Your SlideShare is downloading. ×

Investimenti Mobiliari

860

Published on

Illustrazione di alcune caratteristiche fondamentali delle tipologie di investimenti.

Illustrazione di alcune caratteristiche fondamentali delle tipologie di investimenti.

Published in: Economy & Finance
0 Comments
1 Like
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

No Downloads
Views
Total Views
860
On Slideshare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
1
Actions
Shares
0
Downloads
0
Comments
0
Likes
1
Embeds 0
No embeds

Report content
Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
No notes for slide

Transcript

  • 1. INVESTIMENTI MOBILIARI Scopo dell’incontro è quello di illustrare alcune caratteristiche fondamentali di questa tipologia di investimenti Associazione Amici dei Bancari Varese e Lombardia 1
  • 2. PREMESSA
    • Ci soffermeremo su alcune strategie comportamentali, in alternativa a quelle offerte dalle banche, che fanno guadagnare solo loro.
    Associazione Amici dei Bancari Varese e Lombardia
  • 3. ORGANIZZAZIONE DEGLI INVESTIMENTI
    • Prima di tutto servono dei concetti semplici per capire cosa vuol dire investire dei soldi nei mercati finanziari (cioè fare quello che si pretende dal proprio consulente finanziario quando si va in banca). Alla base sta il fatto che tutti noi siamo delle persone: ciascuno di noi con una sua età, con suo patrimonio e con una propria emotività.
    Associazione Amici dei Bancari Varese e Lombardia
  • 4. ORGANIZZAZIONE DEGLI INVESTIMENTI
    • Le conseguenze di tutto ciò portano inevitabilmente a comportamenti e scelte molto diverse . Tutti questi elementi ci portano ad analizzare:
    • “ TIPO di INVESTITORE”
    • “ TIPI di INVESTIMENTI”
    • “ COSTRUZIONE del PORTAFOGLIO”
    Associazione Amici dei Bancari Varese e Lombardia
  • 5. 1) Tipo INVESTITORE / profilo di RISCHIO Associazione Amici dei Bancari Varese e Lombardia
    • Le persone sono molto diverse tra loro e le stesse persone cambiano col passare del tempo, sia per esperienze fatte sia per le necessità contingenti che in funzione dell'età.
    • Alcune variabili importanti sono:
    • l ’ emotività del soggetto,
    • la comprensione del meccanismo del mercato e l’organizzazione della gestione (quando devo controllare il ctv e come devo interpretarlo) e tutta una serie di fattori esterni (cicli economici, crolli di borsa, guerre, ecc.),
    • il patrimonio disponibile .
    • Per questi motivi è molto importante definire l’investitore secondo il tipo di rischio che è in grado di sopportare.
  • 6.
    • In modo molto sintetico potremmo definire
    • i seguenti profili dell’investitore:
    • Rischio basso - chi vuole investire senza preoccuparsi degli andamenti dei mercati e di tutte le altre variabili che possono generare occasioni di panico;
    • Rischio medio - chi vuole investire, tenendo sotto controllo le variabili interne ed esterne dei mercati, con l’obbiettivo di recuperare dal suo investimento almeno il tasso di inflazione.
    1) Tipo INVESTITORE / profilo di RISCHIO Associazione Amici dei Bancari Varese e Lombardia
  • 7.
    • Rischio alto - chi utilizza tutti gli strumenti finanziari cercando di massimizzare il ritorno del capitale investito. Questo soggetto deve essere in grado di sfruttare le opportunità offerte dai mercati.
    1) Tipo INVESTITORE / profilo di RISCHIO Associazione Amici dei Bancari Varese e Lombardia
  • 8. 2) TIPI INVESTIMENTI
    • Anche per gli investimenti una delle variabili più importanti si riferisce al rischio .
    • Alcune volte non è detto che strumenti finanziari oggettivamente poco rischiosi non generino delle perdite. Anche delle obbligazioni emesse da Stati Sovrani possono portare dei dispiaceri (ricordo come dei miei colleghi vendendo obbligazione dell’Argentina dicevano: “la prenda con tranquillità, tanto gli Stati non falliscono”).
