica si è arricchito di un 4 orto, frutto del lavoro di Gino Gaspardo (novant’anni Il 20 marzo scorso una parte dei ragazzi del Gruppo compiuti il primo gennaio), padre di Don Ugo, che de- Cresimandi, insieme alle loro famiglie ed ai catechisti, si dica il proprio tempo, e sarà stato immagino l’hobby di sono trovati per passare insieme una giornata diversa. una vita a: piante, fiori, ortaggi. Un bel modo di proce- La mattina siamo partiti per Concordia Sagittaria, per dere; un tandem dedicato alle cure, chi delle anime, chi scoprire le “radici della nostra fede”. Là ad aspettarci della natura. abbiamo trovato il Sig. Andrea, che nella mattinata ci Rinnoviamo l’augurio ed è una speranza, che i nostri ha guidati abilmente per le strade e la storia di Concor- campi, spirituali e fisici, possano essere da voi coltivati dia, a partire da primi insediamenti, attraverso il periodo per moltissimi anni. dell’impero romano ed i primi cristiani del luogo. Abbia- Francesco Pagura mo visto i siti archeologici, la strada romana, i mosaici, i resti delle prime chiese, luoghi vicini a noi e di cui igno- Brevi note: ravamo la ricchezza. Abbiamo potuto capire come vengono da lontano la no- - Nasce a Pordenone, Parrocchia di San Giuseppe in stra fede e la nostra comunità cristiana di Castions e Borgomeduna il 17 luglio 1956 le loro radici molto antiche: pensiamo ai martiri di Con- - Consacrato nella parrocchia di San Giuseppe in Borgo- cordia, alle primissime chiese del territorio e alle prime meduna il 4 settembre ‘82 comunità di credenti che uscivano allo scoperto man - Prima messa in Borgomeduna il 5 settembre ‘82 mano che la libertà di culto diventava possibile. Abbia- - Cappellano a Fiume Veneto dal ‘82 al ‘85 mo visto e ascoltato gli sviluppi dalla prima Chiesa (edi- - Cappellano alla parrocchia di San Giorgio in Pordenone ficio) in memoria dei martiri di Concordia, alla seconda e insegnante al I.T. Kennedy di Pordenone dal ‘85 al ‘88 più grande, e poi la terza, attuale; erano ogni volta più - Animatore in Seminario di 32 ragazzi delle classi medie grandi perché ogni volta il numero di fedeli cresceva. 2 dei quali seguiranno la via del sacerdozio dal ‘88 al ‘91 Così ogni ragazzo ha potu- - Cappellano al duomo di Sant’ Andrea in Portogruaro to comprendere che la pro- dal ‘91 al ‘97 pria fede è arrivata moltipli- - Parroco a Maniagolibero dal ‘97 al 2005 candosi, di generazione in - Assistente diocesano A.I.M.C.(Associazione Italiana generazione. Maestri Cattolici) dal ‘97 E’ stata importante anche - Parroco a Fossalta di Portogruaro dal 2005 al 2010 la visita al Battistero, dove - Parroco di Castions e Orcenico Inferiore dal 10 ottobre 2010 abbiamo ammirato la bel- lezza degli affreschi e ri-
    • giamenti e comportamenti, per- mettendo così una crescita di consapevolezza personale. Gli incontri hanno avuto inizio lo scorso febbraio, e con nostra grande sorpresa la partecipa- zione è stata sempre alta e co- stante, ma soprattutto attiva. Nei ragazzi che hanno parteci- pato infatti abbiamo trovato un grande interesse, e nonostante le nostre paure iniziali e la loro volontà di ribellione a tutto e a tutti, l’entusiasmo e la costanza che ci hanno dimostrato ci han- no aiutato a continuare il percor- so iniziato con sempre maggior percorso il rito del Battesimo come avveniva per i primi dedizione. cristiani, quasi percependo l’intensità nell’aria mentre Il nome che abbiamo scelto per questo gruppo è nato abbiamo pregato lì insieme. principalmente per abbattere il pregiudizio negativo che Poi ci siamo spostati a Caorle; nella bella chiesetta della molte volte i ragazzi hanno nei confronti di associazioni comunità viva Madonna dell’Angelo vicino alla spiaggia abbiamo cele- che si collegano con la parrocchia; da qui il nome Libe- brato la nostra Messa, a cui hanno partecipato anche raMente. diversi passanti che si sono fermati con noi. Le attività che abbiamo presentato sono state diverse, Un momento conviviale insieme nell’accogliente orato- dal giocare insieme al condividere opinioni e pareri su rio di Caorle e poi, via, a giocare in spiaggia al sole per svariati temi come i sogni, le paure, l’amore, le relazioni concludere questa bella giornata. interpersonali. E’ stata una delle proposte di attività per i Cresimandi Molto preziosa è stata anche la testimonianza di figure in quest’anno catechistico, oltre alle domeniche mensili esterne quali Marino, professore di religione del liceo, presso il Seminario di Pordenone con i giovani di tutta e Brigitte, suora laica della nostra famiglia, che hanno la diocesi, e la veglia dei giovani, bellissima, sabato 16 collaborato con noi alla realizzazione di alcune serate, aprile a Cordenons. arricchendo le nostre attività con la loro esperienza. La possibilità di entrare così strettamente a contatto con 5 I catechisti Valentino e Sandra questi ragazzi è stato per noi molto motivante, perché abbiamo trovato in loro un forte desiderio di confrontar- si, di essere sollecitati con attività che non li lasciassero lIBERAMENTE indifferenti, ma che li provocassero e facessero riflette- re. Nonostante alle volte i loro atteggiamenti possano na-ADOLESCENTI scondere le loro bellezze, è stato entusiasmante scopri- re la diversità e l’unicità di ognuno, la quale ci ha fatto capire l’importanza di donare loro parte del nostro tem- po e delle nostre energie, impegnandoci per valorizzarli sempre di più. Tutto questo è stato possibile grazie al sostegno e alla presenza costante di don Ugo, che ha appoggiato le nostre iniziative spronando i ragazzi ad una sempre più attiva partecipazione comunitaria, ad esempio contri- buendo alla pulizia del parco Burgos e alla preparazione della via crucis. Abbiamo compreso da questa esperienza quanto sia ne- cessario oggi come oggi offrire un opportunità di incon- Siamo Luana, Martina, Jessica, Vanessa e Fabio, insie- tro che dia la possibilità ai giovani di aprirsi al confronto me abbiamo scelto di metterci in gioco proponendo ai positivo, e li possa stimolare ad una futura crescita. Sia- ragazzi di Castions di formare un gruppo che si potesse mo consapevoli che questo è solo l’inizio e che ci vorrà incontrare settimanalmente per crescere insieme. L’idea molta costanza, soprattutto da parte nostra, per costru- è nata dalla volontà di creare uno spazio per i giovani ire qualcosa di solido e duraturo, ma i piccoli segnali adolescenti che fosse aperto a tutti, offrendo l’oppor- positivi ricevuti ci fanno capire che la nostra proposta è tunità di incontrarsi e confrontarsi su temi di attualità e una risposta utile ai bisogni dei ragazzi. non solo. L’obiettivo che sta alla base di questi incontri è soprattut- to quello di porre i giovani di fronte a loro stessi, dando loro la possibilità di fermarsi a riflettere sui propri atteg-
    • ACR: CON GESU’ ve cariche dell’Azione Cattolica, sono stati eletti nei seguenti ruoli: Luana Pagura come presidente parroc- DA PROTAGONISTI chiale, Valeriano Galvanin come responsabile adulti, Martina Colautti come responsabile giovani e Giulia Cavalsi come responsabile ragazzi. GITA DEI CHIERICHETTI Da inizio aprile di quest’anno, Laura ed io (Giada), con l’appoggio e l’aiuto di Don Ugo, ci stiamo impegnando a seguire il nuovo “gruppo chierichetti” (per il quale cer- cheremo assieme ai chierichetti stessi anche un nome identificativo). Abbiamo voluto creare tale gruppo per far crescere nei ragazzi e nelle ragazze, la coscienza che essere chierichetti non significa semplicemente indossare la La nostra parrocchia offre ai bambini e ai ragazzi di Ca- veste, stare sull’altare e ricevere ogni tanto  da par- stions di età compresa tra i 6 e i 14 anni l’opportunità te del Don un piccolo riconoscimento   ma significa di partecipare alle attività dell’Azione Cattolica. L’Azione bensì rendere un servizio presso l’altare di Dio (il si- Cattolica dei ragazzi si impegna da sempre nell’ambito nonimo di “chierichetto” infatti è “ministrante” = co-comunità viva della formazione e della crescita umana e cristiana dei lui che è “ministro”, cioè in questo caso servitore ragazzi per i quali propone attività educative di vario all’altare assieme al parroco durante la S. Messa). tipo che si svolgono all’interno di un gruppo di coeta- Oltre a contenuti quindi di carattere spirituale e prove nei e sono pensate dagli educatori  per far sperimen- pratiche per rendere migliore tale servizio, non manca- tare ai ragazzi l’accoglienza, la ricchezza e talvolta la no e non mancheranno momenti di gioco e di svago fatica di interagire con gli altri, l’importanza di vivere (come ad esempio gite ecc.). da protagonisti le proprie esperienze e l’incontro con Invitiamo tutti i bambini/e ragazzi/e che sono Gesù. La proposta ACR non è da considerarsi un’alter- interessati/e a diventare chierichetti ad unirsi al nostro nativa al catechismo bensì un’occasione in più che viene gruppo! Vi aspettiamo numerosi! offerta ai ragazzi per crescere e partecipare alla vita della chiesa oltre che per stare 6 insieme e conoscersi meglio. Se il sabato pomeriggio passa- te dalle parti dell’oratorio di Ca- stions vedrete un gruppetto di bambini e ragazzi più scatenati che mai che corrono e saltano da tutte le parti e sentirete un gran vociare e risate che espri- mono gioia e divertimento. Alle 15.30 inizia l’attività dell’acr che è stata pensata per l’incontro: una volta si disegna e si colora, un’altra si costruisce qualcosa, un’altra ancora c’è una festa e i giochi non mancano mai! Alle 17.00 arriva l’ora di fare merenda che UN ANNO (QUASI) viene preparata o dai genitori o dalle educatrici… per- ché dopo essersi impegnati nelle attività e aver consu- DI ATTIVITA’ CON I RAGAZZI mato energie per divertirsi i ragazzi sono affamatissimi! Siamo ormai giunti in prossimità dell’estate e ci sem- Quest’anno, purtroppo per carenza di educatori e bam- brava giusto fare un po’ il riepilogo delle attività svolte bini, non si è potuto svolgere l’attività all’interno della quest’anno, oltre che annunciare ufficialmente i pro- parrocchia ma ci si è affidati alla collaborazione con la grammi per quella che sarà un’estate veramente densa parrocchia di Cusano-Poincicco, speriamo però che nei di attività per i ragazzi di tutte le età!! prossimi anni riusciremo a portare ancora entusiasmo Il nostro riepilogo inizia da ottobre dell’anno scorso, con e gioia all’interno della parrocchia. Profittiamo quindi di l’ormai tradizionale cena post-campeggio assieme ai ra- questa opportunità per invitare tutti gli interessati e per gazzi che vi avevano partecipato durante l’estate ed i ringraziare tutte le persone che finora ci hanno aiutato. rispettivi genitori; è stata una serata molto divertente, ricca di giochi, ricordi e risate accompagnati dal filmato Le educatrici Giulia, Letizia e Sara. che raccoglieva le foto dei momenti salienti del cam- peggio, oltre che una bella occasione per conoscere ELEZIONE DEL NUOVO CONSIGLIO DI AC e farci conoscere dal nostro nuovo parroco, Don Ugo. L’incontro successivo è stato a Natale, in occasione del Nel gennaio 2011 sono avvenute le elezioni per le nuo- quale abbiamo animato la celebrazione della Veglia e
