Your SlideShare is downloading. ×
Riflessioni su DDL 1542 - Provincia di Arezzo
Upcoming SlideShare
Loading in...5
×

Thanks for flagging this SlideShare!

Oops! An error has occurred.

×
Saving this for later? Get the SlideShare app to save on your phone or tablet. Read anywhere, anytime – even offline.
Text the download link to your phone
Standard text messaging rates apply

Riflessioni su DDL 1542 - Provincia di Arezzo

238

Published on

Una breve riflessione sulle possibili conseguenze dell'applicazione del “Disegno di Legge “Disposizioni sulle Città metropolitane, sulle Province, sulle unioni e fusioni di Comuni" (A.C. 1542), sui …

Una breve riflessione sulle possibili conseguenze dell'applicazione del “Disegno di Legge “Disposizioni sulle Città metropolitane, sulle Province, sulle unioni e fusioni di Comuni" (A.C. 1542), sui servizi erogati dalla Provincia di Arezzo.

Published in: News & Politics
0 Comments
0 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

No Downloads
Views
Total Views
238
On Slideshare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
1
Actions
Shares
0
Downloads
5
Comments
0
Likes
0
Embeds 0
No embeds

Report content
Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
No notes for slide

Transcript

  • 1. PROVINCIA DI AREZZO PROVINCIA DI AREZZO Assessorato al patrimonio, viabilità, edilizia, politiche giovanili Disegno di Legge: "Disposizioni sulle Città metropolitane, sulle Province, sulle unioni e fusioni di Comuni”. Riflessioni ed effetti sul territorio alla luce del Dossier U.P.I. «Più costi – meno democrazia»
  • 2. PROVINCIA DI AREZZO PROVINCIA DI AREZZO Assessorato al patrimonio, viabilità, edilizia, politiche giovanili I contenuti del Disegno di legge Il Dossier U.P.I. 1. Le Province vengono svuotate delle funzioni amministrative e trasformate in enti di secondo grado. Le nuove Province non avranno organi eletti dai cittadini ma nominati dai sindaci dei grandi Comuni. 2. Abolisce le Province nelle aree metropolitane e le sostituisce con le Città metropolitane, enti di secondo livello. Il Sindaco della Città metropolitana non sarà eletto dai cittadini dei comuni dell’area metropolitana ma per legge è il Sindaco del comune capoluogo. 3. Obbliga i Comuni all’esercizio associato delle loro funzioni tramite le Unioni di Comuni. 4. Blocca qualunque processo di riorganizzazione dell’Amministrazione dello Stato. 5. Rinvia il riordino delle agenzie, società ed enti strumentali.
  • 3. PROVINCIA DI AREZZO PROVINCIA DI AREZZO Assessorato al patrimonio, viabilità, edilizia, politiche giovanili I dati relativi all’edilizia scolastica Il Dossier U.P.I. Aumento dei costi dal passaggio della gestione degli edifici scolastici delle Province ai Comuni Le Province gestiscono 5.179 edifici scolastici composti di 117.348 classi che accolgono 2.596.031 alunni dal 1996 ad oggi, anno in cui con la legge 23 le scuole superiori dei Comuni sono state assegnate alle province. In questi 17 anni le Province, hanno potuto operare una razionalizzazione della rete scolastica, introducendo economie di scala che hanno prodotto risparmi e gestione virtuosa delle risorse. La possibilità di operare su area vasta ha permesso anche di frenare il proliferare di istituti scolastici per bacini di utenze minime, di gestire un bacino di utenza ampio e trans-comunale, con risparmio di costi anche a fronte di un aumento della popolazione scolastica.
  • 4. PROVINCIA DI AREZZO PROVINCIA DI AREZZO Assessorato al patrimonio, viabilità, edilizia, politiche giovanili Le contraddizioni Scuole ai Comuni = moltiplicazione dei centri di spesa. Oggi 107 Province gestiscono 5.179 edifici scolastici. Con il DDL si arriverebbe ad almeno 1.327 centri di spesa il numero dei Comuni sedi di edifici scolastici delle Province. Nella nostra Provincia i centri di costo passeranno da 1 a 13. Mentre la tendenza delle politiche nazionali e regionali è quella di attivare economie di “area vasta” (ASL, TPL, RIFIUTI, URBANISTICA, ..), al fine di individuare le criticità di «sistema», per l’edilizia scolastica si propongono delle politiche che vanno nella direzione opposta. PROVINCE = ECONOMIE DI SCALA INDIVIDUAZIONE CRITICITA’ DI SISTEMA
