I giovani e la violenza
Upcoming SlideShare
Loading in...5
×
 

Like this? Share it with your network

Share

I giovani e la violenza

on

  • 5,119 views

Presentazione di approfondimento sul rapporto dei giovani con la violenza, e sul fenomeno del bullismo realizzata da Michela Pantini, Riccardo Mancini, Valerio Rossi della classe IIIA Istituto ...

Presentazione di approfondimento sul rapporto dei giovani con la violenza, e sul fenomeno del bullismo realizzata da Michela Pantini, Riccardo Mancini, Valerio Rossi della classe IIIA Istituto Comprensivo Giovanni Paolo II Affile (Rm)

Statistics

Views

Total Views
5,119
Views on SlideShare
2,714
Embed Views
2,405

Actions

Likes
0
Downloads
11
Comments
0

17 Embeds 2,405

http://goccediarmonia.blogspot.it 1775
http://www.scoop.it 374
http://www.goccediarmonia.blogspot.it 119
http://goccediarmonia.blogspot.com 86
http://goccediarmonia.blogspot.fr 10
http://goccediarmonia.blogspot.ch 8
http://goccediarmonia.blogspot.co.uk 5
http://goccediarmonia.blogspot.co.at 4
http://goccediarmonia.blogspot.com.au 4
http://www.google.it 4
http://goccediarmonia.blogspot.de 4
http://goccediarmonia.blogspot.com.es 3
https://www.google.it 3
http://goccediarmonia.blogspot.ro 2
http://goccediarmonia.blogspot.com.br 2
http://goccediarmonia.blogspot.hu 1
http://goccediarmonia.blogspot.ru 1
More...

Accessibility

Categories

Upload Details

Uploaded via as Microsoft PowerPoint

Usage Rights

© All Rights Reserved

Report content

Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
  • Full Name Full Name Comment goes here.
    Are you sure you want to
    Your message goes here
    Processing…
Post Comment
Edit your comment