    • della S.S. Messa con canti e riflessioni personali sull’ar-gomento dell’attesa rendendo così, con le meravigliose Il CARDINAlEvoci dei nostri ragazzi e grazie alla bravura dei nostri CElSO COSTANTINIstrumentisti, ancora più magica la notte della nascitadi Gesù! SEMPRE PIÙ VIVONel periodo di Carnevale abbiamo invece proposto due IN MEZZO A NOIdiverse attività a seconda dell’età dei nostri ragazzi. I piùpiccini si sono divertiti a sfilare lungo le strade del nostro “Il Friuli ringrazia e non dimentica”. Questa fra-paese tutti mascherati oltre che a giocare con corian- se campeggiava nella nostra regione dopo il ter-doli, palloncini, panna montata e moltissime altre cose. remoto del 1976, in segno di riconoscenza perGiornata splendida è stata anche quella svoltasi a Claut chi si era reso benemerito della ricostruzione.dedicata ai ragazzi delle medie e di prima superiore: Si può dire pure che “Castions ringrazia e non dimenti-S.S. Messa a Castions e poi via in montagna a giocare ca il Cardinale Celso Costantini”, il suo figlio più illustre,con la neve e a pattinare; immancabile al ritorno una un protagonista sulla scena mondiale, ma che sempre mantenne legami stretti con la sua terra d’origine e in essa volle il riposo delle sue spoglie mortali. Far parte dell’Associazione “Amici del Cardinale Celso Costantini” sembra il modo migliore oggi per tenere viva la sua figura. comunità viva Il sodalizio, costituito sei mesi fa nel Seminario in Pordenone, conta attual- mente duecento soci, tra i quali alcuni Cinesi. Tuttavia dovrebbe almeno rad- doppiarsi nel numero per disporre di una base solida, capace di iniziative importanti. Molti parrocchiani di Castions vi han- no già aderito; altri sono invitati a farlobuona cioccolata calda a Maniago per chiudere in bel- versando la quota annuale di € 20 per i soci ordinari,lezza la giornata! e poco più per chi vuole diventare socio sostenitore oInfine la Via Crucis giovanile: un grazie ai cresiman- benemerito. 7di, al neonato gruppo giovani che si ritrova il lunedì Cosa si propone l’Associazione “Amici del Cardinale Cel-sera e a tutti coloro che hanno collaborato nel ren- so Costantini”?derla così suggestiva e ricca di spunti di riflessione. Il primo punto in programma è la realizzazione di unaEd ora passiamo ai programmi per quest’estate. Le pro- mostra permanente con le opere insigni che egli ci haposte principali sono due: lasciato e con altre su di lui. Costantini ha creato luiIl campeggio estivo, che si svolgerà nella settimana stesso delle sculture di notevole valore, molte delle qua-che va dall’1 al 7 Agosto, per i ragazzi dalla quarta li in possesso dei suoi familiari. Ha portato dalla Cinaelementare alla seconda media. La riunione con i ge- un patrimonio artistico impressionante, destinandolonitori si svolgerà prossimamente: mi raccomando, al Comune di Pordenone, che però, per ristrettezzapartecipate numerosi, perché ci sarà da divertirsi! di spazi, finora non ha messo a disposizione del pub-La seconda proposta è il punto di partenza per un fu- blico. Infine ha donato oggetti preziosi a diversi enti.turo GREST. Per quest’anno abbiamo pensato di riem- Raccogliendo tutte queste opere si potranno esporrepire i vostri mercoledì con varie attività che spazieran- numerose sue sculture nella sua casa natale a Castions,no da tornei, giochi, giochi notturni, gite e quant’altro. meritoriamente sistemata allo scopo dal Comune diSiete curiosi vero?! Beh ci vedremo quest’estate allora! Zoppola, ma soprattutto si potrà godere di un’esposizio-Vi forniremo maggiori informazioni tramite manifesti af-fissi per il paese, fuori dalla chiesa, fuori del Centro eovviamente tramite il bollettino domenicale. A presto!
    • ne permanente a lui intitolata in Seminario a Pordenone, intervallata dai canti (da parte del Coro S.Andrea) inseriti in grado di illustrare i vari aspetti della sua figura e le perfettamente ‘a tema’ da don Ugo, il nostro parroco. sue celebri imprese, soprattutto in Cina e a Roma, dove Dopo l’introduzione con la lettura di un salmo, la melo- fu uno dei più fidati collaboratori del Papa. dia rinascimentale dell’ “O bone Jesu” , del genio della Questa operazione o si fa oggi o non si farà mai più, musica corale antica Giovanni Pierluigi da Palestrina, ha perché il materiale in questione rischia la rovina e la predisposto all’ascolto del Sacro Testo con uno stato dispersione irreparabile. Abbiamo tutti una grande d’animo “celestiale”; il successivo “Coral de jentrade”, responsabilità di fronte alle generazioni future, per- antico canto friulano di penitenza e richiesta di clemen- ché dipende da noi se esse potranno attingere i za, si è ben inserito tra i passi che documentano le re- messaggi universali e imperituri di Celso Costantini. missioni dei peccati e le guarigioni miracolose fatte da La nuova Associazione sostiene anche la pubblicazione Gesù; cascava poi a pennello il mottetto “Ecce panis del prezioso Epistolario del Cardinale nato a Castions. angelorum”, subito dopo il passo che narra la moltipli- Si tratta di diecimila lettere, tra le quali saranno scelte le cazione dei pani e dei pesci… seicento più interessanti, che offriranno di lui un ritratto A introduzione della Passione è stato eseguito “Gerusa- finora sconosciuto, di altissimo livello. Il volume verrà lemme”, un canto che, seppur profano, si fa sacro per alla luce nel 2012, contemporaneamente all’edizione in la drammaticità del grido di dolore e di rabbia espresso lingua inglese, a Toronto e a Montreal, del suo Diario da Bepi de Marzi, che vi richiama fortemente gli uomini, inedito “Ai margini della guerra (1938-1947)”, libro già e non solo, alla responsabilità e all’incoerenza delle loro premiato dal Presidente della Repubblica on. Giorgio Na- azioni, con l’ultimo pensiero a Maria, ai piedi della croce. politano e fortemente elogiato da Papa Benedetto XVI. Quale modo migliore quindi di chiudere la serata se non Il ponte ideale creato da Costantini tra Italia e Cina viene con un “Ave Maria” (di Iannone)!?comunità viva utilizzato anche dalla neonata Associazione che porta il Si è creata in chiesa, fin dall’inizio, un’atmosfera attenta suo nome. Infatti, alla fine del prossimo mese di giugno, e concentrata, quasi mistica; gli “attori” sono riusciti a avremo ospiti l’attuale Superiore Generale della Congre- rendere la lettura talmente partecipata da risultare quasi gazione dei Discepoli del Signore (CDD), fondata dal “viva”, in questo clima si è inserito il coro, che sembra nostro Porporato tra gli eredi del Celeste Impero. E chi aver colto e corrisposto pienamente questi sentimenti, di noi fosse interessato potrà partecipare, nel mese di a detta di molti presenti una serata veramente particola- agosto 2012, a un viaggio in Cina sulle orme del Beato re, da far dire a don Ugo, ringraziando tutti i partecipan- Odorico da Pordenone e soprattutto dell’indimenticabile ti, “come è apparso evidente, la lettura aiuta il canto ed Celso Costantini, che in Estremo Oriente ha lasciato le il canto completa la lettura” … anche in ordine inverso sue impronte indelebili. … è tutto vero! 8 Bruno Fabio Pighin Laura M. Direttore dell’Associazione “Amici del Cardinale Celso Costantini” Il FAVETTI IN GITA UNA SPlENDIDA Il CANTO è UN’AlTRO MODO GIORNATA DI PREGARE… Al CASTEllO Quale meta migliore per una gita se non un castello? Considerato, poi, che i nostri bimbi per tutto l’anno han- no seguito un progetto che li ha portati a conoscere e a rivivere il misterioso e fantastico mondo del Medioevo attraverso varie attività: dalla realizzazione del vestito da cavaliere con tanto di spada e scudo, alla costruzione di un vero e proprio castello di cartone (utilizzato come sfondo alla festa di Natale e come scenografia per la recita del Comitato Genitori), alla sfida in torneo, alla co- noscenza delle erbe utilizzate in cucina, guidati dalle fan- tastiche gesta di Re Artu e i cavalieri della tavola rotonda la proposta delle insegnanti a gennaio di visitare Castel Brando di Cison di Valmarino non poteva che trovare ap- provazione da parte di tutti i genitori. E così e’ stato! Siamo partiti alle 8.00 con ben 2 pulmann colmi e per tutto il viaggio abbiamo immaginato il castello con mer- Un esperimento veramente riuscito quello ideato lature e ponti levatoi. dall’Unità Pastorale di Zoppola e realizzato da don Ugo Dobbiamo dire che anche il tempo era “medioeva- in chiesa a Castions (senza nulla togliere alle celebrazio- le”: una pioggerellina sottile sottile e un venticello ni per il 150° dell’Unità d’Italia) nella serata del 17 Marzo umido ci hanno accompagnato per l’intera giornata. scorso: ‘Lettura continuata del Vangelo secondo Mat- Una volta scesi dal pulmann abbiamo raggiunto il ca- teo’, eseguita in maniera eccellente da diversi lettori ed stello risalendo il ripido promontorio dal quale il castello