  • 5. PROVINCIA DI AREZZO Assessorato al patrimonio, viabilità, edilizia, politiche giovanili Proiezione aumento della spesa per riscaldamento +53% pari + 636.000,00 € su base annua 20 13 20 12 Moltiplicazione dei Centri di spesa = aumento della spesa pubblica. Se a livello nazionale dai 107 Centri di spesa si passa a oltre 1.300 saltano i risparmi derivati dalle economie di scala. Oggi ogni Provincia, con un solo contratto di servizio, assicura il funzionamento di tutte le Scuole che gestisce. La stima del tutto prudenziale dell’aumento a livello nazionale è pari a + 53%. AUMENTO DELLA SPESA = + 424 MILIONI DI EURO Aumento delle spese di progettazione, direzione opere e collaudo. Nei Comuni piccoli e medi, il 72% del totale, queste professionalità non sono presenti. La spesa in questo caso è di almeno il 17% del totale del costo dell’opera. AUMENTO DELLA SPESA = + 221 MILIONI DI EURO. L ’AUMENTO DELLA SPESA PER IL TRASFERIMENTO DELLE FUNZIONI AMMINISTRATIVE DALLE PROVINCIE ALLE REGIONI E VALUTATO = 1,4 MILIARDI DI EURO. EDILIZIA SCOLASTICA - Gestione calore 20 11 Le contraddizioni 20 10 PROVINCIA DI AREZZO Risparmio 2010 – 2013 = 11,13% Costo medio a mc = 1,98 euro PROIEZIONE COSTI DI RISCALDAMENTO / Mc
  • 6. PROVINCIA DI AREZZO Assessorato al patrimonio, viabilità, edilizia, politiche giovanili PROVINCIA DI AREZZO La capacità di investire In questi anni le Province sono intervenute con fondi propri, nonostante il patto di stabilità, bilanciando il mancato finanziamento della Legge 23/96, al fini di eseguire gli interventi finalizzati alla messa in sicurezza delle scuole. Nel disegno di legge non sono definite le risorse finanziarie con le quali i Comuni faranno fronte al passaggio delle competenze relative alla gestione degli edifici scolastici superiori. In particolare l’ambito comunale non sembra appropriato al fine di garantire l’omogeneità e gli standard di qualità assicurati in questi anni dalle Province. EDILIZIA SCOLASTICA - Manutenzione TRASFERIMENTO FUNZIONI = MENO RISORSE PER I COMUNI Tr 20 ienn 13 ale -2 0 15 an 20 ziati 13 Fin 20 13 es in time co rso nti blo cca pa ti da tto l Inv M 20 edi 10 a -2 0 12 01 2 20 10 -2 20 12 20 11 20 10 00 9 Me 20 05 dia -20 09 20 05 -2 M 20 edi 00 a -2 0 04 20 00 -2 00 4 EDILIZIA SCOLASTICA- Investimenti
  • 7. PROVINCIA DI AREZZO PROVINCIA DI AREZZO Assessorato al patrimonio, viabilità, edilizia, politiche giovanili La programmazione Attualmente Programmazione e Gestione Dopo Programmazione Gestione Nel disegno di legge è definito che, mentre la competenza della programmazione scolastica sarà propria dei nuovi enti sovra-comunali, non lo sarà la gestione delle strutture edilizie. Il rischio evidente è che si assista ad uno “scollamento” tra (chi pensa) la programmazione scolastica e (chi fa’) la gestione delle scuole. Così facendo risulta attenuata la reale finalità del “sistema scuola”, cioè quella di razionalizzare l’offerta di ambienti di studio, rendendoli sicuri e sostenibili, in considerazione delle reali necessità in termini di domanda di istruzione. RIORGANIZZAZIONE DELLE FUNZIONI = MOLTIPLICAZIONE DEI LIVELLI DECISIONALI (13+1).
