Your SlideShare is downloading. ×
Cima d'Asta 23 e 24 luglio 2011
Cima d'Asta 23 e 24 luglio 2011
Cima d'Asta 23 e 24 luglio 2011
Cima d'Asta 23 e 24 luglio 2011
Upcoming SlideShare
Loading in...5
×

Thanks for flagging this SlideShare!

Oops! An error has occurred.

×
Saving this for later? Get the SlideShare app to save on your phone or tablet. Read anywhere, anytime – even offline.
Text the download link to your phone
Standard text messaging rates apply

Cima d'Asta 23 e 24 luglio 2011

521

Published on

Published in: Travel, Business
0 Comments
0 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

No Downloads
Views
Total Views
521
On Slideshare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
0
Actions
Shares
0
Downloads
1
Comments
0
Likes
0
Embeds 0
No embeds

Report content
Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
No notes for slide

Transcript

  • 1. Sabato 23 e Domenica 24 luglio 2011 Alta via del Granito e Cima D’ asta (m. 2847) - Catena dei LAGORAI con pernottamento al rifugio O. Brentari (m.2476)Programma: Sabato 23 luglio• 8.00 - Partenza in auto da Castions (Piazza M. Toscano) per Conegliano, Susegana, Pieve di Soligo, Vidor, Feltre, SS47 della Val Sugana. Alcuni km prima di Borgo Valsugana si gira a dx per Strigno, Bieno , Pieve Tesino (Tn). Si imbocca a sx la strada della val Malene fino a malga Sorgazza• 11.30- Arrivo a Malga Sorgazza (m. 1450), parcheggio auto e inizio escursione• 15.30- Arrivo al Rifugio Ottone Brentari (m. 2473), escursione nei dintorni del rifugio, cena e pernottamento Domenica 24 luglio• - Colazione• 7.00 - Inizio salita alla Cima D’ Asta (m. 2847) (FACOLTATIVA)• 9.00 - Arrivo in vetta alla Cima D’ Asta• 11.00 - Rientro al Rifugio Brentari e pranzo al sacco• 12.00 - Inizio percorso di rientro verso malga Sorgazza (sentieri 375, 380b e 380) per il p.sso Socede, forcella Magna, stazione a valle della teleferica, malga Sorgazza• 16.00- Arrivo al parcheggio di malga Sorgazza• 20.00- Rientro a Castions Pranzi e bevande al sacco, ad esclusione della cena e colazione al rifugio per la quale è stata fatta prenotazione (le spese per la cena, il pernottamento e la prima colazione verranno comunicate al momento dell’ adesione). Confermare la propria adesione a: Renato Bertoia 0434 899394; Renato Nonis 0434 574314L’escursione proposta, piuttosto lunga per il dislivello da superare, può essere ridotta evitando la salita del 2° giorno alla Cima D’Asta. Il percorso fino al rifugio Brentari non presenta particolari difficoltà, mentre per la salita alla Cima D’ Asta sononecessari passo sicuro ed esperienza d’ alta montagna.Dislivelli: 1° giorno: salita 1.050 m 2° giorno: salita 450 m per la Cima D’ Asta, discesa 1.500 metriRammentiamo limportanza di un abbigliamento adatto alla montagna e un comportamento corretto nel rispetto dellambiente.La commissione organizzativa, pur adottando ogni precauzione per tutelare l’incolumità dei partecipanti, non potrà assumersialcun tipo di responsabilità per eventuali infortuni che dovessero verificarsi durante lo svolgimento della escursione proposta. Ipartecipanti, con il solo fatto di iscriversi alla gita, esonerano gli organizzatori ed il Capogita da tali responsabilità.Il Rifugio Ottone Brentari: Il rifugio Ottone Brentari- Cima D’Asta è una delle più affascinanti strutturealpine del Trentino orientale. Adagiato ad una quota di2476m sul filo della dorsale che chiude la conca dellospettacolare lago di Cima dAsta, risulta il punto diappoggio ideale per qualsiasi escursione o traversata nelgruppo o per ogni tipo di ascensione alpinistica su CimadAsta, la vetta che domina lintera zona da nord.
  • 2. Descrizione dell’ itinerario da malga Sorgazza al rifugio O. BrentariSi imbocca la strada forestale (segnavia 327) che si inoltra in leggera salita lungo la Val Malene e la sipercorre fino al suo termine nei pressi della stazione a valle della teleferica del rifugio Brentari (1674m - 30 min). Davanti a noi appare lampio Bualon di Cima dAsta che dovremo risalire per giungere alrifugio.Si lascia ora la mulattiera che porterebbe a Forcella Magna e si prosegue sul sentiero 327 che si inoltrain ripida salia nel rado bosco; ben presto si esce in terreno più aperto e si comincia a risalire un costoneerboso a ripidi tornanti fino ad incrociare, a quota 2000 m, il sentiero 326 proveniente da ForcellaMagna. Lambiente si fa sempre più grandioso e con un traverso sui prati si arriva al piccolo ripianoerboso dove sorgeva la Baita del Pastore (2131 m - 2 h) e dove si trova un bivio: il sentiero diretto (deiLastoni) sale direttamente al rifugio per dei ripidi lastroni rocciosi con qualche divertente passo diarrampicata, il sentiero più facile (Trodo dei Aseni) aggira invece il salto con un lungo tornante asinistra.A quota 2360 m i due sentieri si ricongiungono e il vallone si fa meno ripido; in breve per ghiaie elastroni rocciosi si arriva al Lago di Cima dAsta e al vicino rifugio Brentari (2476 m - 3 h). Il rifugio ècostruito in una splendida posizione panoramica, su un ripiano in cima al Bualon di Cima dAsta, propriosotto alla parete meridionale della stessa.Salita alla vetta della Cima D’ Asta:Per raggiungere la vetta si imbocca il sentiero 364 che porta ripidamente allintaglio della Forzeleta (2680 m) passando per un pendio cosparso di particolari formazioni rocciose; dallintaglio il panorama si apre verso le Dolomiti, finora nascoste dalla massiccia parete di Cima dAsta. Si devono perdere ora circa 80 metri di quota scendendo per un canalino in parte attrezzato (attenzione in caso di neve o ghiaccio) fino alla conca del Lastè dei Fiori; si attraversa la conca cosparsa di massi fino a portarsi sul costoneorientale che si risale con ampie curve sfruttando anche alcuni camminamenti risalenti alla PrimaGuerra Mondiale fino alla panoramica vetta (2847 m – 1.50 h). Poco sotto la cima sorge la CapannaCavinato, che può offrire ricovero per 6 persone.Per la discesa si segue lo stesso itinerario di salita e si ritorna al rifugio O. BrentariDiscesa dal rif. Brentari a malga Sorgazza:Dal rif. Brentari per il sent. 375 fino al passo Socede (m. 2516, 15 min) scendere quindi nel valloneoccidentale (n° 380 bis) in ambiente selvaggio e isolato (attenzione in caso di nebbia) fno alcongiungimento con il sentiero n° 380, che si segue in salita fino a Forcella Magna (m 2117, ore 2.15 dalrifugio Brentari). Valico importante che separa i due gruppi granitici di Rava e Cima D’ Asta che furonoimportante teatro di scontri della grande guerra (strutture difensive, trincee, bunker, postazioni,mulattiere, etc.).Da questo punto, per in sentiero n° 380, in 1.30 ore si raggiunge malga Sorgazza.

×