    • seguire gli insegnamenti e l’esempio di Gesù, per la no- stra gioia e speranza; e che l’amore di Gesù ci raggiunga tutti. Inoltre durante la Settimana santa è stata celebrata la Santa messa del mercoledì 20 con a seguire la con- fessione, venerdì 22 la Via crucis con a seguire l’Ado- razione e il bacio del Crocifisso e la Santa comunione. Alla domenica di Pasqua la messa è stata celebrata alle 9.30 con la partecipazione di molti anziani, parenti e vo- lontari. Ringraziamo vivamente don Ugo e padre Pietrodomina la Val Mareno tramite la funicolare panoramica. FEStA DI PrImAVErA Lunedì 21 marzo i volontariDopo l’immancabile merenda alcune guide ci hanno in- dell’associazione ANLA di Pordenone ci hanno offerto untrodotto nei misteri del castello. concerto ben riuscito: con canti, musiche e balli un sollievoI bambini, insieme alle insegnanti di sezione, hanno sco- e un incoraggiamento a “tenere alte” le poche forze rima-perto che... “ nel castello viveva un drago che avevaimprigionato nella torre il re, la regina, la principessaFiore e il principe Brandolino. Aveva anche nascostodue spade ma sia i Bruchi e che le Mele le hanno tro-vate! Il drago per fortuna no! Non si e’ fatto vedere!!”Tutto questo veniva loro raccontato mentre passavanonelle ampie sale con “candelabri e lampadari, sedie e comunità vivaanche un trono”. Il bello e’ che se chiedete a loro.... ognibambino vi aggiungerà qualche particolare impresso nel-la loro mente... “le spade, le armature, le lunghe scale...”Nel mentre, il gruppo dei genitori seguiva a ruota lo stes-so percorso ma con racconti meno fantastici e piu storici!Beh, purtroppo, dell’antico castello medioevale rimane ste. Questo non e’ solo bello ma anche utile e valevole perben poco. L’attuale struttura e’ comunque un bellis- tutti, anziani, assistenti e volontari. Con viva riconoscenza,simo castello-palazzo di proprietà privata che oltreai percorsi storici, offre servizio di ristorante, bar, al- LAbOrAtOrIO DELLE PIANtINE Per abbellirebergo, beauty-center. Il percorso adulti e’ terminato la Casa di riposo, ogni anno gli ospiti assieme a dei vo-con un filmato tramite il quale sono stati simpatica- lontari, ai bambini delle scuole e ai ragazzi di Poincicco,mente presentati da un attore teatrale della zona tutti seminano e piantano molte piantine di fiori e verdure 9i personaggi che nel corso dei 2000 anni di storia del ( più di 3.000 !!): quest’anno oltre a pomodori, cetrioli,castello hanno attraversato i suoi corridoi: da Claudio zucchine e melanzane abbiamo invasato più di 100 pian-Augusto (imperatore di Roma) ai Conti Brandolino (che tine di fragole da gustare fresche quest’estate! Inoltrelo hanno abitato per oltre 500 anni!) passando per abbiamo tantissimi girasoli! Giovedi’ 7 aprile noi anzianiil Gattamelata, i Signori Da Camino, i Conti di Porcia, siamo stati invitati a piantare le nuove piantine di fioriLorenzo da Ponte e Antonio Canova e... molti altri. dai bambini della scuola materna “Le margherite” di Ca-Dopo il pranzo al sacco i bambini sono stati impegnati stions, riconosciamo che con l’aiuto degli altri possia-in un laboratorio durante il quale hanno realizzato uno mo ancora collaborare con la creazione, gioire per lastupendo scudo da cavaliere mentre i genitori passeg- crescita e per il soave profumo che emanano i nostrigiavano nel bellissimo bosco adiacente al castello o.... fiori. Anche questo è dono di Dio e noi gli siamo grati.bevevano il caffè.Verso le 15.00 il rientro: discesona con la funicolare (o a GUINNES wOrLD rECOrD PEr “LA bOt-piedi) e ritorno a Castions, stanchi ma carichi per affron- tIGLIA ECO-SOLIDALE PIU’ GrANDE DELtare il prossimo salto nella storia: la Cena Medioevale, mONDO” Domenica 17 aprile siamo stati invitati a par-appuntamento di fine anno scolastico! tecipare, al Centro commerciale Meduna, ad una giorna- ta realizzata attraverso il volonta- Due genitori del Favetti riato e la solidarietà. È stata cre- ata una bottiglia di plastica lunga 11 metri piena di tappi di plasticaATTIVITA’ IN CASA DI RIPOSO per la Via di natale di Aviano. Ab- biamo avuto un’ottima accoglien-PrEPArAtIVI PEr LA PASqUA 2011 Con il za ed è stata una valida esperien-mese di marzo sono iniziati i preparativi per la Santa za perché abbiamo capito chePasqua: sono state celebrate le Via crucis nei venerdì un cuore che ama trova spaziopomeriggio. In particolare venerdì 18 marzo don Ugo ci e amore per chi soffre. Grazie!ha offerto alle ore 15.00 la celebrazione della Via crucis,animata con tanto amore dai ragazzi della seconda me- Gli anziani della Casadia della scuola di Castions. Per noi anziani è stato un di riposo, Marzia e Monicamomento forte di preghiera, è stata ben spiegata la Viadella nostra salvezza, la generosità e la disponibilità a
    • CONSIDERAZIONI SUl 2011 ti modi: prezzi bassi, naturalmente, ma anche controlli sui prodotti messi in vendita, informazione alimentare E DUE PAROlE SUl “MONDO ed educazione al consumo, rispetto dell’ambiente ecc. COOP” Chi e’ il proprietario della coop? I proprietari sono i soci della cooperativa. Il 2011 sarà ancora un anno con difficoltà economiche: la Questi si riuniscono ogni anno per prendere insieme al- ripresa del Prodotto interno lordo (Pil) è stimata allo 0,8%, cune importanti decisioni ed ogni tre anni eleggono il poca cosa se si pensa alla perdita di 5 punti che c’è stata Consiglio di sorveglianza, che ha potere di indirizzo stra- nel 2009. D’altra parte continuerà l’emergenza “lavoro” tegico e di controllo. con un tasso di disoccupazione ancora superiore all’8% e Chi sono i soci? con punte che si avvicinano al 30% per il mondo giovanile. Sono tutti i consumatori che hanno acquistato una ‘quota In questi ultimi anni i consumi “obbligati” delle fami- sociale’, che oggi è di 25 euro, cioè una parte del ‘capi- glie (utenze, mutui, assicurazioni) hanno raggiunto tale’ della cooperativa. il 39,6% dei consumi totali, contro il 27% degli anni Possono diventare soci tutti coloro che hanno com- ’80: questo fenomeno penalizza gli altri consumi, piuto 18 anni e non hanno interessi contrari o in con- compresi quelli alimentari, ed inoltre stanno emer- correnza a quelli della cooperativa (ad esempio non gendo segnali preoccupanti di ripresa inflazionistica possono esserlo i proprietari di altri supermercati). causati dall’aumento del costo delle materie prime. Ogni nuovo socio, naturalmente, si impegna a rispettare Stili di vita e comportamenti di acquisto consolideran- lo Statuto della cooperativa, cioè tutte le sue regole. no le tendenze già in atto: attenzione al risparmio, ri- Se i soci sono i proprietari... Sono loro che si divi- duzione degli sprechi, maggiore maturità e consapevo- dono tutti i guadagni?comunità viva lezza su alimentazione, ambiente e processi produttivi. No. I soci delle cooperative di consumatori non si metto- La Cooperativa è un’impresa che pone al centro della no insieme per guadagnare, bensì per difendere i propri propria attività le persone e che opera in un’ottica non interessi, cosi è stabilito che i guadagni non vadano a appiattita sul breve periodo: può, e deve proporsi, quin- nessuno personalmente: si utilizzano, invece, per fare di, come soggetto attivo e protagonista per l’affermarsi investimenti a beneficio dei soci, per tante altre attività della cultura del consumo sobrio, etico e consapevole. culturali e di tutela dei consumatori. E’ quindi questo il momento di rispolverare e rispiega- Se i soci non guadagnano niente… quali vantaggi re alle persone quali sono i concetti di “cooperativa” e si hanno ad essere soci? “cooperazione” e qui di seguito sono riportate, in modo In primo luogo i soci possono acquistare a prezzo spe- semplice e schematico, le principali domande e risposte ciale ogni anno prodotti offerti solo a loro. che illustrano il “mondo COOP”: Il socio può anche prestare i propri risparmi alla coo- 10 Cosa vuol dire Coop? perativa: consente così alla Coop Castions di effettuare E’ il marchio che rappresenta il più grande gruppo di investimenti per sviluppare la rete di vendita e soddisfare cooperative di consumatori d’Italia. al meglio le esigenze dello stesso socio. La parola cooperativa deriva da co-operare che significa Il prestito effettuato dal socio è ben remunerato se si “operare insieme per raggiungere un certo scopo”. confronta con analoghi impieghi: infatti il deposito non è Una cooperativa, quindi, è composta da un gruppo di vincolato e il socio ne può disporre in qualsiasi momento. persone che si sono associate per raggiungere un certo Cosa differenzia la cooperativa di consumo da un obiettivo. qualsiasi altro negozio “non cooperativo”? Nel caso delle Coop, che sono cooperative di consuma- E’ una domanda che sembra banale ma invece è impor- tori, l’obiettivo è tutelare i propri interessi di consumatori. tantissima e merita una attenzione particolare ed appro- Quando le cooperative sono nate, più di cento anni fa, fondita. i consumatori che si associavano avevano soprattutto l’interesse ad ottenere i generi di prima necessità, cioè Ecco in sintesi i punti principali: i prodotti che erano alla base dell’alimentazione di ogni giorno, ad esempio il pane, le patate e i legumi, al prez- • Anzitutto la garanzia di un prodotto a marchio zo più basso possibile. COOP che è certificato ISO 9001/2008. Questo Oggi, invece, la tutela dei consumatori la si fa in mol- significa, in sintesi, la completa RINTRACCIABILITA’
    • dei prodotti a marchio COOP, l’ASSENZA DI COLO- RANTI IN TUTTI I PRODOTTI ALIMENTARI, una certifi- Passo ora a fare un bilancio sulla passata stagione 2010 cazione NO-OGM, una continua e costante ATTIVITA’ e poi a descrivere l’inizio della stagione 2011 che sem- DI CONTROLLO. bra molto positivo. Tutto l’anno 2010 è stato caratterizzato da notevole • Una VARIETA’ DI ASSORTIMENTO non vincola- piovosità, più accentuata negli ultimi mesi (con conse- to alle sole logiche commerciali che impongono il guenze sulla raccolta di fine anno); inoltre l’annata 2009 guadagno ad ogni costo oppure un prezzo appa- era stata caratterizzata da notevoli grandinate durante rentemente conveniente, ma a discapito di qualità e l’estate e da un inverno rigidissimo; entrambi questi fat- sicurezza alimentare. tori hanno danneggiato colture arboree importanti come il kiwi in maniera pressoché totale e in maniera minore la • LA VALORIZZAZIONE DEI PRODOTTI LOCALI: ov- vite, per la quale comunque il risveglio vegetativo a inizio vero la presenza nell’assortimento di prodotti ed 2010 è stato buono, con poche evidenti carenze nutri- aziende locali con lo scopo di favorire lo sviluppo zionali e buona formazione di capi a frutto che ha por- del territorio. tato a fine stagione 2010 a una raccolta soddisfacente per qualità e quantità (merito anche di una buona difesa • UN RADICATO LEGAME CON IL TERRITORIO: LA fitosanitaria messa in atto): 150 ql/ha per pinot grigio, MISSIONE DI UNA COOPERATIVA DI CONSUMO chardonnay e sauvignon con grado zuccherino dai NON E’ SOLO E SEMPLICEMENTE UNA MISSIONE 15,5° ai 18°, per le uve rosse restanti, dati ugualmente COMMERCIALE, MA E’ ANCHE LA CONSAPEVOLEZ- soddisfacenti; per quanto riguarda i prezzi, il pinot grigio ZA DI ESSERE PUNTO DI RIFERIMENTO PER LO SVI- è stato venduto presso le cantine cooperative locali a cir- comunità viva LUPPO SOCIO-ECONOMICO DELLA COMUNITA’. ca 50 euro/ql, lo chardonnay a 25 euro/ql, il sauvignon a 30 euro/ql, il prosecco a 60-65 euro/ql, il merlot a 18Quanto vi ho scritto ha come unico scopo il porre l’atten- euro/ql, il cabernet franc a 17-18 euro/ql; la rilevanzazione sull’importanza, per nulla scontata, di valorizzare economica comunque si fa sempre maggiore per le uveil “mondo cooperativo”, così radicato e presente a Ca- bianche mentre cala l’interesse per le uve rosse, tantostions di Zoppola. che si sta assistendo a un espianto massivo dei vitigni di uve rosse a