  • 8. PROVINCIA DI AREZZO Assessorato al patrimonio, viabilità, edilizia, politiche giovanili PROVINCIA DI AREZZO La rappresentanza territoriale Distribuzione territoriale edifici scolastici 21 22 11 4 8 3 5 (*) Poppi 5 / Anghiari 1 / Caprese Michelangelo 1 / Pieve Santo Stefano 5 / Castiglion Fiorentino 5 / Foiano 3 / Monte San Savino 1. Il Disegno di Legge prefigura una Italia divisa in due parti: da una parte le Grandi Città. L’altra Italia, quella dei territori e dei piccoli Comuni, viene abbandonata. I consiglieri dei nuovi enti saranno individuati con elezioni di II livello tra gli eletti (consiglieri e sindaci) dei Comuni del territorio, oppure, saranno direttamente i sindaci dei grandi Comuni (sopra 15.000 abitanti) e i presidenti delle Unioni di Comuni. In quest’ultima ipotesi faranno parte del Consiglio provinciale esclusivamente i sindaci dei Comuni di: Arezzo, Cortona, Montevarchi, San Giovanni e Sansepolcro (5 sindaci su 39). Per contro i piccoli Comuni non avranno una rappresentanza diretta all’interno dei nuovi enti. ENTE SECONDO LIVELLO = MENO DEMOCRAZIA
  • 9. PROVINCIA DI AREZZO Assessorato al patrimonio, viabilità, edilizia, politiche giovanili PROVINCIA DI AREZZO La rappresentanza territoriale Dati scolastici della nostra provincia provincia n. studenti (n. 16041) , n classi (729) cosi ripartiti: Distribuzione territoriale degli alunni •Area Arezzo; 329 classi per 7529 studenti (22 plessi scolastici). •Area Casentino; 52 classi x 1041 studenti (9 plessi scolastici). 7529 •Area Valdichiana; 102 classi x 2187 studenti (20 plessi scolastici). 1834 3450 2187 1041 •Area Valdarno; 155 classi x 3450 studenti (8 plessi scolastici). •Area Valtiberina; 91 classi per 1834 studenti (15 plessi scolastici). ENTE SECONDO LIVELLO = MENO RAPPRESENTANZA TERRITORIO
  • 10. PROVINCIA DI AREZZO PROVINCIA DI AREZZO Assessorato al patrimonio, viabilità, edilizia, politiche giovanili La convenienza organizzativa Nel DDL non sono riportate le modalità di gestione del personale derivanti dal trasferimento delle funzioni. In una struttura gestionale come quella della Provincia, dove ci sono competenze professionali distinte (ingegneri, architetti, geometri, Amministrativi, Periti) ma in grado di essere complementari fra loro al fine di gestire al meglio un appalto, il rischio che si presenta (nella migliore dell’ipotesi) è quello di trasferire personale senza un criterio organizzativo, disperdendo così conoscenze e professionalità. RIORGANIZZAZIONE NON FUNZIONALE = DISPERSIONE DI PROFESSIONALITA’ Alla luce delle considerazioni fatte, se i servizi offerti ai cittadini dovranno mantenere gli standard di qualità attuali (con almeno le stesse risorse economiche) e dovrà essere garantito il posto di lavoro del personale in servizio, qual è la reale convenienza a trasferire le competenze ai Comuni?
  • 11. PROVINCIA DI AREZZO PROVINCIA DI AREZZO Assessorato al patrimonio, viabilità, edilizia, politiche giovanili Indebitamento EDILIZIA SCOLASTICA Investimenti attuati da Provincia con importo residuo mutui da pagare al dic. 2013 ripartiti per Comune TOTALE INDEBITAMENTO 26.507.000 euro
  • 12. PROVINCIA DI AREZZO PROVINCIA DI AREZZO Assessorato al patrimonio, viabilità, edilizia, politiche giovanili SPESA PUBBLICA Dati U.P.I. AUMENDO DELLA SPESA DI CIRCA 2 MILIARDI DI EURO per trasferimento delle funzioni ai Comuni. Corte dei Conti BASSE POSSIBILITA’ DI RISPARMIO una volta che il disegno di legge dovesse entrare in vigore a tutti gli effetti, e rischio di confusione amministrativa nell’indefinito periodo di transizione. Il giudizio della Corte nei confronti del disegno di legge sul riordino degli enti locali è durissimo, soprattutto nell’impianto della redistribuzione delle competenze, il vero nucleo fondativo del disegno di legge e principio cardine su cui si basa l’intero progetto di ridefinizione dei livelli di governo. Fonte Ministeriale Risparmio fino a 50% delle spese per le funzioni generali di amministrazione 2,1 miliardi [di questi circa 1 miliardo sono spese del personale]. Da rimarcare che le Province non saranno abolite quindi continueranno ad avere costi di mantenimento (Gestione del Patrimonio, Affitti, Trasferimenti, Tasse e imposte..] pressochè identiche (o necessariamente dovranno essere sostenute dagli enti che subentreranno alla provincia] Cen.S.I.S Forti perplessità nella ridistribuzioni delle competenze delle province ai singoli comuni: «La dimensione territoriale provinciale rimarrà centrale nei destini del nostro Paese. E questo vale a maggior ragione oggi, nell'attuale fase di crisi economica e finanziaria e di grande difficoltà della società civile»