    Associazione Amici dei Bancari Varese e Lombardia
  • 9.
    • tipologia (obbligazione, azione, fondo, etf ecc),
    • emittente,
    • durata,
    • liquidità,
    • contesto economico (recessione, espansione, tassi, paese di riferimento, valuta, ecc.
    Principali variabili per la definizione del rischio degli strumenti finanziari Associazione Amici dei Bancari Varese e Lombardia
  • 10. 2.1 ) INVESTIMENTI PER TIPOLOGIA
    • • Monetari : tutto quello che offre dei rendimenti bassi, allineati alla parte più bassa del mercato ed espone ad un rischio molto limitato. Sono esempi: i pronto contro termine, i Bot, le giacenze sui conti, ecc.
    Associazione Amici dei Bancari Varese e Lombardia
  • 11.
    • Obbligazionari : tutto ciò che rappresenta il debito a medio e lungo termine di Stati ed emittenti privati. Ovviamente il rischio di questa classe di investimenti cambia molto in relazione all’emittente (debitore della obbligazione che si impegna al rimborso alla scadenza).
    2.1 ) INVESTIMENTI PER TIPOLOGIA Associazione Amici dei Bancari Varese e Lombardia
  • 12.
    • Azionari e derivati : tutto quello che rappresenta il capitale di rischio vero e proprio. Ad esempio la azioni di società e tutta una serie di investimenti denominati "derivati", che scommettono su andamenti di mercato, divise, indici, azioni, ecc.
    • Altro prodotti che contengono in forma più o meno diretta aggregati delle suddette tipologie (fondi, certificati investimento, ETF, ecc).
    Associazione Amici dei Bancari Varese e Lombardia 2.1 ) INVESTIMENTI PER TIPOLOGIA
  • 13. 3) COSTRUZIONE del PORTAFOGLIO
    • In funzione:
    • del livello di rischio dell’investitore,
    • dalla durata dell’investimento e al rapporto di liquidità (eventuale necessita),
    • del timing del mercato di riferimento.
    • Si procede alla ripartizione percentuale max delle singole tipologie di investimento.
    Associazione Amici dei Bancari Varese e Lombardia
  • 14.
    • Successivamente, in funzione dell’andamento dei mercati di riferimento, si procederà alle movimentazioni adeguate del ptf. Una buona tecnica è quella che io definisco col termine di ribilanciamento.
    • Alcune volte non vanno trascurate le opportunità offerte dai mercati in alcune particolari occasioni.
    3) COSTRUZIONE del PORTAFOGLIO Associazione Amici dei Bancari Varese e Lombardia
  • 15. MODALITÀ OPERATIVE
    • Dopo aver compreso il proprio profilo di rischio si passa alla fase di costruzione del portafoglio.
    • Si può procedere in diversi modi in funzione della proprio disponibilità ad utilizzare o meno strumenti di supporto come il PC e la rete INTERNET .
    • Premessa:
    • il portafoglio andrà monitorato attraverso un riepilogo dei diversi aggregati di investimento per tipologia di rischio. (dal foglio di quaderno costruito con calcolatrice al foglio di calcolo su PC).
    Associazione Amici dei Bancari Varese e Lombardia
  • 16. MODALITÀ OPERATIVE
    • Di seguito un breve elenco delle possibili modalità operative di negoziazione:
    • tradizionale : si va in banca dal proprio consulente e si acquista quello che si è deciso. Le informazioni relative ai titoli si prenderanno dalla consultazione di supporti cartacei o dalla propria banca
    • misto : si cerca di utilizzare supporti evoluti tipo INTERNET almeno per la funzione informativa, mentre la funzione dispositiva rimane quella tradizionale
    • evoluto : si utilizzano tutti i canali (dispositivo e di analisi) attraverso piattaforme on-line. Questo metodo consente la massima autonomia, efficienza e economicità.
    Associazione Amici dei Bancari Varese e Lombardia
  • 17. Esempio gruppi investimenti Associazione Amici dei Bancari Varese e Lombardia
  • 18. Esempio analisi PTF 100% 100 100 totale 20% 20 5 15 20 Azioni 55% 55 15 52 50 Obbligazioni 25% 25 20 5 30 Titoli Stato           Liquidi + c/c+ TOT Banca B Banca A Obiettivo

×