favore di quelle bianche, in particolare Davide Tonon – direttore COOP prosecco. Il frumento tenero panificabile locale, che rientra nella filiera del pane tipico friulano già da un paio d’anni, è sta- to colto a luglio 2010 con una resa medio/bassa (55-75lA NOSTRA AGRICOlTURA: ql/ha) probabilmente a causa di un germogliamento non 11BIlANCIO DEl 2010 E ottimale. Anche sotto l’aspetto qualitativo non c’è stata grande soddisfazione, purtroppo l’andamento climaticoPROSPETTIVE PER Il 2011 nel 2010 è stato sfavorevole sia per la raccolta di luglio sia per la semina di ottobre/novembre, tanto che a livelloIn questo periodo ci giungono dall’Italia e dal mondo locale sono quasi assenti quest’anno le colture di cerealitante notizie negative: la crisi economica tuttora in cor- a paglia.so, le guerre nel mondo arabo e nel medio oriente, gli Per quanto riguarda le patate, le produzioni sono stateeventi climatici eccezionali e i disastri naturali e provoca- ottimali ( 500-600 ql./ha) dove erano state praticate unati dall’uomo che sembrano minare il delicato equilibrio buona conduzione agronomica e una buona difesa fito-naturale. sanitaria, non ottimali invece in qualche zona marginale.In contrapposizione a queste notizie negative, mi sento Il mais è stato raccolto in maniera soddisfacente a ot-di dare una buona notizia: nonostante tutte le difficoltà tobre e novembre con produzioni mediamente buonedel momento, la nostra agricoltura è viva e dinamica ed i (120-140 ql/ha) con umidità alla raccolta di circa 25% enostri operatori agricoli sono pronti a raccogliere le sfide prezzi di mercato molto interessanti (15,50-16,80 euro/che si trovano a dover affrontare. ql su base 25% umidità); invece le raccolte effettuateMai come ora i nostri operatori agricoli sono responsabili a dicembre sono state penalizzate pesantemente dalladella qualità e della tracciabilità dei prodotti nell’ottica di piovosità intensa, con problemi di raccolta e scarsa qua-conciliare la tutela della salute e della qualità dell’alimen- lità dei prodotti.tazione con il rendimento economico dei prodotti stessi; La maggior parte della soia è stata raccolta in tempoper vedere riconosciuta la qualità dei loro prodotti ad utile prima delle piogge di fine anno, con produzioneun giusto prezzo si stanno avvalendo sempre più del- medie di 40 ql/ha e umidità 15-16% e prezzo di mercatola mediazione delle associazioni di categoria contro lo di 34-35 euro/ql.strapotere commerciale della grande distribuzione, per Per quanto riguarda i prezzi, nel corso del 2010 ci sonofar fronte alla concorrenza dei produttori di alcuni paesi stati consistenti aumenti per frumento, mais e soia do-esteri che offrono prodotti a prezzi sicuramente inferiori vuti a vari fattori non solo locali, sia climatici (con man-ma di qualità non ugualmente certificata. cata produzione) sia commerciali e speculativi; questoGli imprenditori agricoli sono chiamati a fare importanti aumento di prezzo ha comportato tra le altre cose uninvestimenti economici e questo li responsabilizza e li maggior interesse per il mais e la soia e perciò questistimola alla discussione per trovare soluzioni condivise ultimi sono stati seminati anche in appezzamenti prece-ai vari problemi. dentemente non coltivati; l’aumento di prezzo di questi
    • sforzi dei nostri operatori agricoli siano premiati da una buona produzione. Luciano Borean - 5 maggio 2011 1° NOVEMBRE ACQUA AlTA A CASTIONS L’autunno del 2010 è stato così umido, che indugian- do in una posizione fissa, si correva il rischio di vedersi spuntare le radici sotto le scarpe. In particolare il perio- do che va dalla fine d’ottobre ai primi giorni di novembre. cereali e leguminose (utilizzati come alimentazione per In effetti, anche gli artesiani che per anni erano rimasti il bestiame) ha avuto e sta tuttora avendo un impatto all’asciutto, oppure erano generosi solo per brevi perio- negativo sul settore dell’allevamento e della produzione di durante l’anno, avevano sempre dato il loro liquido di latte a livello nazionale. contributo. In particolare quelli di Cevraia, che ricevono In aggiunta a questo, osserviamo che è in aumento nei l’acqua dalla falda freatica posta ad una profondità di paesi asiatici (es. Cina) il consumo di carne nell’alimenta- ventotto metri, o giù di li. Segno tangibile, che le falde o zione, di conseguenza aumenta anche la richiesta di soia risultuns nella parlata Castionese, oppure gromanie, percomunità viva per l’alimentazione del bestiame e anche questo fattore quelli di Poincicco, erano ai massimi livelli. sta influendo sugli elevati prezzi della soia a livello mon- Nei sei giorni che precedono il primo novembre, festa di diale. Tutti i Santi erano caduti 220 mm di pioggia. Questo è Sempre sul fronte dei prezzi, segnaliamo che un altro quanto ha rilevato il mio amico Ferdinando Borean, che fattore che incide è anche l’utilizzo di mais e soia per la è precisino nel registrare sul quaderno, quanta acqua produzione di energie alternative (es. biogas da mais, svuota dal suo pluviometro. Meglio di internet. Questa biodiesel da soia e colza). era la situazione locale, ma sui monti, nell’area dei fiumi Meduna e Cellina la piovosità è stata addirittura maggio- Tornando alla nostra agricoltura locale, per quanto ri- re, con 300mm caduti nella sola giornata del 31. I bacini guarda il 2011 l’inizio di stagione è stato davvero otti- di Barcis e di Ravedis erano al livello massimo, per cui fu mo dal punto di vista climatico, con temperature molto necessario scaricare verso la pianura, attraverso i canali 12 buone e poca piovosità così che è stato possibile ef- d’irrigazione, una gran quantità d’acqua, perciò i fiumi nor- fettuare tutte le lavorazioni agronomiche (arature, semi- malmente alimentati solo dalle risorgive, ingrossarono. ne, conversione dei vigneti) in modo preciso e ordinato. La Rupa, che solitamente per noi è ininfluente, nei pressi di Per prima si è conclusa la semina della patata e subito San Lorenzo esondò e per una ragione di quote e dislivelli, dopo quella del mais, entrambi già in germogliamento in l’acqua prese la comoda via delle strade campestri che maniera soddisfacente. collegano loro a noi, trasformandole in canali. Alle diciot- Ora si sta attendendo solo la pioggia per la buona riusci- to su via Fontanive in assonanza con il proprio nome, (luo- ta delle colture e anche per iniziare la semina della soia; go delle fontane) per tutta la sua larghezza, viaggiavano l’anticiclone di origine africana che staziona sulle nostre a velocità sostenuta, una trentina di centimetri d’acqua. regioni si sta protraendo ora in maniera che desta qual- Cosa mai vista. Il flusso, incrociando via Favetti non si che preoccupazione per la prolungata assenza di piogge. Per quanto riguarda la vite, abbiamo assistito a un discreto nonché antici- pato risveglio vegetativo; per la scar- sa piovosità tuttavia, i vitigni di pro- secco e pinot grigio messi a dimora nel 2010 e 2011 hanno già richiesto irrigazione, anche per questi sarebbe ora favorevole l’arrivo della pioggia. Sempre per quanto riguarda la vite, nel 2011 continua la tendenza iniziata nel 2010 di dismissione dei vitigni di uve rosse (merlot, cabernet, refo- sco ….) a favore di quelle bianche, in primo luogo prosecco. Ci si domanda se potrà verificarsi una carenza di uve rosse con eventuale risalita dei prezzi di queste ultime. Speriamo che la stagione agricola prosegua nel modo migliore e che gli
    • curava di cedere il passo, ma correva per versarsi nel chiesetta di San Marco loro affidata. Questa fu la quotaCastellana, aumentandone di molto la portata, che già massima raggiunta e nel giro di qualche ora il deflussoera notevole di suo. Qualche scantinato lungo la via mi- fu completo.nacciava d’essere invaso. Fu un record, e ci auguriamo possa resistere per lunghis-Comparivano con la preoccupazione i primi sacchi simi anni. Per la cronaca, in questo frangente mia nonna,di sabbia che sarebbero serviti a tamponare inva- per evitare che affogasse, avrebbe dovuto liberarlo, ilsioni indesiderate. Era iniziata, anche la ronda della maiale.Protezione Civile ad offrire assistenza. Già qualcu-no ricamava sulle cause dello straordinario evento, Francesco Paguraperché ora stiamo diventando specialisti in tutto.Un tempo per lo meno, lo eravamo solo del calcio, conL’Italia che disponeva di sessanta milioni di commissari GAllERIA CIVICA CASTIONStecnici. Per alcuni, la causa risiedeva nella errata proce-dura di pulizia degli alvei iniziata a monte e non conclu- “GRAVIS” 18 DICEMBRE 2010sa. Per altri, dipendeva dalla errata gestione degl’invasi.Imputandola alla tardiva decisione d’abbassarne il livello. 30 GENNAIO 2011Insomma, sempre, come sempre. Forse andrebbe mes-so nel conto, che il tempo, come la salute, fa quel che Gravis. È il titolo e il soggetto di unadeve fare. La natura non sempre è madre, ma talvolta è mostra allestita nella Galleria Civica dimatrigna. Castions a cavallo delle feste natalizie.Il Castellana a Cevraia, che cammin facendo riceve il ge- Tutti gli abitanti della nostra zona, non comunità vivaneroso contributo di altre risorgive e di quanto rifiutato più bambini, conoscono “li gravis”: undai terreni già pregni, s’andava ingrossando. L’acqua ambiente naturale situato a nord deliniziava ad impossessarsi delle parti più basse del mio territorio comunale, si potrebbe dire conorto. Tutto normale, succede spesso durante i temporali il suo centro alla confluenza del fiume Cellina con ildei mesi estivi, da quando l’area a Nord-Est del paese Meduna, due torrenti nati nelle Prealpi pordenonesi enon è più coltivata a prato, con l’erba a fare da rego- divenuti fiumi proprio nell’affacciarsi alla pianura.latore di flusso. Intanto l’acqua si era impossessata di Ma quella del nostro Comune è solo una piccola par-metà dell’orto e continuava a salire. Tanto da stimolare te delle “grave” poiché questo ambiente è caratteristi-la curiosità di quanti si trovavano a passare, ed il ponte co di tutta la zona pedemontana friulana e si può direoffriva loro un osservatorio privilegiato. Con il livello, cre- che è l’inizio della più fertile pianura. Sono caratteriz-sceva la preoccupazione di quanti abitano nei dintorni, zate da un suolo sassoso e spesso arido coperto daanche per i borbottii sinistri uscenti dagli scarichi. Con- vasti prati e innumerevoli boschetti percorsi da infinite 13seguenza del riflusso dell’aria che attraversava i sifoni. scie alluvionali che accompagnano i vasti greti dissemi-Intanto alle venti l’acqua aveva raggiunto la base della nati di sassi dei fiumi che dai monti scendono a valle.stalla. Del