  • 13. PROVINCIA DI AREZZO PROVINCIA DI AREZZO Assessorato al patrimonio, viabilità, edilizia, politiche giovanili Conclusioni In definitiva questa Amministrazione è cosciente della reale necessità di ridefinire l‘architettura istituzionale dello stato e di tutti quegli enti e organismi che gravitano intorno ad essa. Tuttavia siamo convinti, che la soluzione riportata dal disegno di legge in oggetto, non sia quella migliore per una migliore efficacia/efficienza dei servizi ai cittadini. PROVINCE = ECONOMIE DI SCALA + INDIVIDUAZIONE CRITICITA’ DI SISTEMA TRASFERIMENTO PATRIMONIO = MENO RISORSE PER I COMUNI RIORGANIZZAZIONE DELLE FUNZIONI = MOLTIPLICAZIONE DEI LIVELLI DECISIONALI E DEI CENTRI DI COSTO SECONDO LIVELLO = MENO DEMOCRAZIA; MENO RAPPRESENTANZA DEL TERRITORIO RIORGANIZZAZIONE NON FUNZIONALE = DISPERSIONE PROFESSIONALITA’; + COSTI INDIRETTI FORTE INCERTEZZA SUI COSTI - AUMENTO DELLA SPESA PUBBLICA
  • 14. PROVINCIA DI AREZZO PROVINCIA DI AREZZO Assessorato al patrimonio, viabilità, edilizia, politiche giovanili LAVORI IN CORSO Nuovo Campo scuola di Arezzo importo investimento € 6.110.000
  • 15. PROVINCIA DI AREZZO PROVINCIA DI AREZZO Assessorato al patrimonio, viabilità, edilizia, politiche giovanili LAVORI IN CORSO Adeguamento normativo e sismico IPSC di Poppi; «la scuola in classe A» importo investimento € 1.139.994
  • 16. PROVINCIA DI AREZZO PROVINCIA DI AREZZO Assessorato al patrimonio, viabilità, edilizia, politiche giovanili LAVORI IN CORSO Adeguamento sismico - ITC di Poppi importo investimento € 1.350.000
  • 17. PROVINCIA DI AREZZO PROVINCIA DI AREZZO Assessorato al patrimonio, viabilità, edilizia, politiche giovanili LAVORI IN CORSO Adeguamento sismico Liceo Scientifico di Sansepolcro importo investimento € 2.020.000
  • 18. PROVINCIA DI AREZZO PROVINCIA DI AREZZO Assessorato al patrimonio, viabilità, edilizia, politiche giovanili LAVORI IN CORSO DI APPALTO Adeguamento Liceo Classico - Via Garibaldi ad Arezzo importo investimento € 1.280.000
  • 19. PROVINCIA DI AREZZO PROVINCIA DI AREZZO Assessorato al patrimonio, viabilità, edilizia, politiche giovanili LAVORI IN CORSO DI APPALTO Adeguamento prevenzioni incendi e barriere architettoniche complesso Convitto nazionale- Liceo Classico di Arezzo importo investimento € 600.000
  • 20. PROVINCIA DI AREZZO PROVINCIA DI AREZZO Assessorato al patrimonio, viabilità, edilizia, politiche giovanili LAVORI IN CORSO DI APPALTO Adeguamento Rifacimento copertura edificio sede istituto "v. colonna" in via Porta buia Arezzo importo investimento € 350.000
  • 21. PROVINCIA DI AREZZO PROVINCIA DI AREZZO Assessorato al patrimonio, viabilità, edilizia, politiche giovanili LAVORI IN CORSO DI APPALTO Adeguamento e manutenzione edificio sede ITC "L. Pacioli" di Sansepolcro importo investimento € 460.000,00
  • 22. PROVINCIA DI AREZZO PROVINCIA DI AREZZO Assessorato al patrimonio, viabilità, edilizia, politiche giovanili LAVORI IN CORSO DI APPALTO Adeguamento edificio sede IPSIA "Margaritone" di Arezzo importo investimento € 400.000,00
  • 23. PROVINCIA DI AREZZO PROVINCIA DI AREZZO Assessorato al patrimonio, viabilità, edilizia, politiche giovanili LAVORI IN CORSO DI APPALTO Adeguamento e manutenzione edificio sede Liceo Classico di Cortona importo investimento € 300.000,00
  • 24. PROVINCIA DI AREZZO PROVINCIA DI AREZZO Assessorato al patrimonio, viabilità, edilizia, politiche giovanili IMPORTO TOTALE APPALTI IN CORSO 14.009.994,00 euro ?

×