I giovani e la violenza Presentation Transcript

  • 1. Violenza tracoetanei Bullismo
  • 2. Si può considerare violenza ogni abuso di potere e controllo che si manifestaattraverso il sopruso fisico, sessuale, psicologico, economico. Questi diversi tipi diviolenza possono presentarsi isolatamente, ma spesso sono combinati insieme,in modo che una forma di controllo apra le porte allaltra. Ciò accade soprattuttoquando conosciamo chi usa violenza e siamo legate a lui da un rapporto affettivo(è il nostro patrner, nostro padre, lamico di famiglia...). Anche nelle aggressionisubite da estranei tuttavia la violenza fisica si può accompagnare a minaccie,umiliazioni, limitazione della libertà di movimento.Violenza fisica: ogni forma di violenza controdi te, il tuo corpo e le tue proprietà Violenza Psicologica: ogni mancanza di rispetto che offende e mortifica la dignità Violenza sessuale: ogni forma di coinvolgimento in attività sessuali senza il tuo consenso
  • 3. Questo è il termine per indicare atti di violenza ascuola generalmente nel periodo adolescenziale epre-adolescenziale. Sono molti i fatti di cronacadove i ragazzi violenti che compiono atti di questotipo trovano risposta da parte delle autoritàcompetenti che prendono posizione contro imalfattori; ma, purtroppo, sono tantissime anchele situazioni di bullismo dove la vittima di violenzanon trova il coraggio di denunciare.Bisogna denunciare per arrivare ad unriconoscimento di questo tipo. Bisogna evitareche il bullismo manifestato sia fonte di seri danniper altre persone, vittime innocenti di quello cheè oramai una vera e propria calamità sociale.Perché le vittime sono veramente tante. Magarinon se ne accorgono da subito perché pensano diessere solo prese in giro e di non doversenepreoccupare, ma non è così.
  • 4. Le vittime sono solitamente più ansioseed insicure, spesso caute, sensibili ecalme. Se attaccati, reagisconochiudendosi in se stessi o, se si tratta dibambini piccoli, piangendo. Talvoltasoffrono anche di scarsa autostima edhanno unopinione negativa di sé e dellapropria situazione. Soprattutto se sonomaschi la loro condizione è associata aduna debolezza fisica, cosa per cui vengonomolto presi in giro. Il rendimentoscolastico è cosa da non sottovalutare, cisono volte in cui i ragazzi che hanno votimigliori vengono presi di mira da quelli Vittima del Bullismoche ne hanno di peggiori, altri casi in cui Video scioccantesono i peggiori a essere derisi dagli altri.
  • 5. Il bullo è un debole che per sentirsiforte ha bisogno di evidenziare ladebolezza altrui.Crea situazioni di disagio in cui puòdimostrare di essere il più forte.Spesso solamente perché è incompagnia. Lessere in gruppo èfondamentale per lui.Essere osservato crea la necessità diessere spaccone, e al tempo stessoalimenta la foga con cui vieneattuata.Anche se è circondato da schiavetti èsolo, tutti iSuoi «amici» sarebbero pronti adabbandonarlo nel momento delbisogno, o all’arrivo di qualcuno piùforte.
  • 6. Questo è quello che dice una ricerca inglese.Bullismo giovanile: colpa degli ormoni?Secondo una ricerca britannica i comportamenti antisociali sarebbero spiegati da un deficit dicortisolo, uno degli ormoni dello stress.Aggressività, uso di droghe, bestemmie, furti, vandalismo. Comportamenti antisociali, ormaidiffusi fra gli adolescenti, che le ultime ricerche scientifiche tendono a considerare più comeproblemi di salute che come atteggiamenti puramente criminali. In altre parole: questeforme di violenza sarebbero da attribuire a un’alterazione biochimica e, più nel dettaglio, allapresenza del sangue di bassi livelli di cortisolo, l’ormone della risposta allo stress. Loaffermano alcuni ricercatori dell’Università di Cambridge sulla rivista Biological Psychiatry. Difronte a una situazione stressante, la secrezione di cortisolo nel sangue aumenta e l’ormoneaiuta una persona a controllare le emozioni, soprattutto il temperamento e gli impulsiviolenti, e la rende più cauta. Gli adolescenti più propensi a essere aggressivi nei confrontidegli altri, sia verbalmente sia fisicamente, non hanno, invece, questo tipo di reazioneormonale. Il che starebbe a significare che il bullismo giovanile possa essere in qualchemodo ricondotto a un disturbo di tipo organico.NUOVE TERAPIE - «Se riusciamo a capire che cosa sta alla base di questa mancata risposta –ha sottolineato Grame Fairchild coordinatore della ricerca – potremmo anche studiare nuoveterapie per controllare problemi comportamentali severi o per aiutare persone ad alto rischio.Un trattamento per questo disordine offre l’opportunità di migliorare la vita sia di questiadolescenti, sia della comunità in cui vivono».
  • 7. Negli ultimi tempi abbiamo spesso sentitoparlare di ragazze stuprate e molestate dagruppi di adolescenti, che si armano, oltre chedei loro modi violenti e di qualche coltello,anche di nuovi strumenti come videofonini,finalizzando lo stupro a scopi spettacolari comemetterlo su internet e inviarlo agli amici.La psicologia potrebbe anche essere un aiutoper spiegare le ragioni oscure dietro cui sicelano questi sfoghi di violenza da parte degliaggressori, adolescenti sempre più numerosi earrabbiati.Da qualche tempo in Italia è stato accettato undecreto che dice che i colpevoli di stupri digruppo non verranno incarcerati, forse questoporterà ad altri stupri, soprattutto tra i giovani.
  • 8. La violenza psicologica è una delle violenzepeggiori, perché colpisce più nel profondo diuna persona.È molto frequente soprattutto nei giovanidella nostra età, che continuano a prendersiin giro evidenziando ogni più piccolo einsignificante difetto. Si prendono in giroutilizzando parolacce, dispregiativi esoprannomi, usando come esempi anche ifamiliari.Un altro punto è quando un ragazzo o unaragazza vengono esclusi da un gruppo diamici, dalla classe e dagli altri. I motivi sonodiversi: possono escluderli perché c’è stato unlitigio, perché sono antipatici, osemplicemente per salvaguardare se stessidalla derisione altrui.