radicchio, emergevano qua e la, solo la punta È un ambiente responsabile di un micro-clima che spes-di alcune foglie, simili ad improbabili orecchie di coniglio. so, verso l’estate, provoca degli improvvisi temporaliTanta acqua mai vista, richiamava alla mente racconti an- portatori di venti forti, pioggia e grandine. Per questotichi. I miei raccontavano che una volta, a Domanins, era P.P. Pasolini ha chiamato il Friuli: “terra di temporali ecaduta una nuvola, da quanta era stata la pioggia. (Un primule”.nubifragio con tromba d’aria, che danneggiò il campanile Sono felice, perciò, della scelta di questo tema per unaed alcune case. Per Andrea Bisutti, ci si riferiva all’eventodel 1919). Da qui in poi ci sentivamo al sicuro, contan-do, che le depressioni che accompagnano il corso delCastellana, avrebbero fatto da casse d’espansione natu-rali, per il contenimento del livello. In più, i precedenti cierano favorevoli.Infatti mi raccontarono, che negli anni trenta, mia nonnaGusta (Augusta), trovandosi in una situazione simile, con-sigliandosi con suo marito, ebbe a dire. “Se dîtu Chêcuchi vini di molà il pursit?” (Che dici Francesco, che sia ilcaso di liberare il maiale dal porcile?). L’acqua crebbee alle ventuno giunse fino metà del cortile, tanto che unrigagnolo proveniente da via Camposanto, in gran partesommersa, si congiungeva a quella statica, li arrivata.Da noi, sfiorò la soglia della stalla, ma altri miei vicini,penalizzati dal livello ne subirono chi dieci chi venti cen-timetri. Stessa sorte toccò alla chiesetta di San Marcoche ne ricevette venticinque centimetri. Il giorno dopo,ci fu un gran manovrar di scope e strofinacci, per ricac-ciare oltre la soglia il limo che l’intrusa aveva depositato.Fu anche la ragione per cui, Marisa ed Elio Borean finiro-no immortalati sul giornale, mentre erano all’opera nella Fienaggione sui Magredi - Elio Ciol 1963
    • collettiva ed ancor più per la bellezza delle opere rac- È iniziata con il “Va pensiero” eseguito dall’orchestra di 5 colte ed esposte (più di 40). Inoltre il tema vincolante ha elementi più un cantante, la manifestazione di apertura evidenziato, oltre alla diversità degli stili pittorici, altre della mostra dedicata ai 150 anni dell’Italia. Sono forme di espressione propria di ciascun artista. Abbiamo quindi seguiti i brevi discorsi di presentazione dell’asses- potuto così apprezzare il figurativo e l’astratto, la foto e sore Lindo Pagura, del curatore della mostra Giuliano l’incisione, il mosaico e l’installazione. Di fronte a queste Martin e del Sindaco, ascoltati con interesse da un buon varietà espressive noi possiamo sentire quelle più vicine numero di presenze convenute da tutto il territorio co- al nostro piacere e quelle più lontane. munale. Il taglio del nastro da parte di Cristina Li Gotti, Dopo aver ammirato ed apprezzato le opere esposte che ha avuto un trisavolo nelle file dei Garibaldini, è stato sono rimasto colpito nella mia affettività da due foto che un altro momento significativo (oltre che di sorpresa), entrambe hanno risvegliato in me ricordi d’infanzia: nel- prima della conclusione della manifestazione. Gli allievi la prima mi sono riconosciuto in mezzo a quelle inter- della Scuola di musica bandistica hanno poi suonato minabili file di covoni di fieno, allorché ancora bambino l’Inno di Mameli, cantato da tutti i presenti, nonostante e poi adolescente accompagnavo la mamma e gli zii a una pioggia fastidiosa disturbasse non poco la serata. “far fieno” in quegli immensi prati, ricordando il grande Una breve visita all’interno della mostra che raccoglie rastrellone a ruote trainato dalla “mussa” di Duriti (Isi- un gran numero di documenti, oggetti, foto e opere doro) e della moglie Gigia (Luigia) due persone anziane d’arte, è servito a farsi un’idea di massima sul conte- simpaticissime; nella seconda foto con il gelso in primo nuto, e farci decidere di tornare in un altro momento piano, spogliato dei suoi rami freschi così come faceva per visitare con calma questa bella mostra, data anche la mamma per procurare il mangiare ai bachi da seta. l’occasione unica di poter vedere molti documenti e ci- Questi miei ricordi a dimostrare che l’arte può colpire meli provenienti da raccolte private. Molto gradito infine,comunità viva nell’immaginazione e negli affetti, destando vive emozio- l’omaggio alle donne presenti, di due rose: una bianca ni che ci fanno sentire ancora più vivi e protagonisti del ed una rossa che, insieme al verde delle foglie, formava- nostro quotidiano. no simbolicamente il Tricolore. Per poter godere di questo piacere e queste emozioni abbiamo un unico impegno: partecipare alla presenta- Renato Nonis zione di queste mostre e andarle a visitare con calma secondo gli orari stabiliti, firmando la nostra presenza sul quadernone. STORIA DI UN QUADRO ... L’ingresso è gratuito ma queste firme sono importanti come il pagamento di un biglietto: le gallerie come la E DI UN AMICO nostra possono continuare ad operare grazie al numero 14 di chi le frequenta. La mostra “GRAVIS” e la seguente pubblicazione Sarebbe un peccato perdere questa opportunità. Rinno- dell’ottavo volume dei quaderni Zoppolani d’Arte hanno vo, quindi l’invito a tutti i lettori di questo bel Giornale come immagine di copertina un quadro di mia proprietà parrocchiale a partecipare alle mostre d’arte presenti e ed eseguito dal mio compianto amico Duilio Ius. future. Questa manifestazione mi ha dato l’occasione di ripensare alla storia di questo quadro e alla mia amicizia Per il Circolo Culturale, Giorgio Rosin – gennaio 2011 con un personaggio che ha decisamente lasciato la sua impronta nell’attivo movimento artistico del nostro paese. GAllERIA CIVICA CASTIONS - 25 Aprile 1945 ... comincia tutto con la fine della seconda guerra mondiale. La storia italiana recente non “150° DEll’UNITÁ D’ITAlIA” aveva mai subìto un trauma così grande, il caos e la crisi regnavano nelle menti e nelle vite di ognuno di noi; 17 MARZO – 1° MAGGIO 2011 avevamo vinto o perso la guerra? I negozi erano vuoti, mancava tutto persino il sale! L’unica consolazione era che la guerra era finita e noi giovani avevamo una grande voglia di ricominciare. Io avevo appena compiuto 16 anni, quando con un gruppo di amici cominciammo a frequentare la sartoria di Peppino Bortolussi, inizialmente solo il sabato sera poi piano piano diventò il nostro ritrovo serale. Dunque, io (Battista Ornella), Peppino Bortolussi, Giovanni Martin, Gianni Lenarduzzi, Mario Ius (fratello maggiore di Duilio) e Duilio stesso detto “Nini” formavamo un gruppo unito e
    • particolarmente allegro. Quando eravamo tutti riuniti le Gravisbattute uscivano a turno spontaneamente così numeroseda farci venire il mal di pancia dalle risate e ricordoDuilio sempre con il fazzoletto in mano per asciugarsi lelacrime agli occhi.Poi cominciammo a portare alle nostre riunioni... unsalame, un boccale di vino (ovviamente di nascosto dallenostre famiglia)... invitammo qualche ragazzina alle qualioffrivamo biscotti, aranciata e acqua minerale frizzante(fatta con le bustine) con la promessa che le avremmoriportate a casa per le 10 magari sul bastone dellabicicletta. Duilio oltre alla passione della pittura era moltobravo a suonare la fisarmonica e così allietava le nostrefesticciole che proseguirono per parecchio tempo.Passarono gli anni e si cominciò a vedere qualchemovimento nell’economia, ma le paghe erano ancoramolto basse e così cominciò l’emigrazione. Io andai inSvizzera a fare il muratore, Mario in Nuova Caledonia Quaderni Zoppolani d’Artea cercare una vita migliore. Dopo qualche anno aprì Volume Ottavola Ceramica Scala (ora Ideal Standard) e alcuni di noitrovarono lavoro lì. Duilio finì la scuola all’Accademia soldi da mille lire e cominciò a dividerli in mazzetti da comunità vivaartistica di Venezia, e divenne professore di Educazione 10, sorridendo commentò che qualcuna era mutilata,artistica. mancava un pezzetto, qualcuna era appena uscitaNel 1960 rientrai in Italia e aprii una piccola impresa dall’ospedale con il cerotto, ma del resto era normale inedile artigiana, l’economia cominciò a correre tanto che fondo era appena finita la guerra! Volle pagarmi il lavoroper quel periodo si parlò di miracolò economico italiano. dello studio anche se io non volevo e mi regalò il quadroDuilio mi chiamò per ristrutturare la sua casa in Borgo del Cellina. Sapeva che mi piaceva molto ed era unaSaccons e una sera quando eravamo quasi al termine delle sue creazioni più importanti, premiato varie volte,dei lavori mi chiamò per farmi vedere una cosa. Mi portò da più giurie. Mi diede anche un documento, una criticain soffitta, al terzo piano, su di una scala a pioli attraverso di quattro pagine in cui si paragonava il suo stile “rurale”una botola quasi impraticabile. E in quel luogo un po’ ad un famoso pittore bolognese del 1700, in particolarediroccato mi disse che voleva fare il suo studio di pittura per i tocchi di colore rosso così sapientemente distribuiti.prendendo la luce solare dal tetto. Dissi che si poteva E’ stato un gesto generoso e importante per me e potei 15fare, anche subito ma lui obiettò che non aveva più soltanto ringraziarlo a parole.denaro perché aveva investito tutto nella ristrutturazione Qualche tempo dopo mi portò un altro suo dipinto, chedell’appartamento. Ma gli amici servono a questo; gli chiamava il “quadro verde” che riproduce un paesaggioassicurai che il materiale necessario era minimo e che rurale notturno con un meraviglioso gioco di ombre eper la manodopera ci avrei pensato io, senza operai nelle chiaro scuri che solo lui sapeva fare e che mi avevaore dopo il lavoro visto che la bella stagione ci regalava insegnato ad apprezzare. Gli dissi che non c’erano piùlunghe giornate. Era molto felice, ed ebbe il suo nuovo conti in sospeso tra noi e anche lui ne fu soddisfatto.studio esattamente come lo desiderava. Purtroppo il destino di Duilio non è statoE in quello studio andai molte volte a trovarlo e a molto benevolo, se ne è andato alla soglia deivedere i suoi quadri. Un giorno gli chiesi: “Duilio come cinquant’anni e chissà dove sarebbe arrivato con il suosi guarda un quadro?” Lui mi guardò un po’ stupito poi talento e la sua passione!mi insegnò. “Devi metterti davanti al quadro, braccio Spesso quando si confidava con me mi diceva chealzato, pugno chiuso e pollice verso l’alto a coprire più gli anni passavano più scopriva la profondità eparte del quadro. Devi sezionare il quadro in più parti e la grandezza dell’arte che non finiva mai di studiare.poi soffermarti su ciascuna e vedere la profondità della Mi rimangono due quadri di immenso valore affettivopittura, la delicatezza delle ombre che si sovrappongono che ho sempre custodito con riservatezza e un po’ die l’armonia del colore...”. gelosia, come tutte le cose speciali che ci appartengono.Mi spiegò che secondo lui Picasso era il più famoso Ringrazio il mio caro amico Sergio Colautti, un bravopittore contemporaneo perché era un genio delle pittore con il quale abbiamo recentemente collaboratodimensioni, i suoi quadri si dovevano guardare da per l’opera esposta sulla facciata della chiesetta ditutti gli angoli, di fronte, da sotto, da sopra, di lato. S.Marco, che ha riscoperto questo mio quadro e insiemeUn giorno mi invitò nel suo studio per vedere due nuovi all’assessore alla Cultura Lindo Pagura e al Sig. Paoloquadri, ero lusingato dal suo invito e dal tempo che il Paron lo hanno messo al centro della mostra “Gravis”Professore mi dedicava, lui era veramente un tipo unico presso la Galleria Civica di Castions e in copertina ai... e anche molto simpatico, anche le cose più serie Quaderni d’arte zoppolani. Grazie a tutti.erano sempre prese con umorismo.Una volta venne a casa mia e cominciò con uno Giovanni Battista Ornella - gennaio 2011strano discorso “sai c’è gente che ha tanti ma tantisoldi, a pacchi così alti che fa fatica a contarli, ... oggisono anche io come loro ...” e tirò fuori un pacco di
