Protocollo Soccorso In Mare Siglato tra 118 e capitaneria di Porto di Viareggio

1,865 views

Published on

Questo è il protocollo siglato tra l’Azienda Usl 12 di Viareggio e Capitaneria di Porto di Viareggio che consente di inviare personale sanitario del 118, in sinergia con il personale militare, a fare soccorso in mare.

Published in: Education
0 Comments
0 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

No Downloads
Views
Total views
1,865
On SlideShare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
1
Actions
Shares
0
Downloads
0
Comments
0
Likes
0
Embeds 0
No embeds

No notes for slide

Protocollo Soccorso In Mare Siglato tra 118 e capitaneria di Porto di Viareggio

  1. 1. CAPITANERIA DI PORTO – GUARDIA COSTIERA VIAREGGIO AZIENDA USL 12 VIAREGGIOFINALITA’La Capitaneria di Porto di Viareggio, in persona del Comandante pro tempore, all’uopo autorizzatocon Dp. n.58679 in data 21 giugno 2011 del Comando Generale del Corpo della Capitanerie diPorto, ed il servizio 118 della Azienda Sanitaria Locale (A.U.S.L.)12 di Viareggio, in persona delDott. Giancarlo Sassoli, Direttore Generale, concordano di addivenire alla stipula del presenteprotocollo operativo per assicurare nelle acque di competenza della Capitaneria di Porto diViareggio, come sotto meglio specificate, il soccorso sanitario in mare.L’obiettivo del presente protocollo sarà perseguito mediante l’individuazione di procedure chepossano prevedere l’imbarco di personale sanitario del 118 a bordo delle unità navali della GuardiaCostiera destinate ad operazioni SVH.
  2. 2. APPLICABILITA’Il presente protocollo si applica in caso di attività SAR in 1^ situazione operativa, come definita dal“Piano Nazionale per la ricerca ed il salvataggio in mare”, da svolgere nelle acque di competenzaSAR di UCG (unità costiera di guardia) Viareggio (dal Comune di Forte dei Marmi incluso al Comunedi Vecchiano escluso delimitate a mare dalla spezzata congiungente i seguenti punti: 43° 58’24’’N010° 08’48’’ E; 43° 30’00’’N 009° 30’00’’E; 43°48’55’ ’N 010° 15’36’’E.) per le quali sia indispensabilericorrere all’imbarco di personale sanitario del 118.Le modalità operative di seguito elencate rimarranno in vigore sino alla formalizzazione delsuccessivo protocollo di intesa tra la Direzione Marittima di Livorno ed i Servizi Sanitari 118 dellaRegione Toscana, secondo quanto disposto dalle redigende procedure per l’assistenza medica inmare in situazione di emergenza ed in corso di perfezionamento tra il Comando Generale del Corpodelle Capitanerie di Porto, il Centro Internazionale Radio Medico e il Ministero della Salute.MODALITA’ OPERATIVE1. La Centrale Operativa 118 fornisce, con rapporto di comodato d’uso gratuito, alla Capitaneria diPorto di Viareggio il seguente materiale:- 1 tavola spinale lunga- 1 ferma capo- 1 sistema di immobilizzazione a ragno- 1 set di collari cervicaleIl materiale sopra indicato sarà custodito nel locale mezzi nautici della sede distaccata dellaCapitaneria di Porto di Viareggio e trasferito a bordo della motovedetta individuata per il soccorsosanitario.La custodia del materiale sopra indicato sarà a carico del personale della Capitaneria di Porto diViareggio allo scopo indicato.La sostituzione del materiale sopra indicato in caso di usura, o comunque in caso di qualsiasinecessità, sarà a carico della A.U.S.L. 12 di Viareggio.2. In caso di richiesta di soccorso in mare pervenuta all’operatore della Capitaneria di Porto diViareggio è fondamentale acquisire corrette informazioni di natura sanitaria sulla tipologia diintervento richiesto.Per questo scopo è opportuno un collegamento telefonico tra l’operatore della Capitaneria di Porto ela Centrale Operativa 118 (numero di telefono da comporre: 118), se possibile l’operatore dellaCapitaneria di Porto metterà in contatto telefonico diretto il chiamante con la Centrale Operativa 118,per effettuare il Triage infermieristico abitualmente svolto dagli operatori di centrale.Nel caso in cui la chiamata di soccorso alla Capitaneria di Porto giunga via radio, o in qualunquealtra situazione in cui non sia possibile mettere in contatto diretto il chiamante con la CentraleOperativa 118, l’operatore della Capitaneria di Porto acquisisce dal chiamante le seguenti notiziesulla persona o sulle persone da soccorrere:
