• Share
  • Email
  • Embed
  • Like
  • Save
  • Private Content
Riforma Del Lavoro, Ottima Ma Al 99%.........Ecco Perché
 

Riforma Del Lavoro, Ottima Ma Al 99%.........Ecco Perché

on

  • 325 views

Riforma del Lavoro, ottima ma al 99%.........ecco perché

Riforma del Lavoro, ottima ma al 99%.........ecco perché

Statistics

Views

Total Views
325
Views on SlideShare
322
Embed Views
3

Actions

Likes
0
Downloads
0
Comments
0

1 Embed 3

http://www.linkedin.com 3

Accessibility

Categories

Upload Details

Uploaded via as Adobe PDF

Usage Rights

© All Rights Reserved

Report content

Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
  • Full Name Full Name Comment goes here.
    Are you sure you want to
    Your message goes here
    Processing…
Post Comment
Edit your comment

    Riforma Del Lavoro, Ottima Ma Al 99%.........Ecco Perché Riforma Del Lavoro, Ottima Ma Al 99%.........Ecco Perché Document Transcript

    • Riforma del Lavoro, ottima ma al 99%.........ecco perchéCome ho avuto modo di scrivere mercoledì scorso http://albertocorrera.blogspot.it/2012/03/lart-18-nel-mondo-del-turismo.html sono molto favorevole a questa riforma necessaria ed urgente, unasfida senza ombra di dubbio, un opportunità per i giovani e una prova di maturità e di intelligenzaper le imprese, e la possibilità per imprese estere di poter aprire le loro sedi in Italia, molte aziendeturistiche soprattutto online gradirebbero aprire loro sedi e assumere, ora forse possono pensare difarlo.Vorrei anche chiarire alcune cose, attenzione a quando "collochiamo" su piedistalli di varia natura,altri paesi, non è così, ovvero mi spiego meglio, così come noi quando andiamo allestero, cimettiamo in fila e in modo educato rispettiamo o cerchiamo di rispettare le regole, allo stesso modosuccede che stranieri da noi, si adeguino a regole a loro non congeniali, come dire "loccasione faluomo ladro"Quello che mi preoccupa è la perdita di deterrente, e altresì la perdita di meritocrazia già fortementedebole in questo paese e in questo settore.Ad oggi licenziare per motivi economici, significa prendere in considerazione vari aspetti,sicuramente tempi lunghi e incerti, ma lo si può fare, ovviamente con tutte le cautele del caso esenza poter in alcun modo agire per simpatia o antipatia. Togliere questa possibilità, anche illicenziamento discriminatorio, diventerebbe senza ombra di dubbio "per carattere economico",perchè dico questo? Ho varie volte partecipato a riunioni a porte chiuse o meglio "sbarrate", consoggetti non solo italiani ma anche e soprattutto soggetti esteri, che NON per motivi di merito maper motivi di conflittualità "personale" avrebbero gradito "sopprimere" voci fondamentali perlazienda, ma non hanno potuto farlo, non mi stupirei affatto se oggi queste stesse persone, stesseroattendendo finalmente quello che non hanno potuto perseguire in passato.Quindi il problema non è poter o meno licenziare laddove la situazione economica è davveroproblematica, ma privare lazienda di un anima di dialettica contradditoria, utile e necessaria, maquale azienda funzionerebbe se non ci fossero tante e molteplici idee a confronto?. Un azienda
    • ideale è davvero un azienda multi etnica e multi culturale, perchè è proprio nella diversità che esistericchezza di espressione e di pensiero.Pertanto come già detto reputo questa riforma al 99% buona, utile, necessaria, ma va certamenteemendato o meglio chiarito molto dettagliatamente il licenziamento per motivi economici, perchècome avevo già scritto, laddove il giudice dovesse trovare non realistico il motivo economico,comunque il dipendente si troverebbe per strada, quindi nulla cambierebbe, e non è pensabile che ildipendente sia sempre e solo "incudine"Sono daccordo con il Presidente della Repubblica che non ci sarà lesodo per licenziamenti, maquesto nulla cambia, infatti le cose avvengono lentamente, inoltre immagino coloro che già oggi sisentono in un modo o in un altro minacciati o mal visti NON per merito, ma per motivi diversi,come si sentiranno allindomani di un eventuale (ma dubito venga approvata come uscita dal CDM)approvazione, non si tratta di far o non fare il proprio lavoro, ma bensi di cosa diversa, ovvero cosavorrà oggi il mio capo che "io dica" o "faccia", lavorare in un clima di paura o meglio di terrore inun momento economico non facile, potrebbe avere ripercussioni sociali profonde e aldilà di quelleche pensiamo.Cambiata questa unica postilla/articolo, trovo poi tutto il resto buono, in particolare per i giovani,certo avrei preferito anche un qualcosa di simile per i meno giovani, forse anche questo lo si potevafare e lo si potrebbe fare in parlamento, ottima labolizione di troppi e inutili contratti atipici per nonparlare delle partite iva false, come già detto è sicuramente una "svolta epocale" e necessaria, cisono molte aziende che stavano attendendo questo per poter aprire le loro sedi in Italia, ma avevano- a giusta ragione - troppo paura per una legge troppo vincolante e onerosa. Io che mi sono occupatonegli ultimi 20 anni di start up, comprendo perfettamente la difficoltà non solo di accettare maanche di comprendere delle regole che non potevano attirare un soggetto italiano o non italiano atrovare una propria collocazione in Italia, oggi questo sarà più semplice e meno complesso, ma devecomunque tener conto della "dignità della persona".