    • CHIESA DI S. MARCO lA MADONNA DEllA SAlUTE In occasione dell’esposizione della nuova opera sulla facciata della chiesetta di S.Marco, mi sono state poste molte domande, in particolare da paesani e da chi a borgo S. Marco ci vive da generazioni. Queste persone ricordano una leggenda sull’immagine della Madonna della Salute contenuta in chiesa. Mi piace quindi raccontarvi ciò che conosco e come nasce questo dipinto. La storia racconta che nel ‘400 un’inondazione lasciò impigliato in una radice un dipinto di una bella madonna con bambino. In onore dì questo evento che a foglio disposte a spina di pesce che ricordano le molti ritennero miracoloso, venne eretto un piccolo costruzioni di Assisi e raccontai che la bella immagine capitello e l’immagine venne venerata per molto tempo della madonna che si trova in chiesa sopra il quadro di ritenendo che proteggesse gli abitanti dalle potenti S. Marco è probabilmente una copia di quella Madonna epidemie che colpirono in quel periodo. Purtroppo non della Salute di cui racconta la leggenda. L’ingegnere mi esistono documenti storici che provino questo evento, confermò che il 90% dei capitelli e delle chiese hanno si tratta quindi di una piccola leggenda che molti di noi una loro piccola storia da raccontare, la maggior partecomunità viva ancora conoscono. delle quali non ha conferme documentali ma si basa su La storia di questo dipinto nasce non oggi, ma già nel racconti e leggende. 1975 quando la mia impresa edile venne chiamata Dopo questo incontro decisi di condividere la mia da Don Dino Pavan e dal Consiglio parrocchiale per piccola scoperta con l’amico e artista Sergio Colautti, restaurare urgentemente la chiesetta di S.Marco. Il il quale prendendo spunto dall’immagine, produsse momento non era particolarmente propizio, c’era con entusiasmo, decine di bozze in scala ridotta. Con molto lavoro e pochi soldi, ma il tetto e i muri stavano l’approvazione del Gruppo S. Marco e della Parrocchia cedendo e così ci dedicammo a questo lavoro ne approvammo uno, a mio parere molto bello ed sostenendo il progetto in economia anche utilizzando evocativo, che ora vedete esposto sulla facciata della materiale (travi, coppi e mattoni) recuperato dalla nostra chiesa. demolizione di altri edifici. La chiesa era chiusa al L’opera è eseguita su compensato marino a foglio 16 pubblico da parecchi anni, la facciata nord era crollata unico di 2 cm che non teme l’umidità e protetta fino a metà e una pianta di fico selvatico aveva preso da vernici speciali; è fissata all’esterno da squadrette dimora all’interno. Lavorando sul tetto trovammo di facile applicazione ed eventuale rimozione. poi nidi di vari animali e facemmo anche un incontro Ci auguriamo che sia gradita ai parrocchiani e che ravvicinato con una faina con i suoi piccoli. Questo rimanga a lungo in memoria dell’antica leggenda che aneddoto per farvi comprendere le condizioni di questa chiesa ci ricorda. degrado in cui versava la chiesa. Stavo quindi togliendo del vecchio intonaco sulla Giovanni Battista Ornella – aprile 2010 facciata frontale quando sentii che il muro suonava vuoto. Abbattei quindi la sottile paretina e ne uscì una nicchia a forma dì mezza luna sulla quale si notava un ANNIVERSARIO vecchio e pallido dipinto di una madonna con bambino. Cercai di pulirla delicatamente con acqua e pennello DEllA BATTAGlIA ma non ottenni nulla. L’immagine era molto sbiadita e poco definita ma mi ricordò la leggenda che si DI NIkOlAjEwkA raccontava sulla madonna della Salute. Non c’erano ne tempo ne fondi per occuparsene. Decisi così di Come già da molti anni, domenica ricoprirla e non parlarne con nessuno, ma scrissi la 23 gennaio 2011, centinaia di data sull’intonaco fresco. Durante i recenti lavori al alpini si sono ritrovati al Villaggio muro di recinzione in sasso eseguiti in collaborazione del Fanciullo di Pordenone per con il gruppo alpini di Castions e Valvasone, ho avuto celebrare il 68mo anniversario della battaglia di occasione di conoscere e accompagnare in chiesa Nikolajewka durante il tragico ripiegamento dal fronte l’ing. Dell’Anna, sovraintendente dell’arte sacra delle russo ed il ritorno in patria di chi vi è riuscito. chiese, che era interessato a scoprire l’esistenza di Quest’anno la cerimonia è stata ancora più triste un piccolo capitello del ‘400. Entrato nella piccola perché legata alla recente morte degli Alpini della Julia, sacrestia notò nei quattro angoli degli antichi capitelli Matteo Miotto e Luca Sanna caduti in Afghanistan. Le che gli confermarono che quello era il luogo da lui cerimonie di noi Alpini rivolte al passato vorrebbero cercato. Mi presentai: sono Battista Ornella l’artigiano essere un monito contro le guerre nel mondo; che ha curato il recupero della chiesa nel 1975. Gli purtroppo ci stiamo accorgendo che ogni anno si feci notare alcuni particolari architettonici come ad accendono focolai di guerra in parecchi luoghi della esempio il soffitto della canonica costruito di mattonelle nostra terra e spesso sempre più atroci.
    • Un gruppo di noi Alpini (Renzo, Egidio, Tonino, Luigi, l’ASSOCIAZIONE “lA PIAZZA”Alfio, Giorgio, Renato) ha accompagnato l’amico AlfredoBorean a questa cerimonia che lo vede protagonista CAMBIA PRESIDENTEessendo anche lui un “reduce” di quella tremendaesperienza vissuta durante l’inverno 1942/43 in terra Intervista a quattro manidi Russia. tra il Presidente uscenteQuest’anno la cerimonia si è per noi impreziosita della Massimiliano Zamuner epresenza di Andrea Tedesco, figlio del socio Silvano al la neo eletta Elisa Pasutquale, durante la solenne cerimonia, è stata consegnatauna borsa di studio per studenti universitari, quale Elisa Pasut: Allora Max, eccoci qui, a conclusione delpremio per gli ottimi risultati scolastici, dedicata alla tuo mandato. Come sono stati questi anni da Presidente?memoria del compianto Presidente sezionale Mario massimiliano Zamuner: Riuscire a spiegare quelloCandotti, anch’egli ufficiale alpino reduce di Russia. che si prova in poche righe è sicuramente difficile.Andrea era accompagnato dalla famiglia: il papà Posso dire che è stato un impegno importante, aSilvano, mamma Vanda, il fratello Marco, che poi volte molto faticoso, ma sicuramente bellissimo esi sono fermati a pranzo con noi al Villaggio e che stimolante. Coordinare così tante persone per finihanno contribuito a rendere più vivace il momento di volontariato richiede tempo e dedizione ma da’conviviale. Al bravo Andrea quindi gli Auguri di una un’enorme soddisfazione quando arrivano i risultati, edbuona prosecuzione degli studi da tutto il Gruppo i risultati mi sembra siano arrivatiti.alpini, mentre ad Alfredo diciamo con piacere: “alla E: Beh, finisce la tua carica di Presidente ma non il tuoprossima!” impegno da consigliere. comunità viva m: Infatti!! Staccarsi definitivamente da una cosa in cui si crede così tanto non è possibile, la “Piazza” per chi la provata, per chi ha contribuito a costruirla e renderla un’associazione sempre giovane, ti resta dentro, anche perché ci ha riempito dei vuoti sociali, poi organizzare e lavorare in sagra ci ha aiutato a crescere ed interagire con 17 persone di età differente. Quindi questa Associazione, quello che rappresenta, è un ideale che deve essere trasmesso alle generazioni future per dare continuità agli intenti iniziati molto tempo fa. E: Il Presidente ha un ruolo molto importante in questo, vero? m: Il Presidente è unaIl momento della premiazione di Andrea, con la presenza persona che principalmente deve credere nei valorifra gli altri, della Sig.ra Zora Candotti e del Presidente aggregativi dell’Associazione, coinvolgere il gruppo,della Sezione di Pordenone Giovanni Gasparet. e possibilmente avere le spalle larghe, perché si sa’, le critiche, e gli inconvenienti, sono sempre dietro Per il Gruppo alpini Giorgio Rosin l’angolo… Castions, febbraio 2011 E: Confortante direi visto cha la sottoscritta è alta poco più di 1 metro e 50!!!! m: Ovviamente il lavoro del Presidente deve essere supportato da un buon gruppo di lavoro. Sicuramente sarai la portavoce, ma le difficoltà si affrontano tutti insieme. Ti senti pronta? E: Mi verrebbe da dirti che sono nata pronta, ma in realtà mi sto’ rendendo conto che gli impegni, ma soprattutto le aspettative sono molte… per fortuna durante gli anni passati in consiglio ho avuto dei buoni maestri!!! m: In effetti, sono anni che collaboriamo in consiglio e ovviamente continueremo a farlo. Sono fiducioso che questo cambiamento possa portare linfa nuova e