  3. 3. 1) Quante persone necessitano di assistenza sanitaria?2) Ci sono persone non coscienti?3) Ci sono persone che non respirano?4) Ci sono persone che perdono sangue?L’operatore della Capitaneria di Porto attiverà telefonicamente (numero di telefono da comporre:118) la Centrale Operativa 118 riferendo le notizie acquisite.Nel caso in cui l’operatore della Centrale Operativa del 118 riceva una chiamata di soccorso che,espletate le opportune valutazioni di carattere sanitario, comporti la necessità di un soccorsomarittimo, provvederà a trasferire la comunicazione alla Sala Operativa della Capitaneria di Porto diViareggio.3. Nel caso in cui la chiamata di soccorso presenti le caratteristiche di richiesta sanitaria, secondola valutazione della Centrale Operativa del 118, quest’ultima provvederà ad attivare un’automedicacon il Medico e l’Infermiere dedicati che dovranno raggiungere il luogo indicato nel successivo punto5 entro il più breve tempo possibile e comunque nel tempo di approntamento stabilito per lamotovedetta in servizio SAR (individuato in 10’). La motovedetta in servizio SAR, successivamentealla richiesta di approntamento comunicata dalla Centrale Operativa del 118 (richiesta sanitaria),provvederà ad assumere l’assetto di navigazione entro il tempo di approntamento sopra specificatosalvo che non sia già impiegata in attività di ricerca e soccorso SAR secondo le disposizioni riportatenel Piano Nazionale per la ricerca ed il salvataggio in mare.4. L’unità impiegata nel soccorso sanitario è individuata prioritariamente nella motovedetta CP 813fatte salve esigenze operative congiunturali che potranno comportare l’impiego di altra idonea unitàche verrà prontamente comunicata all’operatore della Centrale Operativa del 118.5. L’ auto-medica verrà inviata presso l’approdo di fronte alla sede distaccata della Capitaneria diPorto di Viareggio dove il personale sanitario salirà a bordo della motovedetta individuata per ilsoccorso sanitario in mare e attrezzata con il materiale sanitario sopra indicato.. Medico e Infermieresaliranno a bordo della motovedetta portando con se il seguente materiale sanitario:- zaino A.L.S. (Advanced Life Support)- Monitor defibrillatore- Bombola O2 2 litriNon appena saliti a bordo Medico e Infermiere, il personale tecnico della Capitaneria di Porto abordo della motovedetta provvederà a fornirli dei presidi di protezione individuale idonei (giubbotti disalvataggio) e si assicurerà che vengano indossati correttamente.6. Successivamente tutti i contatti (radio o telefono) saranno mantenuti attraverso la centraleoperativa della Capitaneria di Porto che provvederà a trasmettere eventuali richieste da parte delpersonale sanitario alla Centrale Operativa 1187. Una volta effettuato il soccorso, in accordo tra personale sanitario e comandante dellamotovedetta, verrà deciso qual’è il miglior punto di approdo per lo sbarco del paziente o dei pazientie del personale sanitario. La decisione sarà comunicata anche alla Centrale Operativa 118attraverso l’operatore della Capitaneria di Porto.
  4. 4. 8. La Centrale Operativa 118 provvederà ad inviare dove richiesto dalla Centrale Operativa dellaCapitaneria di Porto i mezzi sanitari (ambulanze) necessari al trasporto del paziente o dei pazienti inOspedale.9. Ogni situazione operativa non inquadrabile nel presente protocollo verrà valutata di comuneaccordo, con l’adozione di procedure condivise tra la sala operativa della Capitaneria di Porto diViareggio e quella del 118.10. Nel caso in cui un’unità da pesca o da diporto, in navigazione in prossimità della costa, richiedadirettamente all’UCG Viareggio l’evacuazione medica, si procederà al trasbordo del paziente, previoparere favorevole del personale sanitario imbarcato a bordo della motovedetta in servizio SAR,dandone conoscenza all’MRSC Livorno.ASSICURAZIONECon la sottoscrizione del presente protocollo, il personale sanitario, quando impiegato a bordo delleunità navali destinate al soccorso sanitario in mare, manleva ipso iure l’Amministrazione marittimada qualsiasi eventuale danno/molestia/pregiudizio derivante dai rischi di navigazione, imbarco,sbarco e trasbordo e quant’altro applicabile.Per quanto sopra, il personale sanitario, dovrà essere regolarmente coperto da idonea polizzaassicurativa stipulata dall’Ente/Azienda di appartenenza ed inoltre dovrà risultare abile al nuoto.RISORSE ECONOMICHEA copertura dei costi derivanti dalle attività operative poste in essere secondo le modalità previstedal presente protocollo, ciascuna Amministrazione provvederà con proprie e distinte risorseeconomiche.

×