    • nuove idee. E poi è il primo anno che c’è un Presidente donna… È in piazza e ora più nessun capello perde E: Ma il detto non era chi dice donna dice danno??? per curarsi usa ogni erba verde. A parte gli scherzi, ovviamente sono onorata di È tanto amato da noi nipotini ricoprire questo ruolo. Come hai detto bene tu non la Cristina col rossetto gli fa lo stampo dei bacini. vi è un vero presidente se alle spalle non vi è un bel gruppo, unito e compatto, che lavora per ottenere dei “Orco!” esclama quando è irascibile, risultati. Anche perché l’associazione “La Piazza” non è solo festeggiamenti al Parco Burgos, vero? ma ha un rimedio infallibile… m: Certamente! Gli impegni sono molti di più, si Se sei triste, sei pieno di rabbia lavora 365 giorni l’anno tra la gestione del parco e Il nonno proclama: “Lasa perder, sùbia!” l’organizzazione di altri eventi, come ad esempio il pic- nic paesano o la collaborazione con iniziative di altre L’orto è la sua grande passione, Associazioni. con perizia e dedizione, coltiva ortaggi per ogni stagione. E: Un impegno costante a tutto tondo, che richiede Cappellino, vanga e concime l’aiuto e il supporto di tutti, soprattutto dello stesso Ecco il nonno a pieno regime! paese che in questi anni si è sempre dimostrato generoso e partecipe. Ovunque passa un solco lascia m: Infatti! Ogni manifestazione promossa ha avuto un Da Borgomeduna a Maniagolibero e poi a Fossalta buon seguito. Possiamo ritenerci molto soddisfatti e l’obiettivo è fare ancor meglio. La piantagione si è estesa a perdifiato E: Condivido! Possiamo e dobbiamo migliorarci e E ora a Castions, il suo territorio ha già picchettato. chiedere a noi stessi sempre qualcosa di più!comunità viva Sarà un anno intenso, non ho dubbi, ma anche se La sostanza delle cose per lui è al primo posto, la strada sarà lunga confido che dando il massimo poche parole proferisce ad alto costo! potremo ottenere un ottimo risultato, non trovi? “… Capisi Tu?” dici sempre il nostro, m: La voglia c’è, i nuovi stimoli pure… ora tocca al e questo perché il nonno è uno tosto! nuovo Presidente affilare le unghie… E: In quanto donna credo che non mi sarà difficile Noi nipoti e familiari siamo sempre nel suo cuore essere agguerrita, il resto invece lo affronterò in corso Per noi è il miglior vincitore! d’opera con l’intenzione di non deludere le aspettative E anche se lui non è un oratore perfetto e continuare il buon lavoro svolto fino ad ora! m: In bocca al lupo allora! Di certo conosciamo il suo grande affetto! E: Crepi! “Sono a novanta e non mi posso lamentare, 18 e ora a cento ed oltre voglio arrivare!” Questo proposito noi tutti sosteniamo I PRIMI 90 ANNI DI GINO E a lui un forte applauso facciamo! “NONNO SOPRAFFINO” I nipoti: Cristina, Sara, Alessandro, Marco Appena passati Natale e Capodanno Eccoci qui riuniti per il primo grande evento di quest’anno. Oggi 90 anni compie il nostri mitico Gino, che più passano gli anni e più diventa carino. Da giovane al coro di San Marco prestava la voce Esibendo davanti tutta Pordenone questa sua gran dote! Ma le soavi note non solo in chiesa si fermavano, dato che fischiettando poi in casa si propagavano! Con il cibo non va tanto per il sottile Può mangiare anche la pasta senza sale Chiede poco di pasticcio sugoso Ma di dolci è moooooolto goloso! Ogni portata mette in un solo piatto “Menestrina”, scaloppine e lingue di gatto Alle parole “Ma papà te dago un piato sut!” Risponde: “In tel stomego se misia tut!” La sua vita è un lungo viaggio Il nostro nonno è molto saggio Come Noè che costruì l’arca È considerato Gran Patriarca.
    • DAVIDE: lA FORZA DIEMERGERE!! Se avete passeggiato per il nostro centro di Castions nel periodo pasquale e vi era capitato di incrociarlo non dovevate stupirvi più di tanto, il cestista infatti appena possibile torna volentieri nel suo paese natale a far visita ad amici e familiari, approfittando dellepause concesse dal calendario. In quel periodo, il terzo I “Piccoli Amici” al Torneo di Sedegliano il 17 aprile scorso.campionato a livello nazionale (serie A Dilettanti) è statofermo, per concedere alle squadre di riposarsi in vistadella seconda fase, che per molte società rappresenterà il settore giovanile del Real Castellana. Con il gruppo deiil punto di non ritorno. Lui è Davide bozzetto, pivot “piccoli amici” composto da 22 bambini, siamo partitidi 207cm, che sta sgomitando a Siena, nelle file della a settembre con l’entrata di nuovi compagni, che siConsum.it Virtus, per lasciare un segno in questa sua sono inseriti subito e bene nel gruppo. In questo anno comunità vivaprima esperienza come giocatore professionista. calcistico abbiamo raccolto molte soddisfazioni sia nel periodo autunnale che in quello primaverile; si è notataLa sua faccia pulita, la sua prestanza ed energia, la sua una buona crescita del gruppo in chiave tecnica, maschietta professionalità e scioltezza nelle risposte ne soprattutto per il senso di unione e consolidamento.fanno un giocatore di quelli che tanto piacciono ai vari La squadra esordienti impegnata in questa stagione,coach professionisti, con tante motivazioni, voglia di composta da 16 bambini, ha dato ottimi risultatigiocare e di emergere: un gran lavoratore. confrontandosi con squadre di buon livello ottenendo“Voglio guadagnarmi i miei minuti, i miei spazi, delle belle prestazioni. Durante l’anno tutti gli addetti aipartita dopo partita; quella di andare a Siena è lavori si sono impegnati molto, dai ragazzi, ai mister,stata una scelta immediata non appena è arrivata agli accompagnatori, ai dirigenti e ai bravi genitori che cila proposta”. hanno sempre seguito e sostenuto con tanta passione 19Parlare con Davide di questa sua bellissima esperienza e questo non è poco. Un ottimo lavoro di gruppo chee racchiuderla in poche parole è quasi impossibile. “DaPordenone a Siena, dalla serie C alla A Dilettantisicuramente il salto è grande, ma ho fortimotivazioni, ho la possibilità di aumentare il miobagaglio e di iniziare un nuovo percorso, vogliomigliorarmi, giocare bene ed aiutare la squadraal massimo delle mie possibilità, dando sempre ilmeglio di me stesso!”Siamo sicuri che Davide non lascerà niente di intentato percercare di emergere in questo mondo professionistico,sicuramente cercherà di ricalcare le gesta di un altroragazzo che, come lui, è uscito dalle giovanili del basketzoppolano, quel Martin Colussi che ora milita in serie Ain quel di Caserta e che sta disputando un eccellentecampionato, coppe europee comprese!Veramente difficile, invece, è trovare le parole giuste perdescrivere il clima che si respira in casa Bozzetto ogniweek-end prima, durante e dopo le varie partite.......! ha fatto si che, alla fine lo sforzo ha premiato, vedendo Massimo Ius degli ottimi risultati. Un grazie quindi alla società e alle persone che ci permettono di fare tutto questo. L’augurio a tutto il settore è quello di proseguire conA.S.D. REAl CASTEllANA questo giusto spirito di gruppo. Forza Real! P.s.: Ricordiamo che dal prossimo mese di luglio siSETTORE GIOVANIlE aprono le iscrizioni per i nati dal 1999 al 2006.Siamo arrivati al mese di maggio, un mese che conclude per la Real Castellana Ezio Tonizzotante attività per i nostri ragazzi e noi ci accingiamo achiudere una stagione calcistica molto positiva per tutto
    • FOGOlAR FURlANcomunità viva Un bel gruppo di soci e simpatizzanti del Fogolar Furlan di San Gallo (Svizzera), nell’occasione della gita in Friuli del 25 aprile scorso, ha dedicato qualche ora anche alla scoperta del nostro paese; in particolare hanno potuto visitare la Distilleria ed assaporare le gustose pietanze preparate presso la locanda da Bruno per un pranzo in compagnia del Sindaco, di don Ugo ed altri amici del paese. 20 STORIE DI EMIGRANTI “Non fare gran caso se uno è per te o contro di te Capita spesso di parlare con gente di Castions e di ricondursi a fatti o volti di ma preoccupati piuttosto persone che nel secolo scorso sono emigrati alla ricerca che Dio sia con te di migliori opportunità e con l’intento di trovare un lavoro in tutto quel che fai” che nelle nostre zone non era così semplice trovare. Per queste persone il legame con Castions si è mantenuto (Dalle imitazioni di Cristo) forte, vuoi per i parenti e gli amici che erano rimasti o per le emozioni ed i ricordi indissolubili che hanno lasciato, tanto che anche per le successive generazioni è rimasto tale. Preghiera della serenità L’associazione ACastions vorrebbe raccogliere queste “Dio donaci la forza di storie per poterle raccontare e capire meglio la storia e le storie dei personaggi del nostro paese. Quindi se accettare con serenità anche tu conosci direttamente o indirettamente qualcuno le cose che non possono essere dei tanti emigranti originari di Castions, raccogli i suoi cambiate, racconti o invitalo ad mandarceli, magari anche con qualche bella foto d’epoca. il coraggio di cambiare le cose Per informazioni: www.acastions.it oppure inviaci una che vanno cambiate, email a: info@acastions.it. e la saggezza di distinguere le   Per A.Castions Domenico Corazza une dalle altre” (Anonimo)
    • NOTE DEllA REDAZIONE NUOVO SErVIZIO VIA COmPUtEr COrrEttA NUmErAZIONE DI “COmUNItÀ Chi volesse ricevere “Comunità viva” in formato VIVA” elettronico (PDF) sulla propria casella di posta elettronica, è pregato di farne richiesta fornendo il Informiamo che con questa edizione, riprendiamo proprio indirizzo al: la corretta numerazione del bollettino (131) al fine di superare alcuni errori degli anni precedenti. Parroco don Ugo Gaspardo, tel. 0434 97241, email: parrocchiacastions2011@gmail.com Informiamo inoltre che è già possibile leggere “Comunità viva” visitando il sito: www.acastions.itCRONACA IN BRICIOlEOttObrE 2010 comunità vivaDomenica 17 Celebrazione dell’Eucarestia nella Scuola dell’infanzia “Favetti” per l’inaugurazione e benedizionedell’ampliamento della Materna e restauro Nido e Primavera. Presiede la liturgia Mons. Fermo Querin delegatodel vescovo. Concelebrano don Giuseppe e don Ugo.NOVEmbrEVenerdì 12 in seminario viene ufficialmente costituita l’Associazione “Amici del Cardinale Celso Costantini” con loscopo di per realizzare programmi tesi a mantenere vivi la figura e il messaggio dell’illustre compaesano.Domenica 28 festa di Sant’Andrea patrono di Castions: riuscitissimo concerto del Coro parrocchiale al terminedella celebrazione eucaristica e poi pranzo e spettacolo della compagnia “Molino Rosenkranz” dal titolo “Storiea Sant’Andrea”.GENNAIO. 21Bravi e valorosi alcuni “equilibristi” della nostra comunità hanno sostituito alcune vetrate danneggiate dellanostra bella chiesa. Inoltre hanno approfittato delle impalcature disponibili e hanno tolto la polvere e lo sporcosicuramente accumulato da un po’ di tempo sopra i cornicioni alti tutt’intorno all’interno della chiesa. Grazie aivolenterosi.Si ringrazia pure l’Associazione “IL CORDON” per aver elettrificato a proprie spese il cancello del centro SanGiacomo. Grazie anche a loro.FEbbrAIO 2011Lunedì 7 iniziano gli incontri per i giovani delle superiori “LiberaMente”. L’invito è accompagnato da questeparole: “Se vuoi far sentire la tua voce, o semplicemente se ti va di ascoltare, se cerchi qualcosa o vuoi iniziarea cercare...”Domenica 27 gita sulla neve al Palaghiaccio di Claut con i ragazzi della parrocchia.mArZOSabato 5 marzo Festa di Carnevale con giochi e sfilata per il paese.
    • Giovedì 17 marzo in chiesa lettura continuata del vangelo di Matteo. il Coro Parrocchiale accompagna la lettura con alcuni brani corali. Lunedì 28 marzo con l’intervento di Don Chino Biscontin si concludono gli incontri per genitori e adulti sul tema: “Educarci ed Educare alla fede”. APrILE Domenica 3 aprile presso il duomo di San Marco di Pordenone celebrazione eucaristica di ringraziamento e di saluto a S. E. Mons. Ovidio Poletto che conclude il suo ministero pastorale di undici anni nella nostra diocesi. E’ stato un momento molto commovente. Domenica 10 aprile presso il duomo di San Marco di Pordenone celebrazione eucaristica di ingresso e benvenuto a S. E. Mons. Giuseppe Pellegrini nuovo pastore della nostra diocesi. Celebrazione molto partecipata e festosa. Sabato 23 durante la veglia pasquale sono stati battezzati ben quattro bambini della nostra comunità. E’ stata restaurata e ridorata la porticina del Tabernacolo dell’Altar Maggiore della nostra chiesa a causa della rottura della serratura interna. Sono stati raccolti 778 euro. Ne sono stati spesi per il restauro 400 euro. I soldi rimasti sono serviti per la ri-doratura di una pisside che ne aveva bisogno, con la spesa di 150 euro. Grazie per la vostra generosità.comunità viva 22 Turibolo restaurato della Chiesa di mAGGIO San Marco. Domenica 29 maggio festa di Prima Comunione per 26 bambini della nostra comunità. Anche quest’anno durante il mese di maggio ci siamo incontrati in alcune famiglie della comunità per recitare il Rosario. C’è stata una bella partecipazione. Un sentito ringraziamento alle famiglie che hanno “aperto” le loro case e i loro cortili per la preghiera del Rosario. Molte persone alla chiusura del mese di maggio presso la Madonnina. Presenti anche numerosi bambini tra i quali coloro che avevano da poco celebrato la Prima Comunione. GIUGNO Domenica 5 giugno abbiamo chiuso solennemente l’anno catechistico. Ogni classe ha voluto dire “GRAZIE” al Signore con una parola, scritta nei petali di un fiore gigante preparato in chiesa, e con una preghiera di ringraziamento letta al microfono.
    • NEOlAUREATICHIArA mArCOCCHIO in “Scienze Infermieristiche” il 1 dicembre 2010.LAUrA PIZZAtO di Roberto e Marina Sartori in: “Grafica editoriale e comunicazione visiva”, presso l’IstitutoSuperiore per le Industrie Artistiche di Urbino.VANESSA mONEStIEr vittorino e nardin ivana in: “Sociologia per il territorio e lo sviluppo”, presso l’Universitàdi Trieste, il 31 marzo 2011.LUANA PAGUrA di Vittorio e Luigina Brun in: “Lingue e letteratura straniere”, presso l’Università di Udine, il 30marzo 2011.ZAmUNEr SAmUELE in “Scienze della comunicazione”.Ne diamo notizia con le più vive congratulazioni e un festoso “Hip Hip Urrà!!!”.INVItO: Coloro che desiderano pubblicare alcuni eventi che possono interessare la vita di comunità (es.: matrimonifuori parrocchia, lauree, ecc.) lo facciano presente.CONTABIlITà comunità viva ENtrAtE USCItE Elemosine festive 8.488,45 Culto 5.355,55 Elemosine feriali 2.312,52 Manutenzione 6.384,30 Candele 3.154,06 Stampa 955,60 Stampa 625,75 Spese gestionali 20.102,85 Cevraia (in chiesa) 1.682,85 Imperate 350,00 S. Marco (in chiesa) 1.565,29 Assicurazione 1.778,69 Offerte parrocchia 18.764,31 Attività parrocchiali 5.974,49 Raccolta ferro 1.864,00 Bollettino 2.586,28 Madonnina 413,67 Cancelleria 168,00 Bollettino 1.333,00 Curia 1.047,10 Attività parrocchiali 3.250,00 Solidarietà 4.946,34 Solidarietà 4.946,34 23 tOtALE 50.410,24 tOtALE 49.649,20OFFERTE PARROCCHIANN 1.000, NN 5, NN 10, NN10, i familiari in memoria Cesarin Jole 200, NN 10, pro lezionario S. Marco 50, figlia Marina in me-moria dott. Nico Fortuni 100, battesimo Quattrin Vanessa 50, NN 20, NN 5, NN 10, NN 40, NN 30, Battesimo Samuele 50, ifamiliari in memoria Borean Maria, Casa di Riposo in memoria volontari defunti 70, NN 30, NN 25, pro chiesa S. Marco CannellaLuciano (MI)30, battesimo Diego Moras 50, i familiari in memoria Lucrezia (Lisuta) Pagura 100, i familiari in memoria Ius Fermina250, Pagura Denis 50, benedizione famiglie 20, NN 25, i familiari in memoria Michieli Pancrazio 100, NN 30, NN 30, NN 40, NN25, pro Caritas 15, NN 40, i familiari in memoria Roitero Elena 100, Quattrin Marzia 10, NN 50, NN 100, Real Castellana 50, NN50, NN 45, pro riscaldamento 30, NN 100, NN 30, NN 40, fam. Ius Oreste in memoria Ius Luigi 50, NN 500, NN 50, pro lampadaSantissimo 20, per la Madonna del Rosario 20, Club alcolisti in trattamento 130, per riscaldamento 30, genitori “Favetti” 50, NN50, per riscaldamento 20, NN 20, NN 25, NN 20, I familiari in memoria De Anna Creminio 150, NN 10, NN 5, NN 10, NN 100, NN30, NN 10, NN 50, in memoria De Anna Creminio pro chiesa S. Marco 300, NN 20, NN 40, NN 100, NN 40, NN 50, per nascitaVido Nicole 50, NN 5, NN 20, NN 5, NN 20, I familiari in memoria Pagura Luigia 100, Crivellari Renzo e Isabella 50, i familiari inmemoria Bianchini Valerio 350, NN 100, in memoria Palmira Tedesco 50, i familiari in memoria Ius Adele 600, NN 50 NN 30, NN20, Battesimo 50, 3 Battesimi 200, benedizione famiglie 180, in memoria Ius Achille Dino 50, NN 40, Melissa e Anna 20, NicolaAurora, Giuseppe 20, in memoria Ius Egidio 200, NN 100, in memoria Ornella Luigia 500, genitori Prima Comunione 880, NN 20.PER MANUTENZIONE E DORATURA PORTICINA TABERNACOLONN 100, Bortolussi Giuseppe 50, Ius Massimo 50, Lucia 5, NN 10, Zamuner Patrizia 40, NN 10, NN 50, NN 50, NN 50, NN50, NN 90, NN 20,NN 10, Borean Federico 20, NN 5, Egidio 30, NN 50, Ada 50, NN 20, NN 10, NN 20, NN 20, Olimpia20, NN 20, Lidia 50, NN 50.OFFERTE BOLLETTINONN 20, NN 20, Peruch Giorgio 35, NN 20, NN 80, Marcocchio Franco 50, in memoria Ius Egidio 200.Salvo errori e/o omissioni.
    • DEFUNTI CESARIN BOREAN MARIA PAGURA LUCREZIA MICHIELI PANCRAZIO IUS FERMINA ROITERO ELENA GIUSEPPINA IOLE VED. DALLA TORRE VED. BOREAN (LISUTA) di anni 76 VED. CONS VED. BOREAN di anni 97 di anni 98 di anni 97 il 3 dicembre 2010 di anni 93 di anni 93 il 22 ottobre 2010 il 17 novembre 2010 il 24 novembre 2010 il 10 dicembre 2010 il 27 dicembre 2010 ANAGrAFE PArrOCCHIALE novembre 2010 - maggio 2011 PILOSIO VALENTINA IN DE ANNA CREMINIO SARTOR MARIA BIANCHINI VALERIO BOREAN (TINA) di anni 89 VED. PAPAIS di anni 82 di anni 65 il 9 febbraio 2011 di anni 91 il 31 marzo 2011 il 5 gennaio 2011 il 4 marzo 2011comunità viva PAGURA LUIGIA TEDESCO PALMIRA IUS MARIA ADELE VED. ORNELLA LUIGIA VED. bAttESImI VED. MICHIELI di anni 94 PAGURA IUS di anni 81 l’8 aprile 2011 di anni 84 di anni 88 il 5 aprile 2011 il 20 aprile 2011 il 18 maggio 2011 QUATTRIN VANESSA di Fabrizio e di Toffoletto Viviana 21 novembre 2010 24 BAGNAROL SAMUELE di Luca e Rosa Gentile 27 novembre 2010 MORAS DIEGO di Luca e di Vaccaro Paola ROSIN ALESSIO di anni 36 8 dicembre 2010 il 5 giugno 2011 PICCIAU ALESSIA di Francesco e di Stara Silvia DEFUNTI FUORI PARROCCHIA 12 dicembre 2010 MALPAGA KAROLA Di Kurt e di Infanti Monica 23 aprile 2011 FANTIN FABIA di Daniele e Francescut Chiara 23 aprile 2011 QUERIN ELIA IUS LUIGI (SIMON) CANTARUTTI AMORINO IUS ACHILLE DINO IUS EGIDIO di Emanuele e di Galvanin Emanuela di anni 79 di anni 90 di anni 90 di anni 73 il 15 dicembre 2010 il 2 gennaio 2011 il 13 maggio 2011 il 16 maggio 2011 23 aprile 2011 in Canada in Canada a Milano a Torre di Pordenone PIGHIN MARIA di Angelo e di Galvanin Michela ANNIVERSARI 23 aprile 2011 ROSSETTO TOMMASO di Gianfranco e di Cocco Anica 8 maggio 2011 D’ANDREA LORENZO di Alessio e di Bonavolta Anna 8 maggio 2011 ROS VLADIMIRO EZIO MARCHI ARIO BIDOLI VITO BRAGATTO il 29 ottobre 2007 il 10 gennaio 2010 GIAN PAOLO di Fabio e di D’Andrea Samantha il 12 marzo 1998 8 maggio 2011